Sondaggi regionali Sicilia 2017: centrodestra favorito, i 5 Stelle rincorrono

di

Sondaggi regionali Sicilia 2017
@wikipedia

(a cura della redazione)
A pochi giorni dalle elezioni -si vota domenica 5 novembre, seggi aperti dalle 8 alle 22- la situazione resta sostanzialmente quella dell’ultimo mese: Nello Musumeci, candidato del centrodestra, è il grande favorito per la corsa alla presidenza della Regione Sicilia. Il contendente più accreditato resta Giancarlo Cancelleri, candidato del Movimento 5 Stelle, che dopo mesi di grande appannamento dovuto anche ai problemi con le regionarie sembra potersela giocare: la Sicilai per il Movimento 5 Stelle rappresenta un banco di prova importantissimo, come non smettono di ripetere i suoi principali esponenti da mesi, e la presenza sull’isola dei “pezzi grossi”, a partire da Beppe Grillo, segna la convinzione pentastellata che chi vincerà la Sicilia sarà favorito per le elezioni nazionali in primavera. E non sono solo i 5 Stelle a pensare che le elezioni regionali in Sicilia misureranno i rapporti di forza in vista delle elezioni nazionali, dato che le coalizioni sono le stesse o comunque molto simili.

Chi sembra partire senza nessuna possibilità di vittoria sono il Partito Democratico, con Micari e Mdp e Sinistra Italiana con Claudio Fava. Micari, nonostante l’endorsement di Totò Schillaci, non si avvicina neanche lontanamente ai numeri di Musmeci e Cancelleri.

Il sondaggio prodotto da Mrs Keix in data 2 novembre vede la seguente situazione:

    Nello Musumeci (centrodestra) 33,5%
    Giancarlo Cancelleri (Movimento 5 Stelle) 33,2%
    Fabrizio Micari (Partito Democratico, Alternativa Popolare) 24,2%
    Claudio Fava (Mdp, SI, Verdi, Rifondazione) 7,6%
    Roberto la Rosa (Siciliani liberi) 1-2%

Negli ultimi giorni la battaglia si è spostata sul campo dei possibili vincitori: il Movimento 5 Stelle ha capito che l’avversario da battere e Musumeci ed è partito alla carica contro l’ex eurodeputato e Ministro, accusando di contare tra le proprie liste una serie di nomi impresentabili. Accuse, a dir la verità, mosse da una parte dello stesso schieramento di centrodestra, la Lega di Salvini, all’altra parte, ovvero Forza Italia, riproponendo in Sicilia lo scontro già presente a livello nazionale per la leadership di un centrodestra sempre più lanciato verso la vittoria. È la seconda volta che Musumeci si candida a governare la Sicilia: nel 2012 ottenne 521mila preferenze, arrivando secondo dietro Rosario Crocetta. Il governatore attuale si era candidato nuovamente ma è stato escluso per ritardi nella presentazione della lista.

Segnala un errore

Fiorentino di nascita, nativo digitale e content creator di professione, anche se ancora devo capire in cosa consiste questo mestiere. Da nerd di prima categoria ho scelto di seguire la più emozionante delle mie passioni: la politica.

4 Comments

  1. Torna a casa Lesso. Il ribollito ti attende. Con questa santa alleanza, la strada è durissima !

  2. Non capisco perche ci si ostina a proporre sempre le stesse cose.
    Spero che Lagalla possa farcela perché a mio parere è l’unico che ha idee ben chiare

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi

migranti 2019

Quanti migranti stanno arrivando nel 2019?

Numeri, rotte, politiche e conseguenze sulla vita delle persone e delle comunità: l'articolo in cui monitoriamo l'evoluzione del fenomeno migratorio in Italia e in Europa nel 2019.
politiche migratorie in italia

Politiche migratorie in Italia: scelte ed effetti

L'Italia ha chiuso da diversi anni le porte agli ingressi di stranieri per motivi di lavoro, ed è per questo che aumentano le richieste di asilo. Ora sta chiudendo anche quella porta.
decreto sicurezza bis

Cosa dice il Decreto sicurezza bis

Sanzioni alle Ong, porti chiusi, rimpatri ma anche stretta sulle manifestazioni pubbliche e sportive: cosa prevede il Decreto sicurezza bis?
Torna su
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: