Risotto veloce alla pizzaiola, senza soffritto

di
Il risotto è un piatto che fa sudare solo a nominarlo ma se lo prepari con qualche accortezza, usi prodotti leggeri, come il pomodoro fresco e delle buone olive taggiasche, otterrai un piatto che non ha stagione e potrà essere gustato sempre. Il risotto veloce e buono che ti proponiamo oggi è alla pizzaiola ed è pure adatto ad una dieta senza derivati animali.

risotto veloce e buono pomodoro

Le peculiarità di questo risotto veloce al pomodoro sono due:

1. La tostatura del riso ad alta temperatura senza alcun fondo di cottura, e quindi senza grassi, in modo da mantenere i chicchi sodi e non scotti e non aggiungere grassi con il soffritto.
2. L’abbinamento con una crema morbida di pinoli e anacardi sarà perfetta per completare la mantecatura all’olio di oliva. Sostituisce il burro e inoltre si sposa benissimo con gli altri sapori!

La mantecatura del risotto è infatti uno dei problemi che si incontrano con un risotto vegano a cui non si può aggiungere burro e formaggio. Questo è quindi un possibile trucco che non farà rimpiangere la versione tradizionale del risotto.

Dimenticavo: ricorda che se fai un risotto vegano o vegetariano, devi prestare attenzione al brodo, che deve essere vegetale, non di carne!

Risotto alla pizzaiola vegan

Dosi per 2 persone
Preparazione:

  • 200 g riso carnaroli
  • 500 g pomodorini, meglio se da sugo
  • 2 cucchiaini di origano secco
  • 25 olive taggiasche sott’olio
  • Olio extravergine di oliva
  • 1 litro circa di brodo vegetale
  • Sale

Per la crema:

  • ⅓ cup di anacardi ammollati una notte
  • ⅓ cup pinoli ammollati una notte
  • sale

 

1. Prepara un litro di brodo vegetale (io uso un dado vegetale che faccio in casa, già salato) e stai attento a tenerlo sempre caldo durante la preparazione del risotto.

2. Tosta a secco il riso in un buon tegame per circa 1 minuto e aggiungi man mano brodo mescolando quando necessario. Intanto lava i pomodorini ed incidi con una croce la parte inferiore, fai bollire un pentolino d’acqua tuffali dentro per 1 minuto. Vedrai che la pelle inizia a ritirarsi. Scolali e raffreddali con un getto d’acqua fredda. Tagliali e pezzi e mettili a parte conservando l’acqua di vegetazione.

3. Taglia le olive a pezzi e tienile da parte. Scola anacardi e pinoli e frullali con un pizzico di sale fino ad ottenere una crema liscia. Se necessario aiutati aggiungendo un cucchiaio d’acqua.

4. A metà cottura del riso aggiungi i pomodori e la loro acqua e portalo a cottura (circa ) senza farlo asciugare troppo. Quando è cotto ma ancora umido spegni il fuoco, aggiungi l’origano e mantecalo con qualche cucchiaio d’olio mescolando bene. Fai riposare massimo due minuti.
Servilo nei piatti aggiungendo le olive e una cucchiaiata di crema.

Il commensale deciderà se usare tutta la crema per mantecare il suo risotto al pomodoro oppure lasciarla a parte assaporando una forchettata di riso e una di crema.

Varianti possibili per il risotto veloce al pomodoro

  • usa tanto basilico al posto dell’origano
  • se non hai i pomodori freschi puoi usare i pelati o della passata di pomodoro.

Segnala un errore

Amo la cucina e l’arte, l’architettura e la natura al punto da confonderle. Per me la cucina è il luogo migliore per amare chi ho vicino ed è sempre occasione di sperimentarmi, imparare, sognare e talvolta rilassarmi. La mia cucina è vegana e quando mi ricordo la condivido su “Io porto l’hummus“.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi

abitudini alimentari degli italiani

Quali sono le abitudini alimentari degli italiani?

Le scelte alimentari ci raccontano storie di famiglie, di migrazioni, di cambiamenti nel tempo, di identità culturali: quanto spendono gli italiani per mangiare? Dove mangiano? Fanno colazione? Guardiamo ai dati Istat per saperne di più.
Cosa facciamo Le Nius informazione

Cose che cambiano a Le Nius

Il post in cui condividiamo le nuove linee che sono alla base di ciò che proponiamo su Le Nius: ci occupiamo soprattutto di temi sociali e vogliamo farlo con la partecipazione dei nostri lettori e lettrici.
Torna su