Tutto il 2015 dei migranti, in un unico post

di

migranti europa 2015

Un milione di migranti. Questa la cifra record degli arrivi via mare in Europa toccata nel 2015. Un anno straordinario, che potete cogliere nei suoi aspetti fondamentali con una lettura di tre minuti. Se avete più tempo, in fondo al post vi proponiamo una serie di letture per andare un po’ più a fondo.

Migranti Europa 2015: dove sono arrivati

1.014.836. È la cifra esatta degli arrivi via mare in Europa nel 2015 calcolata dall’Unhcr (Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati). È decisamente il numero più alto di sempre: nel 2014 gli arrivi erano stati 216 mila, nel 2013 59 mila, 22 mila nel 2012.

La gran parte degli arrivi si è registrata in Grecia, dove sono sbarcati 856.723 migranti. Pensate che erano 41 mila nel 2014, un incremento folle. A dispetto delle tante voci allarmistiche sentite durante l’anno, gli sbarchi in Italia sono diminuiti rispetto al 2014. Nel 2015 sono arrivate via mare 153.600 persone, contro le 170 mila del 2014.

Migranti Europa 2015: da dove sono venuti

Il 79% dei migranti arrivati via mare in Europa nel 2015 proviene da tre paesi. In particolare la metà del milione e passa di persone è arrivata dalla Siria, per evidenti ragioni. Un altro 21% è arrivato dall’Afghanistan e un 9% dall’Iraq. Sono i tre paesi da cui proviene, in particolare, il 90% delle persone sbarcate in Grecia.

In Italia invece la geografia delle provenienze cambia, e si sposta in Africa. Le rotte africane portano infatti i migranti a tentare la traversata dalla Libia al nostro paese. Il 26% dei migranti arrivati via mare in Italia nel 2015 proviene dall’Eritrea, il 14% dalla Nigeria, l’8% dalla Somalia. Seguono Sudan, Gambia, Siria (sono circa 7.500 i siriani sbarcati in Italia), Mali, Senegal.

Migranti Europa 2015: dove sono andati

Non sappiamo in realtà dove sono andati tutti. Sappiamo il numero di domande di asilo che hanno ricevuto i diversi paesi europei. Ci sono naturalmente anche dei migranti che sono arrivati e non hanno fatto domanda di asilo, ma sono probabilmente la minoranza.

Ci sono anche dei migranti che sono arrivati, ma non hanno ancora fatto domanda di asilo, perché magari prima di farla vogliono spostarsi in un altro paese. La maggior parte dei migranti che arrivano in Grecia o in Italia preferiscono fare domanda di asilo in un paese del centro-nord Europa.

Questi dati, ad ogni modo, ci danno un quadro abbastanza affidabile di dove sono finiti i migranti arrivati via mare in Europa nel 2015.

Secondo i dati di Eurostat, disponibili fino a ottobre 2015, l’Europa ha ricevuto un milione di domande di asilo. Per fare un paragone, sono state circa 570 mila in tutto il 2014.

Il paese che ha ricevuto più domande di asilo è di gran lunga la Germania con 343 mila domande. Segue l’Ungheria con 176 mila domande, che si sono però praticamente fermate dopo la decisione di chiudere i confini con la Serbia e di punire chiunque tentasse di entrare nel paese. Terza la Svezia con 112 mila domande. Altri paesi di afflusso dei migranti sono l’Italia con 69 mila domande, l’Austria con 68 mila e la Francia con 59 mila.

I dati sulle richieste di asilo in Italia sono in linea con quelli del 2014, quando erano state 65 mila, ma mancano ancora i mesi di novembre e dicembre, quindi si avrà un dato certamente superiore. Va detto però che se rapportiamo il numero di domande alla popolazione totale l’Italia scende al dodicesimo posto tra i paesi europei con 1 richiedente asilo ogni 873 abitanti nel 2015. Sono 1 ogni 56 in Ungheria, 1 ogni 86 in Svezia, 1 ogni 123 in Austria.

Migranti Europa 2015: un anno da rivivere

Il 2015 è stato un anno indubbiamente intenso sul fronte delle migrazioni. Intenso giornalisticamente ed emotivamente. Su Le Nius abbiamo cercato di seguirlo attraverso editoriali, commenti, letture politiche e letture sociologiche. Ecco un panorama di quello che abbiamo raccontato.

Numeri di base
Quanti sono gli immigrati in Italia e in Europa: i residenti, qui non c’entrano i migranti arrivati quest’anno.
Quanti sono i rifugiati in Italia e in Europa: coloro quindi che hanno ottenuto lo status di rifugiato, ma ci sono anche i dati su coloro che hanno fatto domanda di asilo (dati ufficiali fino al 2014)
Dove sono i rifugiati nel mondo (prevalentemente fuori dall’Europa)

La situazione nel 2015
Numeri, provenienze, rotte, destinazioni dei migranti arrivati via mare nella prima metà del 2015
Perché sono arrivati così tanti migranti nel 2015: dalla situazione nei paesi di partenza a quella nei paesi di arrivo
Dati e altri aggiornamenti a novembre 2015

Meccanismi giuridici
Come funziona il sistema di accoglienza dei migranti in Italia
La differenza tra rifugiati e migranti economici, più volte citata nel 2015
Il regolamento di Dublino: cos’è e come funziona
Il nuovo fenomeno dei profughi climatici, costretti a spostarsi per cause ambientali

L’Unione Europea e i migranti
L’agenda UE per le politiche migratorie approvata a maggio 2015
Il sistema delle quote sull’immigrazione: come (non) funziona
L’inadeguatezza dell’Europa di fronte alla situazione dei migranti

Focus su Milano
Cos’è successo a giugno 2015 a Milano, quando è emersa la questione dei migranti che popolavano in massa la Stazione Centrale
E come la città se l’è cavata (piuttosto bene)

Contenuto extra
In questo 2015 si sono diffuse tantissime bufale sui migranti: abbiamo provato a smentirne un po’.

Immagine | aljazeera.com

Segnala un errore

Tags:

Sociologo freelance, lavora come progettista, ricercatore e formatore in ambito sociale (più info qui). Per Le Nius è responsabile editoriale, autore e formatore. Crede nell'amore e ha una vera passione per i treni. fabio@lenius.it

Commenta

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Ultimi

migranti 2018

Quanti migranti stanno arrivando nel 2018?

Numeri, rotte, politiche e conseguenze sulla vita delle persone e delle comunità: l'articolo in cui monitoriamo l'evoluzione del fenomeno migratorio in Italia e in Europa nel 2018.
business dell'immigrazione

E basta, con sta storia del business dell’immigrazione

Da slogan elettorale è diventato punto del contratto di governo. Poi è entrato in Parlamento, nel primo discorso del Presidente del Consiglio Conte al Senato. Peccato che sia un luogo comune senza senso che delegittima il lavoro serio e onesto di migliaia di persone e organizzazioni.
Torna su