Sondaggi regionali Sicilia 2017: centrodestra favorito, i 5 Stelle rincorrono23 min read

2 Novembre 2017 Politica Sondaggi Uncategorized -

Sondaggi regionali Sicilia 2017: centrodestra favorito, i 5 Stelle rincorrono23 min read

Reading Time: 16 minutes

Sondaggi regionali Sicilia 2017
@wikipedia

(a cura della redazione)
A pochi giorni dalle elezioni -si vota domenica 5 novembre, seggi aperti dalle 8 alle 22- la situazione resta sostanzialmente quella dell’ultimo mese: Nello Musumeci, candidato del centrodestra, è il grande favorito per la corsa alla presidenza della Regione Sicilia. Il contendente più accreditato resta Giancarlo Cancelleri, candidato del Movimento 5 Stelle, che dopo mesi di grande appannamento dovuto anche ai problemi con le regionarie sembra potersela giocare: la Sicilai per il Movimento 5 Stelle rappresenta un banco di prova importantissimo, come non smettono di ripetere i suoi principali esponenti da mesi, e la presenza sull’isola dei “pezzi grossi”, a partire da Beppe Grillo, segna la convinzione pentastellata che chi vincerà la Sicilia sarà favorito per le elezioni nazionali in primavera. E non sono solo i 5 Stelle a pensare che le elezioni regionali in Sicilia misureranno i rapporti di forza in vista delle elezioni nazionali, dato che le coalizioni sono le stesse o comunque molto simili.

Chi sembra partire senza nessuna possibilità di vittoria sono il Partito Democratico, con Micari e Mdp e Sinistra Italiana con Claudio Fava. Micari, nonostante l’endorsement di Totò Schillaci, non si avvicina neanche lontanamente ai numeri di Musmeci e Cancelleri.

Il sondaggio prodotto da Mrs Keix in data 2 novembre vede la seguente situazione:

    Nello Musumeci (centrodestra) 33,5%
    Giancarlo Cancelleri (Movimento 5 Stelle) 33,2%
    Fabrizio Micari (Partito Democratico, Alternativa Popolare) 24,2%
    Claudio Fava (Mdp, SI, Verdi, Rifondazione) 7,6%
    Roberto la Rosa (Siciliani liberi) 1-2%

Negli ultimi giorni la battaglia si è spostata sul campo dei possibili vincitori: il Movimento 5 Stelle ha capito che l’avversario da battere e Musumeci ed è partito alla carica contro l’ex eurodeputato e Ministro, accusando di contare tra le proprie liste una serie di nomi impresentabili. Accuse, a dir la verità, mosse da una parte dello stesso schieramento di centrodestra, la Lega di Salvini, all’altra parte, ovvero Forza Italia, riproponendo in Sicilia lo scontro già presente a livello nazionale per la leadership di un centrodestra sempre più lanciato verso la vittoria. È la seconda volta che Musumeci si candida a governare la Sicilia: nel 2012 ottenne 521mila preferenze, arrivando secondo dietro Rosario Crocetta. Il governatore attuale si era candidato nuovamente ma è stato escluso per ritardi nella presentazione della lista.

CONDIVIDI
Matteo Margheri

Fiorentino di nascita, Web Marketing Specialist per diletto e Nerd di professione. Si nutre di cultura pop e vive la sua vita perennemente in direzione ostinata e contraria. Per Le Nius supporta l'area editoriale, in ambito politica, e l'area social. matteo@lenius.it
4 Commenti
  1. Avatar

    Salvorusso

    E se vince Lagalla?

    • Davide Fracasso

      Davide Fracasso

      Ciao Salvo, i sondaggi sembrano escluderlo, staremo a vedere :)

  2. Avatar

    Saverio Schinzari

    Torna a casa Lesso. Il ribollito ti attende. Con questa santa alleanza, la strada è durissima !

  3. Avatar

    Nicola

    Non capisco perche ci si ostina a proporre sempre le stesse cose. Spero che Lagalla possa farcela perché a mio parere è l'unico che ha idee ben chiare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

TORNA
SU