Minori stranieri non accompagnati in Italia: profili, numeri e leggi16 min read

15 Febbraio 2021 Dati migrazioni -
Fabio Colombo

di -
Sociologo

Minori stranieri non accompagnati in Italia: profili, numeri e leggi16 min read

Reading Time: 13 minutes

MSNA in Europa: i dati 2018

minori stranieri non accompagnati in europa

Secondo i dati Eurostat 19.740 minori non accompagnati hanno fatto domanda di asilo in Europa nel 2018. Il numero dei MSNA in Europa è in costante calo dopo il picco raggiunto nel 2015 e sta tornando ai livelli precedenti la cosidetta ‘crisi migratoria’ iniziata nel 2014.

Il profilo del minore straniero non accompagnato in Europa è quello di un ragazzo maschio di 16-17 anni. I maschi rappresentano infatti l’86% dei MSNA che hanno chiesto asilo in Europa nel 2018, mentre i 16-17enni rappresentano il 75%.

msna in europa

I MSNA in Europa provengono soprattutto da Afghanistan (circa tremila persone, il 16% del totale dei MSNA), Eritrea (circa duemila, il 10%), Pakistan, Siria, Guinea e Iraq.

I paesi di provenienza sono simili a quelli del 2017 con l’eccezione del Gambia, che era al terzo posto e nel 2018 ha visto calare drasticamente le domande. In generale comunque tutti i paesi fanno registrare un calo rispetto all’anno precedente.

msna-per-paese

Nel 2018 la maggior parte delle richieste di asilo di minori stranieri non accompagnati è stata fatta in Germania, che ha ricevuto circa quattromila domande, il 21% del totale. Seguono Italia (il 20%), Regno Unito e Grecia. Le principali destinazioni sono le stesse del 2017, ma in ordine diverso: l’Italia era al primo posto con diecimila domande, un calo quindi del 60% dovuto sostanzialmente alla diminuzione degli arrivi via mare.

MSNA in Italia: i dati 2019

Come anticipato, nel 2018 sono state presentate in Italia 3,9 mila domande di protezione internazionale da parte di minori stranieri non accompagnati. Il report di monitoraggio del fenomeno pubblicato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali entra nel dettaglio di questi dati.

Rispetto alla provenienza, la quasi totalità dei richiedenti protezione internazionali MSNA in Italia nel 2018 proviene da paesi africani, nello specifico Gambia (633 MSNA), Nigeria (411), Guinea (346), seguiti da Mali e Senegal. Uniche eccezioni extra africane sono il Bangladesh e il Pakistan. I maschi rappresentano la quasi totalità dei MSNA richiedenti asilo in Italia, il 91%.

Se allarghiamo lo sguardo a tutti i minori stranieri non accompagnati presenti in Italia, non solo quindi coloro che hanno presentato domanda di asilo nel 2018, il dato si alza: al 31 dicembre 2018 erano presenti in Italia 10.787 MSNA. Erano 18 mila nel 2017, 17 mila nel 2016. Un dato quindi in costante calo.

msna in italia

Un calo che prosegue anche nel 2019. Secondo il report sulle presenze a giugno 2019, i minori stranieri non accompagnati in Italia sono già scesi a 7.272 unità. Come mai? In parte perché la maggior parte dei minori censiti nel 2018 aveva 17 anni, ed ora ne ha 18 e non rientra più in queste statistiche, in parte perché stanno arrivando meno migranti – sia adulti sia minori – rispetto agli anni precedenti. Il numero è destinato a diminuire ancora, a meno di una crescita negli ingressi nei prossimi mesi: l’86% dei MSNA presenti a giugno 2019 ha infatti 16 o 17 anni.

Quanto alla cittadinanza, la maggior parte dei minori stranieri non accompagnati presenti in Italia proviene dall’Albania (1.662, il 23% del totale), seguita da Egitto (632), Pakistan (523), Costa d’Avorio, Gambia e Guinea.

La Sicilia accoglie buona parte dei minori stranieri non accompagnati in Italia, circa duemila. Seguono Lombardia (800 minori), Emilia Romagna e Friuli Venezia Giulia. Le regioni che accolgono meno MSNA sono Valle d’Aosta, Trentino, Umbria, e Sardegna.

Il 94% dei minori stranieri non accompagnati presenti in Italia sono accolti presso strutture di accoglienza. Il 79% è inserito in strutture di seconda accoglienza, ossia afferenti alla rete del SIPROIMI (sistema di protezione per titolari di protezione internazionale e minori stranieri non accompagnati), ex SPRAR. Il 15% è invece inserito in strutture di prima accoglienza, ossia centri governativi finanziati con fondi FAMI o altre strutture provvisorie gestite a livello locale. Il restante 6% è collocato presso privati.

Infine una parentesi va aperta sui minori stranieri non accompagnati che risultano irreperibili, che al 30 giugno 2019 sono ben 4.736, praticamente lo stesso numero del 2018. Si tratta di minori di cui si sono letteralmente perse le tracce, che si sono allontanati dalle strutture di accoglienza e non si conosce il loro destino.

CONDIVIDI
Fabio Colombo

Sociologo freelance, lavora come progettista, ricercatore e formatore in ambito sociale. Per Le Nius è responsabile editoriale, autore e formatore. Crede nell'amore e ha una vera passione per i treni. fabio@lenius.it
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Iscriviti alla niusletter e resta aggiornato

TORNA
SU