Cucinare con gli avanzi

di
cucinare con gli avanzi
@moacirpdsp

E’ passata anche l’Epifania. Siamo tutti, chi più chi meno, satolli. Va bene la crisi, ma rinunciare anche al cibo tradizionale delle feste, beh questo per gli italiani proprio non è contemplabile.

Molti di noi si troveranno frigo e dispensa colmi di resti dei recenti banchetti. E incombe la dieta, quella detox (se esiste) e di dimagrimento post abbuffate, di solito nella top five degli indispensabili Buoni Propositi di inizio anno.

Intanto, un problema alla volta.

Cominciamo a cucinare con gli avanzi

Una volta messo a dieta il frigo, avremo più slancio per imitarlo! Naturalmente, dipende da cosa avete cucinato tra Natale e Capodanno. Vista la pazzesca varietà di cibi che riusciamo a produrre in questo periodo in Italia, starò un po’ sulle generali, sugli evergreen.

Partendo dagli antipasti: avete qualche ritaglio di salmone non ancora brunito? Presto, usatelo per i tagliolini o fettuccine ma lasciate perdere la panna! Della insalata russa? Avvolgetela nelle fettine del suddetto salmone o usatela come contorno di un rassicurante pesce al vapore.

Salatini, canapè ecc.? Sbriciolateli e rivitalizzerete una delle prime insalate della dieta del 2015.

I primi. Beh, se avete del brodo congelatelo, vi dura circa tre mesi. Con le tagliatelle, gli spaghetti e altri tipi di pasta confezionate veloci e sfiziose frittate. Idem coi risotti. Anzi potete virare verso la torta di riso salata, con una sfoglia leggera, o arrostire il riso sulla padella qualche minuto, dicesi riso al salto.

Coi secondi è facile. Zamponi e simili? Sminuzzati producono un fantastico, ed invero non dietetico, risotto. Volatili arrosto? Andate di polpette o ragù, o di più salutari insalate invernali, in cui potete aggiungerli a tocchetti a spinacini, radicchi, arance, pere, finocchi, sedano…

Avete fatto il lesso o bollito? Anche questo è ottimo per le polpette: e meno carne ci mettete, più vi durano.

Inoltre è bene cominciare l’anno con ricette semplici e leggere che non richiedono l’uso di cotture lunghe: marinate il pesce per esempio, come nello sgombro marinato.

Dessert. Panettoni e pandori possono diventare l’impasto di altri dolci tipo torta di pane, meglio ancora se fatti a pallottole, accomodati su due dita di mascarpone e guarniti da una noce e qualche goccia di cioccolato ottimi dolcetti mono-porzione.

Poi, avete presente la carrettata di frutta secca portata dal lontano cugino, cui avete rinunciato (alla frutta, non al parente) solo perché eravate già strapieni? Bene, date le prodigiose proprietà nutrizionali di noci mandorle & C., le distribuiremo in una golosa macedonia con qualche cubetto di mela e un po’ di cannella. Oppure possiamo preparare un muesli homemade per le prossime colazioni: qui la ricetta o usarlo nel bircher muesli.

E con la frutta secca ed altri residui festivi (cedrini, fichi secchi, uvette ecc.) potete sempre fare la pinza o lo zelten.

Mi raccomando avete già usato ampiamente forno e fornelli durante le feste, quindi optate per preparazioni con cotture velocissime o quasi nulle anche questo impatta sull’ambiente. Vogliamo iniziare bene e consapevolmente questo nuovo anno.

Segnala un errore

Aspirante antropologo, vive da sempre in habitat lagunar-fluviale veneto, per la precisione svolazza tra Laguna di Venezia, Sile e Piave. Decisamente glocal, ama lo stivale tutto (calzini fetidi inclusi), e prova a starci dietro, spesso in bici. Così dopo frivole escursioni nella giurisprudenza e nel non profit, ha deciso che è giunta seriamente l'ora di mettere la testa a posto e scrivere su tutto quello che gli piace.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi

Cosa facciamo Le Nius informazione

Cose che cambiano a Le Nius

Il post in cui condividiamo le nuove linee che sono alla base di ciò che proponiamo su Le Nius: ci occupiamo soprattutto di temi sociali e vogliamo farlo con la partecipazione dei nostri lettori e lettrici.
Torna su