Giochi dei Dalton, Lucky Luke: Wanted3 min read

12 Novembre 2014 Giochi Videogiochi -
Rayban

di

Giochi dei Dalton, Lucky Luke: Wanted3 min read

Reading Time: 3 minutes

Giochi dei DaltonLucky Luke è il cowboy protagonista del fumetto belga disegnato da Morris (Maurice de Bevere), che vede ai testi nientepopodimeno che René Goscinny, lo stesso sceneggiatore del più celebre Asterix&Obelix.

Taciturno e solitario, Luke viaggia di città in città sul fido destriero Jolly Jumper, il cavallo filosofo, catturando criminali ed è spesso alle prese con i giochi dei Dalton, quattro accaniti fratelli che saccheggiano in lungo e in largo il selvaggio West. Questi gaglioffi sono i nemici principali di Luke, e sono caratterizzati da una stupidità crescente: dal piccolo Joe al più alto Averell.

Se la stupidità si misurasse in altezza, io sarei una persona molto stupida.

giochi dei DaltonLo stile di Goscinny, senza violenza bruta e ricco di gag umoristiche e trovate originali (come quella del cane Ran-Tan-Plan, il cane più stupido del West, parodia del più celebre Rin-Tin-Tin), ha permesso a Lucky Luke di ricevere diversi riconoscimenti.

In termini di film d’animazione e di serie televisive animate Lucky Luke spopolò di più in territorio francese, ma anche in Italia buona parte di essi era trasmessa ai tempi e oggi: basti pensare a La Ballata dei Dalton, film d’animazione doppiato in italiano, o a I Dalton, in onda anche in questi giorni su K2.

giochi dei dalton

Giochi dei Dalton, Lucky Luke: Wanted

Dopo questo excursus più o meno storico, veniamo alla sezione “giochi”: diversi videogiochi aventi come protagonista il dinoccolato cowboy furono rilasciati nel corso degli anni. Tra i vecchi giochi del Game Boy, oltre ai vari Pokemon e Mario Kart, Lucky Luke: Wanted è un gioco del 2001 molto intrigante sotto diversi punti di vista.

giochi dei DaltonLa trama consiste nel solito lavoro da sceriffo: riacciuffare gli evasi e combinaguai fratelli Dalton, e sbatterli dietro le sbarre il prima possibile. Con una grafica fumettosa, la storia segue l’andamento di un fumetto vero e proprio, alternando scene disegnate con testo a scenari di gioco ambientati nei tipici luoghi western: saloon, miniere, città coloniali, treni.

Attraverso le varie aree si possono trovare diversi item collezionabili, come i caricatori della pistola, le stelle da sceriffo, la dinamite per far saltare in aria ostacoli, e le preziose quattro carte asso, con le quali è possibile sbloccare livelli bonus.

giochi dei DaltonUna pecca consiste nel fatto che i comandi spesso non permettono un agile controllo e sono poco comodi per mirare ad un bersaglio. L’obiettivo dei livelli sarebbe risolvere i piccoli compiti, come trovare pepite o cercare una chiave o uno spartito, ma molto più impegnativo è restare vivi: le 4 stelle da sceriffo sono la vostra vita e perderle è facilissimo, visto che i nemici saltano fuori da ogni angolo dello scenario e che sparare non è così facile. È anche vero che impersoniamo Lucky Luke, capace di sparare più veloce della propria ombra, ma nel mondo della fisica una reazione così immediata non è sempre possibile coi tastini del Game Boy Advance.

Il gioco presenta un curioso sistema di password: inserendo un pin di quattro cifre si può sbloccare un livello non ancora raggiunto. Tuttavia azzeccarla è quasi impossibile (è come sbloccare il pin del telefono), perciò non comprendo bene a cosa serva.

Se siete interessati a rivivere le avventure del mitico Luke in un gioco dei Dalton, o se non ne avete mai sentito parlare e volete provare a videogiocarci, a meno che abbiate un negozio di retrogaming sotto casa, vi consiglio di utilizzare un emulatore tipo My Oldboy! per Android, o simili: funziona così bene che replica persino la imprecisione dei comandi!

CONDIVIDI
Rayban

Anche se il mio nick lo suggerisce, non sono implicato in nessuna vicenda oculistica. Cresciuto col Game Boy e la musica a 8-bit nelle orecchie, frequento un aspro corso di Ingegneria. Tuttavia mi piace trovare il tempo per giocare a qualcosa di nuovo, e raccontarvelo attraverso il filtro della mia lente.
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

TORNA
SU