Orti indoor o in casa: se non si ha terreno

di


Abbiamo parlato nelle scorse puntate di orti urbani e oggi parliamo di orti indoor o in casa.

Come possiamo coltivare un orto in città se non abbiamo terreno o un balcone a disposizione ?

Non è difficile come si potrebbe pensare, è sufficiente ricreare in casa le condizioni di cui necessitano solitamente le piante all’aria aperta, ossia terreno, acqua, aria e luce.

Ecco allora qualche dritta per orientarsi e avviare orti indoor o in casa.

Innanzi tutto, dobbiamo procurarci dei vasi, piuttosto che dare nuova vita a recipienti inutilizzati, facendo attenzione che siano provvisti di almeno un foro per il drenaggio dell’acqua. Il fondo del contenitore scelto lo riempiamo per pochi centimetri con dell’argilla espansa e poi con del terriccio adatto alle nostre piantine. Possiamo piantare dei semi, così da veder crescere l’orto da zero, oppure possiamo acquistare delle piantine al vivaio.

La terra va mantenuta umida, non bisogna scordarsi di annaffiare.

Se abbiamo optato per le sementi, quando germogliano è importante garantire alle nostre colture le cure di cui necessitano, infatti, oltre all’acqua, va tenuta controllata la temperatura, ottimale tra i 18°C e i 25°C. Ma in casa questo non dovrebbe essere un problema.

Ciò che invece di solito genera qualche ostacolo all’interno di un’abitazione, è trovare uno spazio che sia abbastanza illuminato. La maggior parte delle piante orticole amano un’abbondante luce diretta e soprattutto durante l’inverno garantire questa condizione può essere complicato.

Nel caso in cui incontriate questa difficoltà, è possibile ovviare alla mancanza di luce con una lampada per la crescita. Ne esistono di diverse tipologie e vanno per la maggiore quelle a led, che oltre a ridurre il consumo energetico, permettono di ottimizzare la definizione dello spettro luminoso. Tale caratteristica consente di stimolare correttamente la fotosintesi clorofilliana e inoltre di avviare nuove colture gestendo il fotoperiodo, cioè il ciclo giorno-notte.

orti indoor o in casa
@ missellyrh

I risultati sono ottimi sulle specie più adatte alla coltivazione indoor: fragole, basilico, insalata (soprattutto misticanza), ravanelli, pomodorini, peperoncini, erbe aromatiche. Non si può certo pensare di sostituire i prodotti di un orto tradizionale con quelli di un orto in casa, spazi e risorse sono ovviamente limitati.

Ma volete mettere veder crescere di giorno in giorno i vostri pomodorini, i ravanelli, l’insalatina, sul tavolino della sala, sul banco della cucina, ai piedi della libreria? Perché no, magari anche sulla scrivania dell’ufficio! Potrebbe essere un’idea per rendere più piacevole e rilassante l’assolvimento dei propri doveri.

Allora, avete individuato la postazione adatta al vostro orto in casa? Vi siete muniti di tutto il necessario?

Buon lavoro e buon divertimento e mandateci le foto!

Foto in copertina | missellyrh

Segnala un errore

Di professione curiosa e istigatrice tale; di aspirazione narratrice; di indole sognatrice; impegnata in condivisione e comunicazione. Appena posso, viaggiatrice. Laureata in economia dello sviluppo internazionale, senza necessità di collegamento tra il titolo di studio e ciò che svolgo. Seguo la mia strada e mi piace incontrarne tante altre, diverse. A volte mi faccio domande; per fortuna, non ho tutte le risposte.

1 Comment

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi

Cosa facciamo Le Nius informazione

Cose che cambiano a Le Nius

Il post in cui condividiamo le nuove linee che sono alla base di ciò che proponiamo su Le Nius: ci occupiamo soprattutto di temi sociali e vogliamo farlo con la partecipazione dei nostri lettori e lettrici.
Torna su
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: