Il mercante di Damasco e il tempo sospeso1 min read

30 Aprile 2014 Viaggi -

Il mercante di Damasco e il tempo sospeso1 min read

Reading Time: < 1 minute

mercante di Damasco

[divider scroll_text=”NonSoloFoto”]
Jawad è un mercante di Damasco. Se ne sta in mezzo alle sue mercanzie, la sua vita. Lo sa bene che oggi, come ieri e domani, non giungeranno avventori al suo negozio.

Ci sono la guerra, la miseria e la fame. Non ci sono soldi; si muore per strada per andare a prendere l’acqua, per comprare poche cose, sfidando la propria quotidianità a sopravvivere tra gli orrori.

Jawad significa “colui che dà a piene mani“. Così faceva suo nonno, poi suo padre e adesso lui.

E se non ci fossero altre generazioni in questa bottega? Se la mia storia finisse con me?

Il mondo, là fuori, non sembra accorgersi del conflitto, il tempo è sospeso. Tutti i potenti della terra si dicono per la fine degli scontri, ma a Ginevra è difficile trovare un tavolo per sedersi a parlare di corridoi umanitari, figuriamoci accennare alla pace.

Quanti sfollati, quanti rifugiati e quanti morti per dire basta a questa guerra, a tutte le guerre? Tanti anni fa uno storico, Publio Cornelio Tacito, disse:

“Ne fecero un deserto e lo chiamarono pace”.

CONDIVIDI

Fotografare mi mette in comunicazione, in relazione con l’altro, a volte in modo discreto, quasi invisibile, a volte in modo diretto ma sempre sincero, autentico. In particolare i volti, gli sguardi di quotidianità vissute sono i soggetti che prediligo: mi fanno sentire parte attiva di questo mondo, di questa terra comune da difendere, da proteggere.
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

TORNA
SU