Sud Sudan, un genocidio dimenticato

di
Sud Sudan, un genocidio dimenticato
@Africa Renewal

In Sud Sudan la guerra civile si è trasformata in una vera e propria pulizia etnica, che ha costretto centinaia di migliaia di sfollati a fuggire verso l’Uganda. La comunità internazionale offre aiuti e propone soluzioni politiche, ma gli interessi legati al petrolio e l’odio millenario fra le etnie dinka e nuer sono ostacoli apparentemente insormontabili per la diplomazia.

Pocket Nius: da sapere in breve

1. Dal 2013 il Sud Sudan è dilaniato da una guerra civile fra l’etnia dinka (al governo) e nuer (oppositori).
2. Il conflitto si è tramutato in un’opera di pulizia etnica da parte delle forze governative, seguita dai massacri operati degli oppositori.
3. Negli anni sono nate nuove piccole fazioni locali che si contendono controllo il dei territori con il petrolio.
4. L’Onu è presente nel Paese con 14mila caschi blu, ma i militari non sono un deterrente sufficiente ad evitare i massacri.
5. I civili riescono a sopravvivere solo grazie agli aiuti umanitari internazionali e almeno un terzo della popolazione è sfollato

Il conflitto tra dinka e nuer

Dal 2013 ad oggi la guerra civile fra dinka e nuer non si è mai fermato. Il Paese, ricco di petrolio, è quotidianamente attraversato da battaglie per il controllo del territorio fra le forze governative del Presidente Salva Kiir e le milizie armate degli oppositori vicine all’ormai ex-vice Presidente Rieck Machar. Ma, col tempo, quella nata come una guerra civile per il governo del neonato Paese, si è trasformata in una vera e propria pulizia etnica: secondo le fonti di Amnesty International, le forze governative di Kiir (di etnia dinka) hanno in più occasioni colpito deliberatamente la popolazione civile di etnia nuer. In appoggio all’esercito si sarebbero uniti anche folti gruppi di milizie locali fra cui “Mathiang Anyoor”, organizzazione militare capillare che dai tempi dell’indipendenza ha sempre perseguitato le minoranze nuer della regione. Per rappresaglia, anche i gruppi armati dell’opposizione nuer hanno compiuto diversi massacri fra i dinka nelle zone strappate al controllo governativo. Secondo Adama Dieng, consigliere speciale ONU per la prevenzione dei genocidi, non si tratterebbe più solo di dinka contro nuer, ma di gruppi di potere locali che combattono per il controllo del petrolio in territori ristretti:

Quello che prima era un esercito indisciplinato diviso tra dinka e nuer è ora un corpo senza forma fatto da diversi gruppi armati, bande di criminali e delinquenti di ogni tipo su cui il governo non esercita alcun tipo di controllo.

A risentire dell’instabile situazione politica è anche l’economica: con lo scoppio della guerra civile, la produzione di petrolio è diminuita passando dai 245 mila barili del 2013 ai 160 mila di oggi. Il PIL, che era cresciuto rapidamente dopo l’indipendenza, è ormai crollato mentre l’inflazione quest’anno è arrivata al 370%, secondo i dati del Fondo Monetario Internazionale. Le poche voci di entrata del bilancio statale, vengono utilizzate dal governo principalmente per sostenere le spese di guerra.

Cosa sta facendo l’ONU in Sud Sudan?

Nel 2016 l’ONU ha inviato 14mila suoi militari in supporto alla popolazione, ma la presenza dei caschi blu non è bastata a contrastare gli incessanti abusi sui civili. A ottobre Nikki Haley, rappresentante permanente alle Nazioni Unite degli Stati Uniti, si è recata in Sud Sudan per osservare come gli aiuti provenienti dagli USA venissero utilizzati dalle Ong sul territorio. Durante la visita a un campo profughi, la diplomatica americana è stata costretta a fuggire dopo lo scoppio di una violenta sommossa anti-governativa. A seguito dell’episodio, la stessa Haley ha manifestato la delusione degli Stati Uniti nei confronti del governo sudsudanese da sempre politicamente appoggiato da Washington: dal giorno dell’indipendenza nel 2013, gli USA hanno versato circa 10 miliardi di dollari e da soli coprono più di un quarto di tutti gli aiuti internazionali che arrivano al Paese ogni anno. Le dichiarazioni dell’ambasciatrice non lasciano però dubbi:

Gli Stati Uniti sono pronti a intraprendere ulteriori misure contro il governo se non agiranno per porre fine alla violenza e alleviare le sofferenze nel Sud Sudan.

Emergenza umanitaria: carestia e crimini di guerra

Secondo i dati dell’ONU, a causa dello scoppio della guerra civile, circa 100mila sud-sudanesi sono stati colpiti da una grave carestia, mentre il 40% della popolazione ha bisogno in maniera continuativa di cibo e assistenza. Alcuni funzionari hanno affermato che le autorità sudsudanesi hanno volutamente bloccato gli aiuti umanitari diretti verso alcuni determinati territori. Accuse poi smentite dal governo stesso. Altri operatori, invece, riportano testimonianze di attacchi verso convogli umanitari da parte sia delle forze governative che dei ribelli. Le notizie che trapelano ai media internazionali sono però molto spesso frammentate e poco attendibili: molti dei crimini non vengono raccontati a causa delle pessime condizioni in cui si trovano i media nazionali e per le difficoltà a raccogliere le testimonianze. Strade e linee di comunicazione sono in buona parte state distrutte negli scontri e molte parti del Paese sono ormai quasi irraggiungibili. Vi è anche una forte influenza sulla popolazione da parte delle fazioni in gioco attraverso i social network, con la creazione di notizie false che rendono più complicate una lettura esatta della realtà. Nel febbraio di quest’anno, l’ONU ha tolto il Sud Sudan dalla lista dei Paesi afflitti da carestia. È però dimostrato che questo fatto è dovuto all’ingente aumento degli aiuti umanitari pervenuti nella regione, piuttosto che a una normalizzazione della produzione alimentare. In molte regioni, infatti, permane carenza di cibo e le Ong fanno ancora fatica a intervenire nelle aree più isolate. Questo ha portato la una situazione di precarietà senza precedenti: negli ultimi sei anni, circa 4 milioni di abitanti (un terzo della popolazione) è sfollato e solo i più fortunati sono riusciti a raggiungere e trovare asilo nella vicina Repubblica Democratica del Congo o in Uganda, uno degli Paesi più accoglienti del mondo per i migranti.


5 link per saperne di +

1. Il + accurato

Il reportage di Pietro del Re su Repubblica.it sulle condizioni dei civili in fuga dalla guerra.

2. Il + critico

Gli orrori della pulizia etnica in Sud Sudan e il fallimento dell’Onu: Antonella Napoli sull’Huff Post analizza la situazione africana e le responsabilità dell’Onu.

3. Il + storico

Internazionale ripercorre le tappe storiche del conflitto in Sud Sudan.

4. Il + accogliente

Sul post un approfondimento sull’Uganda, lo stato più accogliente del mondo.

5. Il + vicino

5 milioni di persone rischiano di morire per mancanza di cibo: la testimonianza di padre Daniele Moschetti raccolta da Radio Vaticana.

Segnala un errore

Fiorentino di nascita, nativo digitale e content creator di professione, anche se ancora devo capire in cosa consiste questo mestiere. Da nerd di prima categoria ho scelto di seguire la più emozionante delle mie passioni: la politica.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi

Perché migliaia di persone fuggono dalla Libia

La Libia non è un porto sicuro, ma uno stato in guerra dove gruppi paramilitari e bande sequestrano e torturano civili, nell'indifferenza dei governi del paese, occupati a combattersi tra loro.
cosa succede ad haiti

Cosa succede ad Haiti | Un paese in fermento

Dal terremoto del 2010 all’epidemia di colera, dalle dittature alla povertà che dilaga. Gli haitiani hanno sopportato molto ma le ultime misure economiche del governo Moise, imposte dal Fondo Monetario Internazionale, stanno scatenando proteste in tutto il paese.
cosa succede in zimbabwe

Cosa succede in Zimbabwe: un paese alla ricerca della democrazia

Uscito da 37 anni di dittatura con il colpo di stato che ha destituito l'ex presidente Robert Mugabe, lo Zimbabwe ha di fronte la storica possibilità di avviare un percorso democratico. Che aria si respira nel paese? Ce lo racconta una cooperante che vive e lavora nel paese.
Torna su