Seitan ai peperoni ricetta2 min read

11 Dicembre 2013 Cucina -

Seitan ai peperoni ricetta2 min read

Reading Time: 2 minutes
Seitan ai Peperoni
@helengenevere

Oggi vi propongo una di quelle adorabili ricette che nonostante siano semplici da preparare producono un risultato gustoso e abbastanza scenografico e vi fanno passare per degli smargiassi dei fornelli anche se fino a ieri eravate congiunti a “4 salti in padella” in matrimonio mistico. Adoro barare. Il seitan ai peperoni.

Questo secondo – variazione di una ricetta di Nigella Lawson – è anche un’ottima portata principale per le feste natalizie alle porte qualora aveste degli ospiti vegetariani o vegani.

Nel caso non foste muniti di sottoposti o sgherri dai nomi pittoreschi (shame on you) tipo Nibbio, Griso o Filomenah, portate le vostre stanche terga fino al supermercato più vicino e comprate gli ingredienti:

Ricetta per Seitan ai peperoni

  • 200g di Seitan al naturale o al tamari
  • 1 porro
  • 1 peperone rosso e uno giallo
  • delle olive nere
  • della farina integrale
  • olio extravergine d’oliva q.b.
  • rosmarino
  • basilico fresco
  • sale e pepe

Procedimento

Sfogate le vostra frustrazioni represse facendo a rondelle il porro e pulite ed affettate i peperoni rossi e gialli a quadrettoni irregolari. Se li avete affettati a quadrati regolari, ci sono buone probabilità che siate pazzi. Consultate uno specialista.

Spargete le rondelle di porro sul tutta la superficie di fondo di una teglia o pirofila e poi disponeteci sopra i peperoni. Irrorate con un filo d’olio e aggiungete sale e pepe.

Separate i panetti di Seitan fino ad ottenere delle fettine tipo scaloppina, dello spessore di al massimo un dito e passatele in un piattino in cui avevate precedentemente versato dell’olio e quindi nella farina da entrambi i lati.

Disponete le fettine infarinate sul letto di porro e peperoni con la calma metodica del sociopatico che si appresta a commettere atti di domestic violence, salatele e aggiungete un po’ di rosmarino e un altro filo d’olio.
Infornate il tutto a 180 gradi e cuocete per 45 o 50 minuti. A metà cottura, in modo che non si secchino eccessivamente, aggiungete una manciata di olive nere e qualche foglia di basilico. Ed è fatta.

Per una resa scenografica che non mancherà di suscitare l’ilarità di grandi e piccini potete incappucciarvi di nero ed escalmare “Hail Setian!” mentre servite il tutto.

Instagrammate la foto prima di mangiare … ci piacerebbe vederle con l’hashtag #vegetarianocasual sui vari social e magari potreste vincere qualche cosa. Scherzo, ovviamente!

Foto in copertina | @helengenevere

CONDIVIDI

Mercante di parole giramondo. Mentre si dedicava allo studio delle humanae litterae nascosto dentro una giara di rupie, è naufragato sulle coste dell’arcipelago giapponese dov’è scampato alla morte venendo colpito in testa da un funghetto 1UP. Ha divorziato dai carboidrati complessi e benché si possa pensare che sia pigro, tecnicamente è solo impostato in modalità risparmio energetico perché mangia solo cibo ipocalorico.
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

TORNA
SU