Verde Nepal

di

Verde Nepal
Quando nei laboratori Fuji in Giappone stavano pensando e progettando la mitica pellicola Sensia si sono certamente ispirati a questi paesaggi nepalesi.

A Milano non ci si fiderebbe di un verde così, sospetteremmo che qualche industria chimica o di vernici ci abbia messo del suo.

In Nepal questo è naturale, come lo è riso che abbonda a duemila metri e non certo sulla bocca degli stolti: la durezza della vita a quella altitudine tempra persone toste e serie. Il riso prodotto, rigorosamente biologico, rifocilla il viaggiatore che scarpina un bel po’ per realizzare questi scatti.

Ma ne vale la pena, che ne dite?

Segnala un errore

Fotografare mi mette in comunicazione, in relazione con l’altro, a volte in modo discreto, quasi invisibile, a volte in modo diretto ma sempre sincero, autentico. In particolare i volti, gli sguardi di quotidianità vissute sono i soggetti che prediligo: mi fanno sentire parte attiva di questo mondo, di questa terra comune da difendere, da proteggere.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi

Torna su