Essere ecosostenibili in vacanza è possibile?

di
Copyright @Carmelo Garofalo Kalashnikov
Copyright @Carmelo Garofalo Kalashnikov

Estate. Vacanze. Sole. Mare. Città d’arte. Piano ferie: si può essere ecosostenibili in vacanza?
Sabrina è alle prese con la programmazione delle tanto desiderate vacanze estive. È sempre una scelta difficile, però Sabrina ha dei criteri da cui non vuole prescindere.

Cerca, infatti, di portare anche in vacanza il suo stile di vita ecosostenibile. Certo è che, se nella vita quotidiana già si tratta di una scelta impegnativa, portarla avanti anche in vacanza spesso lo è ancora di più, dato che molte mete vacanziere non sono sempre attrezzate in tal senso o comunque, in situazioni di relax e spensieratezza, si può essere molto poco ecosostenibili.

Come scegliere il viaggio ecosostenibile?

Sabrina ha scelto allora di rivolgersi ad organizzatori di viaggi e tour operator certificati, i quali sono in grado di consigliarle a loro volta strutture certificate, come agriturismi, B&B, hotel e campeggi, nonché SPA o stabilimenti termali. Certificati significa che ottengono un marchio che viene dato solo da enti preposti alla certificazione. Gli organismi di certificazione più noti sono Ecolabel e ICEA.

Quest’ultimo, in particolare, prevede tre tipi di standard:

  • Eco Bio Turismo
  • Biowellness
  • Tourcert

essere ecosostenibili in vacanza 0 essere ecosostenibili in vacanza 1

Vedremo più avanti cosa significa tutto questo nello specifico.

Perché una struttura viene certificata e un’altra no?

Le strutture certificate si distinguono dalle altre perché abbattono i consumi energetici e gestiscono razionalmente i consumi di acqua, sono attente alla riduzione e alla raccolta differenziata dei rifiuti. Si adoperano anche per valorizzare il patrimonio storico, artistico e culturale locale, nonché l’enogastronomia locale e l’alimentazione sana.

Il principio guida del turismo sostenibile è: soddisfare i bisogni dei turisti e delle regioni ospitanti, nell’immediato e per il futuro. Principio che, inevitabilmente, richiama la definizione più nota di sviluppo sostenibile, e cioè uno sviluppo che soddisfi i bisogni del presente senza compromettere la possibilità delle generazioni future di rispettare i propri.

Questo è il must che guida le scelte di Sabrina. Anche in vacanza.

Quando può, per spostarsi predilige il treno o la condivisione dell’automobile, anziché l’aereo, il quale è nettamente più inquinante. Spesso, anche solo prendendosi qualche minuto per sé e curiosando in internet, Sabrina è riuscita a trovare suggerimenti su mete bio ed eco.
Si tratta di aggiungere l’ecosostenibilità a quei dettagli che possono rendere speciale la nostra vacanza.

Perché non cominciare a pensare e programmare le nostre vacanze 2014 facendo anche attenzione a questi dettagli?

Al prossimo articolo per scoprire molto di più sul Vivere Ecosostenibile anche in vacanza.

Segnala un errore

Pugliese, non emigrata, convinta che ci si possa realizzare anche restando in provincia e per farlo ho scelto un settore di cui si fa un gran parlare ma con ancora pochi risultati: il rispetto dell’ambiente. Sono ingegnere ambientale e credo tantissimo in quel che faccio. Ritengo fondamentale che ci credano anche tutti i miei simili: solo così si può cambiare rotta e uscire dalle logiche di consumo ossessivo-compulsivo che ci sono state propinate finora. Per questo scriverò per Le Nius di nuovi stili di vita, green e ecosostenibili.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi

Torna su