Cosa fare a Milano d’inverno invece di andare in letargo

di

3. Andare al cinema

Cosa fare a Milano d'inverno cinema

Un grande classico che non può mancare nella nostra lista di cosa fare a Milano d’inverno è vedere un bel film al cinema: il cartellone di pellicole del grande schermo è sempre particolarmente ricco nei mesi più freddi. Se d’estate i film in uscita non sono molti, d’inverno c’è sempre l’imbarazzo della scelta.
In programma ora nelle sale milanesi, consigliamo: Rogue One: A Star Wars Story, un altro coinvolgente tassello che va a costruire il complesso mondo della saga fantasy più amata (recentemente rimasta orfana della Principessa, Carrie Fisher); il cartone della Disney Oceania, che vi farà sognare ad occhi aperti le distese blu della Polinesia; Florence, con l’eterna Meryl Streep; Sully, che racconta la storia dell’incredibile ammaraggio del velivolo US Airways 1549 sul fiume Hudson, con Tom Hanks nei panni del pilota Chesley “Sully” Sullenberger (e non dimentichiamoci del grande Clint Eastwood alla regia).

Ma se voleste vivere un’esperienza cinematografica con un pizzico di originalità in più, basterà che andiate al Museo Interattivo del Cinema (che già quest’estate aveva proposto un’interessante rassegna di film all’aperto). Infatti, fino alla Befana, il MIC presenta una stimolante iniziativa polisensoriale: AL CINEMA COL NASO – I FILM COME NON LI AVETE MAI “SENTITI”, un innovativo e sperimentale percorso visivo-olfattivo. Non vi è mai capitato di essere coinvolti così tanto dalla scena di un film da poterne sentire il profumo? Bene, grazie all’Odorama creato dalla società Hanan – Pacha Ltd e sperimentato per la prima volta in Italia dalla Cineteca di Milano ora potrete davvero immergervi negli aromi e negli odori di alcune delle scene più profumate della storia del cinema: dall’intenso e irresistibile profumo di cioccolato e cannella di Chocolat a quello di formaggio di Ratatouille, fino all’inebriante fragranza del letto di rose di American Beauty. L’esperienza multisensoriale del cinema è portata a un livello ancora più intenso.

Segnala un errore

Amante dell’arte, dei viaggi, dell’ultimate frisbee e del genere fantasy, cerca di guardare il mondo con lo sguardo limpido e curioso dei bambini, sulla scia di Bruno Munari: “Conservare lo spirito dell’infanzia dentro di sé per tutta la vita vuol dire conservare la curiosità di conoscere, il piacere di capire, la voglia di comunicare”.

Commenta

Ultimi

Torna su