Sei valide alternative agli Nba Awards 2016

di

nba awards 2016Gli NBA Awards 2016 visti da un’altra prospettiva: quella di chi non li vincerà. Anche se meriterebbe più di una menzione.

Al di là di quest’emozionante stagione, in cui nell’ultima notte di Regular Season i fan NBA hanno avuto almeno due motivi per seguire con interesse partite che normalmente hanno ben poco da dire, la prima parte del più bel periodo dell’anno cestistico, i playoff NBA, sono dominati dalle conversazioni sui “premi dell’anno”.

Quest’anno ho deciso anche io di lanciarmi, ma in modo differente. Qui non avrete infatti i nomi “classici” e mainstream, ma accenderemo una luce su altri protagonisti della stagione NBA:

  • Nessun nome, tra quelli che leggerete, ha partecipato all’All Star Game (o al Rookie Game) in questa stagione;
  • Nessun nome è parte delle attuali squadre top 5 NBA (Golden State, San Antonio, Cleveland, Oklahoma City, Toronto).

Detto ciò, diamo inizio alle danze.

nba awards 2016
@thesportquotient

Most Valuable Player: Damian Lillard (Portland Trail Blazers)

2015-16: 25.1 ppg (6°), 4.0 rpg, 6.9 apg (7°), 41.9% FG%, 37.5% 3P%, 89.2 FT% (6°), 22.1 PER (16°).

They sleep on him

L’intera stagione di Damian Lillard da Portland, Oregon, si può volendo riassumere in questa frase.

Il numero 0 dei Blazers in questa stagione ha rappresentato l’essenza del Most Valuable Player, trascinando una squadra data da tutto il mondo come una delle possibili peggiori della stagione al 5° posto ad Ovest, beneficiando anche del suicidio degli Houston Rockets e con l’annus horribilis dei New Orleans Pelicans.

Un premio su cui ci sono poche discussioni, visto che Lillard potrebbe anche finire nella top 5 del “premio” vero, che sarà vinto (ovviamente) da Stephen Curry.

 

(Scorri tra le pagine per vedere gli altri NBA Awards 2016)

Segnala un errore

Nato a Palermo nel 1992 e cresciuto in Uruguay a Montevideo, una vita universitaria tra Milano e Londra. Dopo un Master in Media cerco di farmi strada nel mondo dei miei sogni e divido la giornata tra l’NBA, Netflix e il viaggiare con la fantasia. Manu Ginobili è il mio eroe, ed Emma Watson ha cambiato la mia vita. Sogno di fare il giornalista sportivo da quando credevo ancora a Babbo Natale, e a volte mi chiedo se non fosse stato meglio sognare di fare il calciatore.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi

Torna su