Jim Messina, il nuovo spin doctor di Renzi

di
Jim Messina, il nuovo spin doctor di Renzi. Dopo Obama e Cameron, ecco l'arrivo dell'americano alla corte di Renzi.
@youtube

Nel mercato di riparazione di gennaio della squadra di Matteo Renzi a fare scalpore è soprattutto l’acquisto di Denis Verdini, vecchia gloria della politica italiana, passato stabilmente nelle fila della compagine di governo dopo una breve comproprietà col centrodestra.

Il nostro innato provincialismo non ci permette però di apprezzare in pieno il vero acquisto di peso effettuato dal premier, quello dello statunitense (di Denver, Colorado) Jim Messina, nel fondamentale ruolo di campaign manager in vista del referendum costituzionale del prossimo autunno.

Jim è uno degli spin doctor più in auge al momento a livello mondiale. Attivo già negli anni Novanta al fianco di candidati democratici è stato capo dello staff di Obama nelle presidenziali del 2008 e ha gestito per intero la campagna per la sua rielezione nel 2012. È stato inoltre artefice della vittoria dei conservatori di Cameron nelle politiche britanniche del 2015 ed è ora co-presidente di un PAC, un comitato che riunisce più gruppi di interesse, a sostegno della candidatura di Hillary Clinton alle presidenziali del prossimo novembre.

Messina è insomma il prototipo del classico consigliere politico di successo con molto pelo sullo stomaco che abbiamo imparato a conoscere in decine di film e serie televisive statunitensi, ultima e non per importanza House of Cards, un consigliere capace di spostare consenso con campagne di comunicazioni importanti e astute, far vincere i candidati in difficoltà e distruggere, con qualunque mezzo, la reputazione dei loro sfidanti.

Dan Pfeiffer, collega nello staff comunicazione di Barack Obama l’ha definito

la persona più potente a Washington di cui non avete sentito parlare

Nel 2002 Messina non esitò a realizzare uno spot giudicato omofobico per bloccare la corsa per il seggio senatoriale del Montana di Mike Taylor, sfidante repubblicano del suo cliente, e primo padrino politico, Max Baucus. L’uomo giusto, insomma, per Matteo Renzi, che sembra aver perso, fra un tweet a tema “gufi” e l’altro pure, l’originaria verve comunicativa che aveva favorito la sua ascesa.

Jim Messina, un ingaggio da centomila euro per lo spin doctor di Obama e Cameron

Quelli impegnati per l’ingaggio di Messina potrebbero insomma essere centomila euro ben spesi, soprattutto in vista di un referendum che è diventato, per scelta dello stesso premier, un plebiscito sulla sua persona. Se i suoi sfidanti non riusciranno a togliersi in tempo il vestito conservatorista e passatista che i renziani hanno già cucito loro addosso l’arrivo dello spin doctor d’oltreoceano potrebbe essere il colpo di grazia definitivo alle loro chance di vittoria.

Il “merito” di questa assunzione è stata rivendicata dal quotidiano Il Foglio, che diversi mesi fa l’aveva indicato come uomo giusto per Renzi

Uno con cui portare avanti non una battaglia organizzativa ma una battaglia culturale dentro il proprio partito, attraverso la quale coinvolgere iscritti ed elettori del Pd

Da parte sua il fuoriclasse “ammericano” farà di tutto per aggiudicarsi la vittoria in vista di un nuovo, ed almeno altrettanto remunerativo, rinnovo del contratto fino al 2018: il rinnovo sarà automatico in caso di vittoria al referendum, secondo quanto riporta Claudio Tito di Repubblica.

Segnala un errore

Quest'anno ho fatto il blogger, il copywriter, il cameriere, l'indoratore, il web designer, il dottorando in storia, il carpentiere, il bibliotecario. L'anno prossimo vorrei fare l'astronauta, il rapinatore, il cardiochirurgo, l'apicoltore, il ballerino e il giocatore di poker prof.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi

migranti 2019

Quanti migranti stanno arrivando nel 2019?

Numeri, rotte, politiche e conseguenze sulla vita delle persone e delle comunità: l'articolo in cui monitoriamo l'evoluzione del fenomeno migratorio in Italia e in Europa nel 2019.
Torna su