Emigrati italiani | Chi sono, da dove partono e dove vanno?16 min read

23 Novembre 2022 Emigrazione -

Emigrati italiani | Chi sono, da dove partono e dove vanno?16 min read

Reading Time: 13 minutes

Siamo talmente concentrati a parlare di immigrazione in Italia che a volte ci dimentichiamo degli emigrati italiani. Eppure il nostro è fondamentalmente un popolo di migranti: lo è stato nella storia e lo è anche oggi. Facciamo due conti per capire meglio le dimensioni, la natura e l’evoluzione del fenomeno degli italiani all’estero.

Emigrati italiani: un po’ di storia

Per un panorama completo sulla storia delle migrazioni, che coinvolge anche tempi più antichi e altre popolazioni, potete leggere questo nostro articolo. Qui ci occupiamo di emigrati italiani nel periodo successivo all’unità d’Italia, un periodo che ci ha visti protagonisti del più grande esodo della storia moderna. Possiamo suddividere l’emigrazione italiana meno recente in quattro fasi temporali.

La prima, dal 1876 (prima rilevazione ufficiale) al 1900, è dovuta a fattori socio-economici, all’inizio era diretta prevalentemente verso Francia e Germania, poi verso Sud America e, in misura più ridotta, Nord America. Attraverso movimenti prevalentemente spontanei e clandestini, espatriarono, soprattutto dal nord Italia, circa 5,3 milioni di persone. Parliamo di una quota enorme della popolazione, che in quel periodo oscillava intorno ai 30 milioni di abitanti. In pratica oltre il 15% della popolazione.

La grande ondata di emigrati italiani proseguì dal 1900 al 1914. Questa seconda fase vede protagonisti soprattutto emigrati dal centro-sud Italia, espulsi dal settore agricolo e dalle aree rurali senza trovare alternativa in un settore industriale ancora traballante. Questa fase, definita la Grande Emigrazione, fu prevalentemente extraeuropea, anche se rimasero mete europee privilegiate la Francia e la Germania, a cui si aggiunse la Svizzera. Lo scoppio della prima Guerra Mondiale e la conseguente pericolosità degli spostamenti pose fine a questa fase, in cui lasciarono l’Italia oltre 9 milioni di persone, pari a un quarto della popolazione totale.

Tra le due guerre mondiali – Dal 1918 al 1939 – assistiamo a una fase di decrescita dell’emigrazione italiana per via delle restrizioni legislative adottate dagli Stati di approdo, per la crisi economica del ‘29 e per la politica restrittiva e anti-emigratoria perseguita dal fascismo. In questo periodo il decrescere dell’immigrazione extraeuropea portò all’aumento dei flussi europei, verso Francia (meta prediletta degli oppositori al regime) e Germania (dopo la firma del Patto d’acciaio). Si aggiunsero gli spostamenti verso l’Africa coloniale, grottesco tentativo di espansionismo imperiale. In questo ventennio emigrarono comunque 3,2 milioni persone.

Infine, la quarta fase è quella del dopoguerra: dal 1945 al 1970 – periodo di profondi cambiamenti economici, sociali e politici – i flussi migratori tornarono a essere particolarmente ingenti, soprattutto dal sud del paese. Principali mete transoceaniche furono America Latina e Australia, mentre in Europa si puntò in particolare verso Francia, Germania, Belgio e Svizzera. Gli emigrati italiani furono circa 7 milioni.

Il grande esodo che coinvolse l’Italia dall’unità d’Italia agli anni settanta del novecento vide quindi oltre 27 milioni di persone lasciare il paese, un numero esorbitante. Altro aspetto significativo fu il passaggio da un fenomeno piuttosto anarchico a una sua progressiva regolamentazione sia in entrata sia in uscita.

Raffaello_Gambogi_-_The_Immigrants_(1894)
Raffaello Gamboni – The Immigrants (Wikimedia.org)

I nostri connazionali migranti hanno spesso dovuto affrontare una realtà dura, caratterizzata da gravi problematiche igienico-sanitarie, sociali ed economiche, che si manifestavano fin dai porti d’imbarco delle grandi città italiane – come Genova, Palermo o Napoli – e li accompagnavano nei paesi di destinazione. Definiti

promiscua feccia sporca, sventurata, pigra, criminale dei bassifondi italiani

e spesso bollati come una “razza inferiore” o una stirpe di assassini e mafiosi, gli emigrati italiani “pelle oliva” hanno fatto i conti con pregiudizi, stereotipi e un’intolleranza dilagante, manifestata nei paesi d’arrivo non solo dai comuni cittadini e dalla stampa, ma anche da politici e autorità.

A completare il quadro c’erano i bassi salari, la ghettizzazione, le condizioni di lavoro e di vita precarie, unite alla difficoltà di comunicare a parenti e amici la propria condizione. Il desiderio di mostrarsi come coloro che “ce l’avevano fatta”, di non deludere le aspettative dei propri cari, di mantenere in piedi il mito di una terra promessa e di una rivalsa fuori dai confini nazionali, portava spesso gli espatriati a celare le reali condizioni in cui versavano e a farsi protagonisti di una narrazione trionfalista, che poco aveva a che vedere con la realtà.

Ma all’estero molti nostri connazionali hanno anche trovato fortuna, integrandosi all’interno dei contesti sociali, economici e culturali d’accoglienza e, se una quota consistente di essi nel tempo ha fatto ritorno in patria, un dato colossale è quello che riguarda i discendenti italiani nel mondo (oriundi): si stima siano tra 60 e 70 milioni. Un’altra Italia fuori dall’Italia.

Italiani all’estero: quanti e dove sono

L’emigrazione degli italiani all’estero è quindi una realtà consolidata con origini lontane. Secondo il rapporto dell’AIRE – Anagrafe Italiani Residenti all’Estero, gli emigrati italiani nel mondo al 31 dicembre 2021 sono 5.806.068, un dato in continua crescita negli ultimi anni (+6% rispetto al 2019). Sono soprattutto in Europa (3,2 milioni) e America Latina.

Il paese con il maggior numero di emigrati italiani è l’Argentina, con 903 mila iscritti all’AIRE, e qui abbiamo raccontato le storie di emigrati italiani in Argentina. Seguono Germania (814 mila emigrati italiani), Svizzera (648), Brasile (528), Francia (457), Regno Unito (439), Stati Uniti (298) e Belgio (277 mila).

Attenzione però, parliamo però di presenze registrate e non di movimenti migratori veri e propri: i dati dell’AIRE vanno letti considerando che l’iscrizione è un diritto-dovere previsto non solo per coloro che lasciano l’Italia e si trasferiscono in un altro Stato per oltre 12 mesi, ma anche per i discendenti di italiani nati all’estero a cui è stata riconosciuta la cittadinanza, i quali potrebbero non essersi neanche mai recati in Italia.

Ciò spiega la grande presenza italiana in paesi che sono stati mete di emigrazione nel passato, seppure più della metà risulta iscritta per espatrio e quelle stesse mete continuano a essere anche oggi destinazioni particolarmente attrattive. Per restituire un quadro più completo i dati dell’AIRE vanno quindi associati ad altre fonti, nazionali ed estere.

Gli emigrati italiani di oggi

A partire dagli anni settanta da paese di emigrazione l’Italia diviene paese di immigrazione, seppure si conta ancora una media di 50 mila espatri all’anno sia verso mete nuove, sia verso quelle già battute.

Dopo un decennio con numeri intorno alle 30-40 mila partenze annue, gli emigrati italiani tornano a crescere a seguito della crisi economica di fine anni duemila, con un aumento significativo dei numeri a partire dal 2011, dando avvio a quella che viene definita “Nuova Emigrazione”, tuttora in corso, anche se nel 2020, causa pandemia, c’è stato un rallentamento. Secondo i dati Istat, nell’ultimo decennio (2011-2020) sono 980 mila gli italiani e italiane che hanno lasciato il nostro paese, di cui circa 250 mila con titolo di studio uguale o superiore alla laurea.

Alle 121 mila persone di cittadinanza italiana emigrate nel 2020 dobbiamo aggiungere anche circa 39 mila persone di cittadinanza straniera che risiedevano in Italia e che si sono trasferite in un altro paese, per un totale quindi di circa 160 mila cancellazioni anagrafiche. Parallelamente diminuiscono i rientri dei nostri connazionali e il saldo migratorio con l’estero si assottiglia: nel 2020 sono state appena 56 mila le iscrizioni anagrafiche dall’estero di cittadini italiani con un saldo negativo tra italiani emigrati e rientrati di circa 65 mila unità.

Il 20% degli emigrati italiani del 2020 ha meno di 20 anni. L’età media è di 32 anni per gli uomini e 30 per le donne; a emigrare sono prevalentemente uomini, il 54% del totale, ma fino ai 25 anni non si registrano differenze di genere. A proposito di titolo di studio, anche nel 2020 molti emigrati italiani sono istruiti: 1 su 4 ha almeno la laurea.

In termini relativi alla popolazione però, le regioni con il tasso di emigratorietà più alto sono Valle d’Aosta, Trentino-Alto Adige e Molise (oltre 3 emigrati ogni mille abitanti), seguite da Marche, Veneto, Lombardia ed Emilia Romagna. Pochi emigrati italiani partono invece da Puglia e Lazio.

Quanto alle destinazioni, continua il boom di partenze per il Regno Unito (+18% rispetto al 2019). La spiegazione data da Istat è che molti italiani in realtà già presenti nel Regno Unito ma che non avevano fatto la cancellazione dall’anagrafe italiana, lo abbiano fatto nel 2019 e 2020 per trasferire la residenza nel Regno Unito all’interno del cosiddetto “periodo di transizione” che precede la Brexit, periodo terminato il 31 dicembre 2020.

Va anche detto però che dal Regno Unito nel 2020 sono rientrare in Italia circa diecimila persone. L’effetto Brexit quindi si fa sentire, se consideriamo i rientri e il fatto che i nuovi inglesi hanno in realtà regolarizzato la loro posizione.

Dopo il Regno Unito, le destinazioni più gettonate sono Germania, Francia, Svizzera, Spagna e Brasile. Rispetto al 2019, in crescita Regno Unito e Belgio, stabili Francia e Spagna, in calo la Germania, mentre crollano i flussi extraeuropei verso Brasile e Cina, probabilmente causa pandemia.

 

I numeri però sono molto probabilmente sottostimati, in quanto non tutti gli espatriati effettuano prontamente la cancellazione anagrafica e la registrazione nel paese d’arrivo, come abbiamo visto nel caso del Regno Unito.

Inoltre, è interessante anche il fenomeno dei nuovi cittadini italiani che emigrano. Si tratta di persone italiane che hanno un’origine straniera e che rientrano al luogo di origine o emigrano in un paese terzo dopo aver ottenuto la cittadinanza italiana. Sono circa 33 mila i nuovi italiani emigrati nel 2020, di questi oltre il 30% è nato in Brasile, il 9,5% in Marocco, il 6% in Pakistan, il 5% in Bangladesh.

Anche per questa tipologia di emigranti i paesi dell’Unione Europea sono le principali mete con una preferenza per il Regno Unito per i nati in Asia (91%), per la Francia per i nati in Africa (50%), per la Germania per i cittadini italiani nati in altri paesi Ue.

Nuove categorie di emigrati italiani

Anche se sono la maggioranza, a lasciare l’Italia non sono solo i più giovani. Oltre agli spostamenti di singoli e intere famiglie con figli al seguito, assistiamo in questi anni all’emersione di nuove categorie di migranti:

I migranti maturi disoccupati: è la categoria che registra la crescita più importante, si tratta di ultracinquantenni che si spostano per far fronte alla precarietà lavorativa e all’assenza di prospettive in Italia. Devono sostenere economicamente la famiglia e sono ancora lontani dalla pensione, hanno quindi bisogno di accumulare gli anni di contributi mancanti per arrivarvi.

I migranti genitori-nonni ricongiunti: hanno un’età avanzata e seguono i propri figli e nipoti, spesso per facilitare la gestione familiare nel nuovo paese.

I migranti di rimbalzo: emigrati di ritorno, cioè persone che sono rientrate in Italia dopo essere state all’estero a lungo ma decidono di ripartire, spesso per bisogni familiari o perché l’esperienza di rientro ha deluso le loro aspettative.

I migranti previdenziali: uomini e donne in pensione che si spostano verso paesi in cui la vita costa meno rispetto all’Italia, per aumentare il proprio potere d’acquisto. La loro scelta non è però soltanto economica: sono particolarmente attratti dal clima e dal contesto socio-culturale dei luoghi in cui si trasferiscono.

Un quadro quindi quello degli emigrati italiani con una dimensione storica molto radicata, ma anche con una dinamicità che rende gli italiani tra i più grandi popoli migranti di ieri e di oggi.

CONDIVIDI

Progettista sociale con spiccato interesse per le questioni politiche e sociali. Tenta costantemente la fuga dallo schermo del computer, ma inciampa spesso nel cavo di alimentazione, lo calcia e scappa tra gli alberi o tra i portici di Bologna. Vagheggia di mollare tutto per dedicarsi a viaggi squattrinati e alla sua principale passione: la polemica.
2 Commenti
  1. grazia burman

    E cosa succede con lemigrazione degli italiani nella economia italiana? Mi pare che non solo in Brasile gli effetti di questi arrivi massivi di italiani siano stati molto positivi sulla cultura di São Paulo e il suo sviluppo industriale ma anche in Italia queste partite massive permettono di svilupparsi di piú. Vuol dire che la capacità intrinseca determinata un pò per l educazione formale e informale e dello spirito della cultura italiana hanno fatto questo sviluppo. Studi di imigranti italiani in Brasile nella regione Sud (Rio Grande do Sul e Santa Catarina ) rurale dimostrano che questi discendenti dei emigrati italiani, in poco piu di una generazione hanno subito un inpoveramento intelettuale e economico e dimostrato che senza quelle condizioni culturali e educazionali che avevano prima, ne mezzi ne scuole adattate alle loro necessitá.

  2. IB

    Grazie per l'articolo. È molto interessante. Io vivo all'estero da 8 anni e ho conosciuto molte decine di stranieri (prevalentemente brasiliani) con cittadinanza italiana, ma residenti all'estero. In pratica stranieri con un nonno italiano che ha permesso loro di ottenere la cittadinanza, ma solo per potersi trasferirsi in altri paesi europei. Diversi di loro mi hanno anche parlato di un vero e proprio business in Italia di gente che affitta una stanza per il tempo necessario a ottenere la cittadinanza e agevola le pratiche. Se solo io ne ho conosciuti così tanti, il numero totale deve essere di almeno migliaia di persone. Presumo che vengano conteggiati come italiani emigrati, ma mi chiedevo se c'è la consapevolezza che rappresentano un categoria a sè. Per conoscenza, ho trovato poi un analogo fenomeno di sudamericani con passaporto spagnolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Iscriviti alla niusletter e resta aggiornato

TORNA
SU