Di Napoli e Leicester, Mandela e David Lopez

di
napoli e leicester
@tuttonapoli

Tre a zero al Verona, a Napoli. Settanta punti. Sempre secondi, sempre a -6 dalla Juve. Ci avviamo verso la fine della stagione. Il Leicester ha battuto il Sunderland 2-0, e a cinque turni dalla fine resta al vertice a +7. Su quanto sto per scrivere, devo dirlo, diversi tra voi hanno ragione. Questa storia del magic-Leicester-Davide-contro-Golia (sì lo sappiamo già, va bene: una storia frizzante, tenera, quasi mai vista) ha iniziato a prudere un po’. Dietro l’orecchio, per dire; o sul collo, proprio lì; oppure sotto al culo, che rende meglio, gocciola un pochino di invidia e come ammissione suona croccante e sincera. Voglio dire una cosa, e la dirò in maniera franca: questi davvero ce la stanno facendo a vincere il campionato più bello del mondo, cazzo!

Uno dice: perché, se questa rubrica si occupa del Napoli, oggi si occupa della squadra di una città inglese neanche tanto grande e forse neanche tanto divertente? Ve lo dico io perché: se il campionato finisse oggi, noi tifosi del Napoli non avremmo vinto nulla nonostante un bomber da almeno 40 milioni e 30 reti in 32 partite, il miglior attacco e la seconda miglior difesa; altrove – in tornei più spettacolari, ricchi e competitivi almeno sulla carta – c’è chi avrebbe vinto con i gol di un ragazzaccio ex operaio, seduto, fino a sei anni fa, al pub a guardare la nazionale in tv. Il campionato non finisce oggi, né il nostro né quello inglese. Però tra un mese sì. Mh.

È vero, tralascio una tonnellata di analisi e approfondimenti più giusti e ponderati – senza considerare che sì, in ogni caso sarebbe proprio un paragone poco utile. Ma stringi-stringi questa cosa sarebbe vera. Non remo contro Claudio Ranieri e le sue Foxes. No. Oh, andiamo: sono ragionevolmente felice per il Leicester. Se non avessi scritto qualcosa su quel biondino che gioca lì davanti, dovrei forse inventare altro per provarlo. Tipo: Ehi, io sarei contro la favola delle Midlands? Ma se lo scorso 15 agosto, mentre un mucchio di gente più equilibrata ed estiva di me era in spiaggia, sedevo al pub, gomiti al bancone e Leicester alla tv, a Stamford Bridge! Naturalmente non è vero (naturalmente non è vero che giocavano a Chelsea: erano ad Upton Park, seconda giornata e 1-2 Okazaki-Mahrez).

napoli e leicester
Verona Campione | @Di Matteo

Comunque. Una domanda per voi, tifosi azzurri: a sei gare dalla fine guardate più alla Juve (+6) o alla Roma (-7 con una partita in meno)? Più avanti o più alle vostre spalle? Più scudetto o più Champions? Più attacco o più difesa? A maggio si tireranno un po’ di somme, e vedremo. Ma domenica, in curva, ho avvertito una sensazione strana di relativo allentamento. Come se avessimo dato il massimo, davvero il massimo (quasi) ogni volta e ora fossimo un po’ più vuoti, soprattutto di testa. Come se ogni grammo di forza utilizzata, alla fine, non fosse bastato. Anche uno degli striscioni letti era un po’ più scarico: parlava di non abbattersi, sì, ma nonostante (o proprio per) questo sapeva di finale, Di Caprio che muore e luci che stanno per accendersi. Il campionato è andato, ormai? L’aritmetica dice no, il cuore ni, la testa .

Un vincitore è solo un sognatore che non si è mai arreso.

Sì d’accordo, Nelson Mandela e le frasi da condividere sulle bacheche di Facebook. Ma cosa sapeva, Mandela, di Higuain out per quattro turni e David Lopez a centrocampo?

Non perdere nulla della stagione azzurra. Segui Je sto vicino a te su Facebook.

Segnala un errore

Napoli, luglio '87. Due mesi prima gli Azzurri vincono lo scudetto, lui arriva in ritardo. Una laurea in Storia contemporanea, ma scopre che la Storia non si ripete. Poi redazioni, blog, libri, ciclismo, molti aerei, il tifo, la senape, la vecchia Albione, un viaggio di 10mila km in camper in capo al mondo. Per dimenticare quel ritardo sta provando di tutto.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi

vox 2 box ep 52

Vox 2 Box – Episodio 52 (2×22): Der Kommissioner

L'episodio numero 52 di Vox 2 Box si tuffa nel mondo delle elezioni FIGC con l'ospite Fulvio Paglialunga, scrittore e giornalista, uno dei maggiori esperti delle dinamiche della politica sportiva in Italia.
Torna su