Conferenza Microsoft E3: 2 console, 100 giochi e 8 milioni di pad

di
conferenza microsoft e3
Fotogramma artistico dell’Xbo One S @fuba recorder

Yuk. Il mio (basso) profilo nerd prende gli schiaffi da quello bassissimo di tifoso della Nazionale, ma nel prepartita mi concedo la visione della conferenza Microsoft, e vi racconto cos’ho visto (molto) e cos’ho capito (molto meno).

Conferenza Microsoft E3

Partenza della conferenza con due parole su Orlando e via di nuova console: la Xbox One S, negli USA ad agosto a 300 $. Bianca snella piccola bucherellata. La presentazione prosegue con una serie di titoli giocabili sia da PC o tablet Windows che da Xbox One.

Gears of War 4, che uscirà l’11 ottobre, vince il primo gameplay della serata, tutta caratterizzata da un ritmo molto buono rallentata ad hoc proprio da alcune dimostrazioni di giochi. Poi Killer Istinct e Forza Horizon 3: se è questo il momento della realtà virtuale, riconosco che arriva con il tempo giusto, perché sono impressionato dal realismo delle immagini di questo titolo automobilistico: come potrebbero andare oltre?

E poi arriva l’attesissimo Final Fantasy XV. L’atmosfera è quella cui la Square Enix ci ha abituati, e la creatura affrontata dal protagonista è ciclopica, seconda per dimensioni solo al colossale granchio che si vedrà più avanti in Scalebound: in quest’altro titolo l’arciere che prende di mira il foruncolo rosso della creatura nemica a confronto è grosso come un virus. Per PC. Ma l’arciere si mette delle cuffie da musica e se ne infischia dei problemi di scala.

In Battlefield 1 un soldato perde l’udito e nel gameplay di Minecraft un giocatore cavalca un suino, e io mi rammarico di avere perso almeno una generazione di videogiochi. Quando poi un giocatore si muove con l’Oculus Rift (come auspicavo l’anno scorso) capisco che sarà la prossima quella da non mancare.

In ascolto alle richieste dei gamers la Microsoft ha implementato l’Arenauna piattaforma in Xbox live che facilita le sfide online; FIFA ne usufruirà (e allungherà così il distacco da PES?). Segue il video di ottima fattura sui pad personalizzati.

La mia attenzione si allenta man mano che ci si avvicina al fischio d’inizio: mi colpisce Gwent, videogioco di carte tratto direttamente da The Witcher 3 (e già diffuso come gioco di carte cartacee), ma m’interroga la rinuncia a così tante esclusive per Xbox One in favore di Windows. Avranno fatto i loro conti.

Come quello che in Sea of Thieves svuota l’acqua che la stiva sta imbarcando, mentre i suoi amici al piano di sopra cannoneggiano le navi nemiche. Avrà fatto i suoi conti su quanto aveva voglia di divertirsi…

Proprio mentre mi distraggo, ed estraggo la 21 azzurra di Andrea Pirlo, viene portato il vino buono e annunciata per l’autunno del 2017 una nuovissima console, la prima della prossima generazione, chiamata (provvisoriamente?) Project Scorpio. La console più potente di sempre, come peraltro spesso accade alla console più recente, si avvarrà di una capacità di calcolo di 6 teraflops, il quadruplo della Xbox One. E Microsoft vince, come l’Italia.

Segnala un errore

Milanese milanista, per Le Nius redattore e formatore. Comunica per Fondazione Arché, blogga per Vita.it. Persegue la semplicità e, nel cammino, interroga il suo tempo. Ha sempre da imparare. paolo@lenius.it

2 Comments

    • Ahahah, basta investire la metà di quelle ore nel Gwent cartaceo… Quando ho visto i pad (adorabili) mi sono chiesto perché non ci avessero ancora pensato (ma anche perché a me stesso non fosse venuto in mente che avrebbero potuto farlo da un pezzo), in fondo già molti di noi li personalizzano a loro modo.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi

Gimme5, qualche domanda a chi la usa

Una raffica di domande a uno studente che usa Gimme5 per i suoi piccoli investimenti: "Chi sei? Quanto usi questa app? Quanto ci hai guadagnato?".
Torna su
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: