La Ricetta della torta di mele deliziosa della Zia3 min read

4 Dicembre 2014 Cucina -

di -
antropologa e comunicatrice

La Ricetta della torta di mele deliziosa della Zia3 min read

Reading Time: 3 minutes
ricetta della torta di mele
Autoscatto@ravanellorosapallido.com

Oggi vi consegno la ricetta della torta di mele deliziosa che mi arriva dalla Zia Zena. 

La zia, una donna del ’22, rivoluzionaria per i suoi tempi perché sempre alla ricerca del nuovo, alla scoperta di luoghi lontani, affascinante ed elegante, sfacciata e provocatrice; ha fatto parte solo per un breve (ma intenso) tempo della mia vita. Su lei, sulla sua vita, le sue abitudini ne ho sentite tante e si potrebbe scrivere una commedia alla Virginia Woolf, tra ruoli stabiliti dalla società, amori furtivi, e la costante ricerca di indipendenza (economica, dai ruoli, dagli uomini). Zena sarà ricordata per tante cose, e non solo per avermi lasciato questa ricetta e moltissimi romanzi che ancora devo iniziare a leggere!

Nel suo ricettario (che fortunatamente ho in parte ereditato), in mezzo a foglietti volanti si trova anche la ricetta della torta di mele ‘deliziosa’. Solo per questa scelta terminologica valeva un assaggio e poi, l’ ho rifatta altre mille uno volte! Mi piace anche sapere che l’abbia scritta lei, e che la conservasse con cura. La metto qui sul web in una versione 3.0 o come si direbbe oggi in creative commons, visto che non posso dettarvela a voce!

Ricordate solo di tagliare le mele possibilmente tutte uguali e in fettine medie, o in cubetti, non troppo grandi e non troppo sottili.

E non pensate alla dieta. Non quando si tratta di torte di mele: gustatela fino in fondo.

ricetta della torta di mele

 

La ricetta della Torta di Mele deliziosa della Zia

Dosi per 6 persone (lei indica 4)
Preparazione:

  • 100 g di Farina debole (cioè non farina per il pane ma per dolci), di ottima qualità 
  • 150* g di zucchero integrale o bianco 
  • 150* g di burro ammorbidito (20-30 minuti fuori dal frigo prima di usarlo)
  • 1 bacca di semi di vaniglia o dell’estratto di vaniglia (evitate la vanillina)
  • 2 uova da allevamento a terra
  • 1 Kg di mele possibilmente le Golden 
  • 1 cucchiaio di lievito bio per dolci
  • 1 limone il succo
  • 50 g di zucchero vanigliato a velo
  • 2 cucchiai di latte all’occorrenza
  • Qualche ricciolo di burro e 1 cucchiaio di zucchero in più

Procedimento

  1. Sbucciare e tagliare a fette o in cubetti le mele, tagliatele abbastanza regolari e spruzzarle con il succo di limone.
  2. In una ciotola mescolare lo zucchero con il burro ammorbidito (fuori dal frigo 30 minuti prima). Aggiungere le uova, una alla volta, e la farina con il lievito setacciato. L’impasto deve essere morbido, eventualmente aggiungete due cucchiai di latte, se occorre.
  3. Imburrate e cospargete di pangrattato una teglia apribile. Versatevi il composto in maniera uniforme. Adagiate le fettine di mele affinché siano infilate nel composto in verticale, una vicina all’altra ma non appiccicate, a raggiera. Cospargetele con un ricciolo o due di burro e il cucchiaio di zucchero in più sulla superficie prima di infornare.
  4. Infornate la torta per a 180 gradi. Controllate con la prova stecchino. Umido ma pulito. Una volta sfornata, aprite la tortiera dopo 5 minuti e mettete la torta su una gratella, ad asciugare un po’. Cospargetela con lo zucchero vanigliato a velo.

*Lei indica 200 come dose iniziale e 100 come dose minima. Io mi sono assestata sulle 150 g di zucchero e burro. Ma ho provato anche con 200 g e vi dico che è una goduria.

ricetta torta di mele classica
@ravanellorosapallido.com

Foto in copertina http://www.ravanellorosapallido.com

CONDIVIDI

Antropologa e progettista, per Le Nius è project manager, content manager e formatrice. Nella vita studia e comunica progetti di cooperazione, in particolare progetti di sviluppo che fanno leva sui patrimoni culturali. Si interessa di antropologia dei media, è consulente per il terzo settore. info@lenius.it
4 Commenti
  1. pier

    La torta di mele classica, il dolce-zero che tutti facciamo e tutti adoriamo! Versione super-classica (mi sento, rispettosamente, solo di aggiungere un'indicazione personale sul tipo di mele:io prediligo la compattezza delle ''Golden'' o, se si vuole una preparazione più dolce, le ''Pink Lady'') Sui ricettari tramandati, è tale la poesia e il valore di collante intergenerazionale, oltre che di intrinseco interesse storico-geografico-antropologico, che meriterebbe di parlarne a parte.

    • Stefania Cardinale

      Sono d'accordo sulle Golden ma si sfarinano facilmente, soprattuto in autunno o se sono vecchiotte. In questo caso suggerirei le mele Renette belle sode e grandi, che in inverno sono grandi mentre non usatele (le renette) in estate che avvizziscono e sono piccoline. Suggerisco anche le Fuji che hanno un profumo insolito e sono molto aromatiche.

  2. nico

    non esistono più le vecchie deliziose morbide e dolci che sfarinavano in bocca.Ora sono tutte aspre e croccanti che se uno le morde rischia di doversi fare la dentiera..... Chissà perchè?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

TORNA
SU