Il turismo sciistico in Europa: ricezione, clima e mete più economiche del 2018

di

turismo sciisticoL’Europa è una delle regioni geografiche leader nel settore del turismo: secondo le stime della Organizzazione Mondiale del Turismo (UNWTO) detiene quasi il 70% del turismo mondiale, a fianco al 20 % dell’America e meno del 10% dell’Asia, Africa e Australia. Non è da meno il turismo sciistico che vede posizionate in Europa le mete più rinomate per gli sport invernali, tra cui le Alpi europee: oggi le Alpi sono un’attrazione per il 15% del flusso turistico mondiale*.

Come in generale tutte le dinamiche di sviluppo, anche il turismo dipende dalla combinazione di vari fattori: quelli climatici e ambientali, economici, politici, i processi istituzionali, sociali e tecnologici in corso. Per esempio, il turismo sciistico è un turismo che beneficia di paesaggi innevati splendidi e in cui il clima ha un ruolo decisivo.

Lo stress del cambiamento climatico globale comincia ad indurre tensioni a questo settore turistico specifico richiedendo soluzioni e analisi. Il cambiamento climatico è un problema per lo sviluppo del turismo mondiale nel suo complesso, e del turismo invernale in particolare che soffre l’aumento delle temperature e la scarsità di neve. Le attività legate alla neve, come lo sci e lo snowboard e le competizioni sportive invernali nazionali e internazionali si svolgono in resort rinomati immersi nella neve durante tutto l’anno. Secondo molti studi, gli sport invernali potranno essere a rischio nei prossimi anni in località situate al di sotto dei 1200 metri e il cambiamento climatico globale sta già influenzando in modo significativo il nostro modo di fare turismo invernale. La ricerca sulla sensibilità del turismo sciistico alle condizioni meteorologiche variabili sta cominciando ad esaminare meglio le correlazioni con i cambiamenti climatici, al fine di comprendere l’incidenza delle diverse variabili meteorologiche e le conseguenze di stagioni invernali straordinarie (ad esempio, effetti non lineari o soglia di inverni caldi record) per valutarne vulnerabilità e futuri cambiamenti.

Data l’estrema sofisticazione delle attività legate al turismo sciistico tra i fattori importanti nella scelta della località, oltre il clima e il paesaggio, c’è la presenza di impianti di collegamento adeguati, il prezzo del pernottamento, l’offerta e il prezzo di attività alternative allo sci.

Nella scelta di una località invernale infatti è diventato sempre più rilevante il prezzo e le attività alternative allo sci e snowboard, come gli elementi legati alle tradizioni locali e culturali, e le attività ricreative alternative disponibili. Secondo una indagine recente il 36% di coloro che si recano in una località sciistica ritiene cruciale la riuscita della vacanza la presenza di attività alternative allo sci e ha il desiderio di immergersi nelle tradizioni culturali locali e nella gastronomia della luogo scelto.

turismo sciistico in europa e italia

Quali sono le località sciistiche più economiche in Europa?

Anche il prezzo è un fattore importante e determinante della scelta della località sciistica. Il turismo invernale sciistico è un turismo abbastanza costoso. Secondo una recente ricerca di Holidu, in Europa mediamente si spende 80 euro al giorno solo per skipass e pernottamento. Holidu ha fatto una analisi delle diverse mete sciistiche italiane comparando le due spese maggiori legate a questo tipo di vacanza, ovvero i prezzi di skipass e pernottamento (in abitazione privata). Il risultato è che la località sciistica più economica d’Italia è Pinzolo, in Trentino, mentre in Europa è la Polonia.

In seguito riportiamo le 16 località sciistiche italiane analizzate in ordine di costi giornalieri, dal più basso al più alto (prezzi stimati a ottobre 2018):

  1. Pinzolo (76 euro)
  2. Val di Fiemme (78 euro)
  3. Via Lattea (86 euro)
  4. Monterosa (88 euro)
  5. Folgaria, Trentino (89 euro)
  6. Passo del Tonale, tra Trentino e Lombardia (89 euro)
  7. Bormio, nel Parco Nazionale dello Stelvio, tra Italia e Svizzera (99 euro)
  8. Val di Fassa, Dolomiti (100 euro)
  9. Breiuil Cervinia Valtournenche, Monte Cervino (102 euro)
  10. Courmayeur, Valle d’Aosta (104 euro)
  11. Livigno (111 euro)
  12. Plan de Corones (118 euro)
  13. Madonna di Campiglio (123 euro)
  14. Alta Badia (126 euro)
  15. Val Gardena (141 euro)
  16. Cortina D’Ampezzo, in Veneto (154 euro)

Le destinazioni di Cortina d’Ampezzo e Val Gardena sono le località sciistiche italiane più esclusive e più costose d’Italia.

In Europa le località sciistiche più economiche si trovano in Polonia, per esempio a Czarna Góra-Sienna per skipass e pernottamento si spende circa 41 euro al giorno, mentre quelle più care si trovano in Austria e Svizzera, con Zermatt in Svizzera a circa 174 euro al giorno e St. Moritz a 156 euro al giorno.

Pinzolo, Trentino

Al primo posto tra le località sciistiche europee low cost si trova Pinzolo, dove pernottamento in casa più skipass costa circa 76 euro al giorno, di cui 41€ di skipass giornaliero e 35€ per l’alloggio, in alta stagione.
Pinzolo si trova nell’Alta Val Rendena, in provincia di Trento. La piccola cittadina, che ospita poco più di 3000 abitanti, è perfetta per destreggiarsi sugli sci per ogni difficoltà e livello. Pinzolo, oltre ad essere un paese intimo e accogliente, offre l’accesso a circa 150km di piste della valle Campiglio, Val di Sole e Val Rendena, a cui si può accedere con 61 impianti di risalita e collegato alle piste di Campiglio dalla nuova telecabina Pinzolo-Campiglio Express. Le due piste famose Rododendro e Competition attraversano i boschi di larice e nella Conca di Grual, invece, si scia a fianco del Crozzon di Brenta.
Per gli amanti degli sport invernali a Pinzolo ci sono anche lo stadio del ghiaccio con pista olimpica e il centro fondo di Carisolo-Pinzolo, con circa 5 km di pista sui prati innevati lungo il Sarca e illuminazione serale su circa 3 km di pista.

 

* Fonte: Pestereva, M. et al. 2012, Modern Climate Change and Mountain Skiing Tourism: the Alps and the Caucasus, European Researcher, Vol.30 (n. 9-3).

Segnala un errore

Indologa, ex cooperante all'estero, fa ricerche di antropologia applicata al sociale, i patrimoni culturali e la cooperazione per lo sviluppo sostenibile (qui) e scrive progetti. Ha un blog. Per Le Nius, editor, pr, Instagrammer e formatrice. food@lenius.it

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi

Andorra

Scoprire Andorra. Storia, cultura e tradizioni del gioiello dei Pirenei

Vi portiamo in Andorra, piccolo Principato tra la Spagna e la Francia, nascosto tra le pieghe della cartina geografica e non esattamente la prima delle destinazioni turistiche. Partiamo per il sesto Stato più piccolo d’Europa, dove influenze francesi e catalane si fondono in un mix di cultura, tradizioni e gastronomia.

Viaggio a Lisbona: una meta non scontata tra tradizione e novità

In viaggio a Lisbona, città del nostalgico fado e delle antiche tradizioni, ma anche giovane e dinamica, dove la curiosità non ha mai fine. Vi raccontiamo quella che secondo Lonely Planet è una delle destinazioni più interessanti del 2018 tra arte, cultura e gastronomia.
Torna su