Sondaggi elettorali | Ritorno al passato

di

Fatta una legge elettorale quantomeno discutibile nei modi oltre che nella sostanza, il Rosatellum, si passa ai calcoli e alla vera e propria campagna elettorale. I risultati delle elezioni regionali siciliane hanno dato un’idea dei rapporti di forza ad oggi presenti nel Paese: non a caso si profila uno scontro centrodestra (favorito)-Movimento 5 Stelle.

Dicevamo, il Rosatellum. Ogni legge elettorale approvata rende sempre più evidente come la politica italiana usi la legge elettorale per aggiustare degli equilibri e non per dare un sistema di voto chiaro ed eleggibile ai cittadini: quante volte d’altra parte abbiamo sentito che la legge elettorale andrebbe approvata all’inizio di una legislatura e non alla fine, in vista delle elezioni?

Cosa ci racconta il Rosatellum? Ci dice di un ritorno al passato, con le coalizioni di centrodestra e centrosinistra e un terzo incomodo il Movimento 5 Stelle, chiaramente penalizzato dal nuovo sistema di voto.

Sembra surreale ma il centrodestra presenta le stesse facce di sempre: Berlusconi, Salvini e Meloni, con la differenza che ora la Lega non è più nord, come se bastasse togliere una parola dal nome del partito per guadagnarsi la fiducia di un pezzo d’Italia finora insultato e trattato a male parole. La lotta interna per stabilire quale partito guiderà la coalizione resta tesa, dato che i sondaggi continuano a dare un testa a testa Lega-Forza Italia: il ritorno preponderante di Berlusconi sulla scena pubblica non è un caso, e potrebbe far guadagnare qualcosa a Forza Italia visto la presa del redivivo ex Cavaliere su parte degli elettori italiani.

Il centrosinistra non se la passa bene: l’alleanza a sinistra per il PD difficilmente ci sarà, troppo i dissapori personali e le vendette trasversali che interessano solo ai protagonisti del pasticcio. Il solo Campo Progressista di Pisapia non sembra in grado di spostare gli equilibri, il bacino elettorale di Mdp, Sinistra Italiana, Rifondazione, Possibile e tutti gli altri partiti a sinistra porterà a casa qualcosina, forse neanche sufficiente ad entrare in Parlamento.

Il Movimento 5 Stelle resta saldamente primo partito ma sembra in un’impasse: senza coalizioni le chance di governo sono lontanissime, e altri 5 anni all’opposizione guidati da Di Maio potrebbero anche fiaccare gli entusiasmi dei sostenitori del Movimento, già provati dai numerosi scandali e dalle difficoltà delle giunte comunali a 5 Stelle, in particolare a Roma.

Si voterà in primavera, vediamo gli ultimi sondaggi dei principali istituti nazionali. Ad oggi nessuna delle coalizioni o dei partiti sembrano essere in grado di governare senza alleanze trasversali

I numeri dati dai principali istituti di sondaggio a livello nazionale:

Sondaggi EMG per La7

M5S 28,8%
Partito Democratico 26,5%
Lega Nord 13,6%
Forza Italia 13,2%
Fratelli d’Italia 5,0%
Articolo 1 -MDP 3%
Alternativa Popolare (ex Ncd) 2%
Sinistra Italiana 2%

Sondaggi elettorali Index

M5S 27,4%
Partito Democratico 25,6%
Lega Nord 15,1%
Forza Italia 14%
Fratelli d’Italia 4,9%
Articolo 1 -MDP 3%
Sinistra Italiana 2%
Alternativa Popolare (ex Ncd) 2,0%

Sondaggi elettorali IPSOS/Corriere della Sera

M5S 27,5%
Partito Democratico 25,5%
Forza Italia 16,1%
Lega Nord 15,2%
Fratelli d’Italia 4,5%
Articolo 1 -MDP 2,8%
Sinistra Italiana 2,6%
Alternativa Popolare 3,1%
Rifondazione – Verdi – Prc – Idv 1%

Sondaggi elettorali SWG

M5S 26,5%
Partito Democratico 25,7%
Lega Nord 15%
Forza Italia 13,3%
Fratelli d’Italia 4,8%
Articolo 1 -MDP 2,6%
Alternativa Popolare 2,5%
Sinistra Italiana 2,4%
Rifondazione Comunista 0,9%
Indecisi o non si esprime 43,7%

Sondaggi elettorali TECNÈ

M5S 26,3%
Partito Democratico 25,6%
Forza Italia 16,2%
Lega Nord 15,2%
Fratelli d’Italia 4,8%
Articolo 1 -MDP 3,5%
Sinistra Italiana 2,3%
Alternativa Popolare 2,2%
Campo progressista 1%

Sondaggi elettorali IPR MARKETING

M5S 27%
Partito Democratico 25,5%
Forza Italia 14%
Lega Nord 13,5%
Fratelli d’Italia 5,5%
Articolo 1 -MDP 3,5%
Alternativa Popolare 3%
Sinistra Italiana 1%

Sondaggi elettorali ISTITUTO PIEPOLI

Partito Democratico 29%
M5S 28,5%
Lega Nord 14%
Forza Italia 13%
Fratelli d’Italia 4,5%
Articolo 1 -MDP 3,5%
Alternativa Popolare 2,5%
Sinistra Italiana 2%

Sondaggi elettorali Lorien

M5S 29,9%
Partito Democratico 28,7%
Lega Nord 14,7%
Forza Italia 12,1%
Fratelli d’Italia 3,8%
Articolo 1 -MDP 3,5%
Area Popolare 2,5%
Sinistra Italiana 1,7,%

Sondaggi elettorali Ixè

Partito Democratico 27,4%
M5S 27,2%
Lega Nord 15,1%
Forza Italia 13,6%
Fratelli d’Italia 3,7%
Articolo 1 -MDP 3,1%
Sinistra Italiana 2,0%
Area Popolare 1,6%

Sondaggi elettorali DEMOS

M5S 27,6%
Partito Democratico 26,3%
Lega Nord 14,6%
Forza Italia 14,2%
Fratelli d’Italia 5,0%
Articolo 1 -MDP 3,1%
Sinistra Italiana 2,2%
Area Popolare 2,2%
Campo Progressista 2,0%

Segnala un errore

Editor, SEO, si occupa della community di Le Nius, in pratica delle persone che scrivono e che leggono qui dentro e sui social media del blog. Inutilmente pubblicista. Innamorato delle cause perse: “Ho sempre avuto un debole per i troiani e una forte antipatia per gli achei”. [email protected]

18 Comments

    • Invece il delinquente di Berlusconi ladro incapace e puttaniere, cosa fa? Non fa schifo pure lui? Eppure ha già rovinato l’Italia più di una volta, non basta? Ci vogliono lui, il secessionista razzista di merda di Salvini e la brutta della Meloni incapace e ignorante?

        • Mi sono sempre meravigliato dell’incapacità di certe persone – sempre protette dall’anonimato – ad intervenire nella polemica politica senza ricorrere all’insulto ed alle volgarità, elargite in abbondanza ed in genere mancanti di qualsiasi argomentazione. Stuzzicato dal commento BERLUSCONILADRO, voglio togliermi, con il permesso dei moderatori, un sassolino dalla scarpa.
          Pochi sanno – forse nessuno – che uno dei maggiori responsabili della condanna per frode fiscale di SB, è proprio il suo collegio di difesa.,Mi spiego. Successivamente all’allarme – falso e quasi certamente costruito a tavolino – lanciato dalle pagine del Corriere, di una imminente scadenza dei tempi per la prescrizione del reato, la difesa, assolutamente impreparata, si fece cogliere di sorpresa e fu incapace di replicare fornendo il calcolo esatto ed evitando il ricorso al Giudice Feriale. Il quale magistrato, ben noto per la sua ostilità verso l’imputato, che neppure si preoccupava di ostentare, era il giudice perfetto allo scopo. E non poteva neppure essere ricusato per manifesta ostilità avverso l’imputato in quanto l’unico disponibile.
          Se la difesa fosse stata adeguatamente attrezzata e all’altezza delle sue sostanziose parcelle, avrebbe dimostrato, come poi avvenne ma ormai a cose fatte, che in realtà la prescrizione del reato era tutt’altro che imminente, e che c’era tutto il tempo per affidare le sorti dell’imputato al suo Giudice Naturale, così come recita l’Art. 25 della Carta (“Nessuno può essere distolto da suo Giudice Naturale precostituito per Legge”).. Giudice che, in precedenza, per la stessa accusa e con gli stessi imputati, aveva già assolto con formula piena Berlusconi. La Procura, che certamente già sapeva tutto questo, ebbe tutto l’interesse a dare per valido l’allarme lanciato dal Corriere, e tutto finì come sappiamo. Ritornando un attimo al Giudice Naturale, non so perché l’accusa ritenne di poter suddividere il reato in due tronconi, ognuno dei quali, riguardante tempi differenti ma contigui, vedeva al banco gli stessi protagonisti. Un troncone dell’inchiesta ebbe la sua conclusione davanti al Giudice Naturale, che mandò assolto SB, perché all’epoca non aveva più il controllo delle sue aziende. Infine, è degno di nota il fatto che, in nessuno dei due tronconi figurasse tra gli imputati,quello che era in effetti il legale rappresentante, con tanto di firma, Confalonieri. L’uomo nel mirino non era lui.

      • Certo che il tuo vocabolario in quanto ad insulti è ricco. Non riesci ad entrare in un contraddittorio come una persona civile, si potrebbe anche capire di più.

  1. 5 stelle e lega non c’entrano niente l’uno con l altro.So che i leghisti lo auspcano tanto, ma si devono rendere conto che i 5 stelle non sono ne ladri ne xenofobi, quindi consiglio loro di allearsi col vecchietto Berlusconi!

  2. Perché chiamano DITTATURA la COERENZA? Io penso ( e con me tanti altri) che Grillo faccia solo rispettare le linee guida del partito e chi vuole seguirlo deve OVVIAMENTE condividerle! Viceversa, ha possibilità DEMOCRATICA di accodarsi ad altri partiti.

  3. Dalle mie parti si dice: “AL CAVALLO BESTEMMIATO LUCCICA SEMPRE IL PELO!” E’ quello che accadrà al Movimento 5 Stelle, perché “IL VINO BUONO SI VENDE SENZA FRASCHE!”. I detrattori di Grillo capiranno cosa intendo dire.

  4. Non sottovalutate Giorgia Meloni ,che ha il diploma della scuola alberghiera ed è specialista nel cucinare i broccoli.

  5. Scusatemi,…non so come funziona questo commentario:
    Ma come,…il Sig Berlusconiladro,…prima di me,…ha scritto peste e putiferio dei vincitori alle elezioni siciliane,…e non gli avete scritto che il suo commento era in attesa di moderazione,…e invece a me per aver scritto in umile e innocuo pensierino,…che poi era un consiglio appropriato,…mi avete scritto in rosso:
    “IL TUO COMMENTO E’ IN ATTESA DI MODERAZIONE.”
    E allora sapete che vi dico,…i commenti scriveteveli da soli,…addio!!!!

    • Cara Lella, ti spiego velocemente come funziona in modo che nessuno si senta defraudato o vittima di un complotto: tutti i commenti su questo sito vengono moderati. Non esiste censura, ma esiste una discriminante: commenti offensivi, esplicitamente razzisti o xenofobi e commenti che non aiutano almeno in minima parte una conversazione di valore non vengono pubblicati. Come vedi quindi, ora i tuoi commenti sono pubblicati. A presto

  6. Mi scusi Sig. Davide Fracasso,…è stata la prima volta che ho scritto in questo blog,..e non sapevo come comportarmi,…ma grazie a lei,…ora ho capito tutto,….continuerò a scrivere,…anche perchè mi piace ancora di più,…a presto.

Commenta

Ultimi

Torna su