Folklore a Barcellona: le 7 feste catalane da vedere e da vivere

di
@DIPUTACIODETARRAGONA.CAT

Barcellona è la città per eccellenza dell’estate, il capoluogo mediterraneo della movida e del divertimento, con decine di idee per passare la bella stagione in città. Eppure, durante il resto dell’anno la città di Gaudì e la Catalogna offrono un ampio ventaglio di feste, ricorrenze, tradizioni e giornate speciali. Da settembre, infatti, si da il via al fitto calendario di festività catalane, davvero particolari nel loro genere, cui i catalani sono molto affezionati. In questo post ci avventureremo quindi alla scoperta delle più belle feste della Catalogna.

Sono moltissime, ogni località ha le sue, anche i più piccoli paesi. Ci sono quelle che celebrano il santo patrono, il passato glorioso, eventi religiosi e… addirittura alcune festeggiano antichi e temibili nemici! Nonostante la varietà delle tematiche, le feste catalane hanno tutte degli elementi ricorrenti, unici in tutto il patrimonio folkloristico spagnolo. Quali?

  • Els castellers: le torri umane più famose del mondo anticamente facevano parte di un ballo popolare. Uomini, donne e persino bambini salgono gli uni sugli altri a formare colonne per toccare letteralmente il cielo con un dito.
  • Els gigants i capgrossos: rappresentano un elemento tradizionale delle feste di paese in tutta la Spagna. I primi sono statue di cartapesta molto alte, all’interno delle quali trova spazio un figurante, uomo o donna, che dà vita al gigante. Los capgrossos («testa grossa», in catalano), invece, sono maschere enormi indossate da altrettanti figuranti. Entrambi si cimentano in balli al suono del flabiol.
  • Ball de diables: si tratta di un ballo spettacolare dove figuranti di tutte le età, vestiti da diavoli rossi o neri, sfilano reggendo bastoni alla cui cima si trova una catena di petardi. Accesa la miccia, la catena scoppia e lancia scintille dappertutto. Normalmente i turisti scappano spaventati, ma i catalani no, sembrano non avere il benché minimo timore di fronte al ballo dei diavoli.
  • Correbars: è un’iniziativa molto divertente di cui sono responsabili i giovani della città o del paese dove si celebra la festa. I ragazzi, che in Catalogna hanno i loro circoli e associazioni, distribuiscono bibite e cocktail per strada, percorrono il centro città e si fermano in piazza per dare vita a una discoteca all’aria aperta.

Alle feste catalane partecipa tutta la comunità, le strade si riempiono di gente e di eventi di ogni tipo, non solo tradizionali ma anche moderni: il centro si riempie di palchi per concerti, dove suonano cantanti e gruppi più o meno famosi.

Segnala un errore

Italianissima, cresciuta all’ombra degli ulivi di Puglia, vivo e lavoro a Barcellona. Mi ritengo una viaggiatrice nata, una che ha sempre la valigia pronta per una nuova partenza. Ho fatto miei i versi di un poeta persiano e me li sono impressi sulla pelle: «La vita è un viaggio, chi viaggia vive due volte». Di viaggiare non smetto mai, perché tra un aereo e un treno, ho sempre un libro sul comodino.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi

Andorra

Scoprire Andorra. Storia, cultura e tradizioni del gioiello dei Pirenei

Vi portiamo in Andorra, piccolo Principato tra la Spagna e la Francia, nascosto tra le pieghe della cartina geografica e non esattamente la prima delle destinazioni turistiche. Partiamo per il sesto Stato più piccolo d’Europa, dove influenze francesi e catalane si fondono in un mix di cultura, tradizioni e gastronomia.

Viaggio a Lisbona: una meta non scontata tra tradizione e novità

In viaggio a Lisbona, città del nostalgico fado e delle antiche tradizioni, ma anche giovane e dinamica, dove la curiosità non ha mai fine. Vi raccontiamo quella che secondo Lonely Planet è una delle destinazioni più interessanti del 2018 tra arte, cultura e gastronomia.
Corsica in bici

Corsica in bici: a nord tra mare e monti

Anche se in commercio non si trovano guide dedicate, organizzare un viaggio in Corsica in bici non è impossibile. Quest'isola si presta davvero bene ad essere scoperta a ritmo lento e accontenta un po' tutti, da chi ama il mare a chi preferisce la montagna. Ecco un'idea di itinerario per organizzare il vostro viaggio.
Torna su