Sei valide alternative agli Nba Awards 20167 min read

23 Aprile 2016 Uncategorized -

Sei valide alternative agli Nba Awards 20167 min read

Reading Time: 6 minutes

nba awards 2016Gli NBA Awards 2016 visti da un’altra prospettiva: quella di chi non li vincerà. Anche se meriterebbe più di una menzione.

Al di là di quest’emozionante stagione, in cui nell’ultima notte di Regular Season i fan NBA hanno avuto almeno due motivi per seguire con interesse partite che normalmente hanno ben poco da dire, la prima parte del più bel periodo dell’anno cestistico, i playoff NBA, sono dominati dalle conversazioni sui “premi dell’anno”.

Quest’anno ho deciso anche io di lanciarmi, ma in modo differente. Qui non avrete infatti i nomi “classici” e mainstream, ma accenderemo una luce su altri protagonisti della stagione NBA:

  • Nessun nome, tra quelli che leggerete, ha partecipato all’All Star Game (o al Rookie Game) in questa stagione;
  • Nessun nome è parte delle attuali squadre top 5 NBA (Golden State, San Antonio, Cleveland, Oklahoma City, Toronto).

Detto ciò, diamo inizio alle danze.

nba awards 2016
@thesportquotient

Most Valuable Player: Damian Lillard (Portland Trail Blazers)

2015-16: 25.1 ppg (6°), 4.0 rpg, 6.9 apg (7°), 41.9% FG%, 37.5% 3P%, 89.2 FT% (6°), 22.1 PER (16°).

They sleep on him

L’intera stagione di Damian Lillard da Portland, Oregon, si può volendo riassumere in questa frase.

Il numero 0 dei Blazers in questa stagione ha rappresentato l’essenza del Most Valuable Player, trascinando una squadra data da tutto il mondo come una delle possibili peggiori della stagione al 5° posto ad Ovest, beneficiando anche del suicidio degli Houston Rockets e con l’annus horribilis dei New Orleans Pelicans.

Un premio su cui ci sono poche discussioni, visto che Lillard potrebbe anche finire nella top 5 del “premio” vero, che sarà vinto (ovviamente) da Stephen Curry.

 

(Scorri tra le pagine per vedere gli altri NBA Awards 2016)

CONDIVIDI

Nato a Palermo nel 1992 e cresciuto in Uruguay a Montevideo, una vita universitaria tra Milano e Londra. Dopo un Master in Media cerco di farmi strada nel mondo dei miei sogni e divido la giornata tra l’NBA, Netflix e il viaggiare con la fantasia. Manu Ginobili è il mio eroe, ed Emma Watson ha cambiato la mia vita. Sogno di fare il giornalista sportivo da quando credevo ancora a Babbo Natale, e a volte mi chiedo se non fosse stato meglio sognare di fare il calciatore.
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

TORNA
SU