Elezioni europee: 10 cose da evitare da qui al 25 maggio

di

elezioni-europee-2014Le campagne elettorali, si sa, fanno da sempre della politica uno spettacolo circense. Stavolta però, sarà che non siamo più tanto sereni, sarà che ne abbiamo davvero viste troppe, ci sentiamo di dare 10 piccoli consigli ai candidati e ai loro entourage in vista delle elezioni europee di Maggio.

10. I Balletti

Evitate i balletti in stile “Lo smacchiamo”, portano male e vi costringeranno ad avere un coccolone per riguadagnare la fiducia dei vostri elettori. Sconsigliamo anche le coreografie “tormentone”, non ci siamo ancora ripresi del tutto dall’Harlem Shake dei giovani sostenitori di Alemanno: vedere Borghezio e Salvini che capeggiano un branco di camice verdi mentre danzano sulle note di Happy potrebbe esserci fatale.

elezioni europee-tsipras

9. Giovanilismo a go go

Mai, e dico mai, usare il nome di Tsipras per fare giochetti di parole giovanilisti tipo “Bella Tsi”, o per organizzare aperitivi elettorali a base di Tsprits, ci frantumereste i catsi dopo poco.

8. Animali o peluche

Ci piacerebbe evitare di vedervi abbracciati ad animali vari ed eventuali. Se un conduttore televisivo carogna vi poggia sulle ginocchia a sorpresa un peluche leopardato o un cane trovatello alzatevi e dategli una testata in pieno naso.

7. Giochi di parole e frasi fatte

Se riuscissimo a fare un’intera campagna elettorale senza dire piddimenoelle, caimano, psiconano, movimentocinquespelle, romaladrona, espulsionifacili, societàccivile ne guadagneremmo in salute e sintassi.

6. Complottismi

Imputare la politica di austerity ai rettiliani, mettere in lista il paladino della lotta alle scie chimiche, sostenere che il elezioni europeeproprio leader sia incandidabile a causa di un complotto dei poteri forti (e non perché così si sono pronunciati tre diversi tribunali) potrà farvi prendere più voti ma potrebbe trascinare nel fango l’immagine di un grande Italiano come Franco Basaglia.

5. Gruppi facebook

Cari candidati, aprire gruppi o pagine facebook dalle quali spammare inviti ad ogni vostra cacchio di iniziativa è assolutamente inutile. Nessuno leggerà i vostri inviti e passerete notti insonni a chiedervi perché quella vostra compagna di classe a cui tiravate palline di carta piene di saliva nei capelli e che non sentite da 20 anni non ha messo mi piace sul vostro profilo pubblico, o perché alla vostra iniziativa ci sono ben 32 parteciperò in meno che a quella del vostro compagno di lista.
elezioni europee 2014

4. Spot tv

Vi prego. O siete George Clooney su una terrazza con tanto di caffè in mano oppure la reclame girata da quel buono a nulla di vostro figlio, che ha mollato giurisprudenza per fare il regista e a 35 anni ancora vi spilla soldi ogni sei mesi per comprare una nuova telecamera digitale, passerà esclusivamente su reti ultralocali e in confronto la pubblicità del Tassoni sembrerà Kubrick.

3. Viral marketing

Diffidate, sempre, di chi pronuncia queste due parole. Se il consenso si misurasse in base alle condivisioni su youtube oggi saremmo governati da teneri gattini.

2. Promesse elettorali

Soprattutto se ricoprite incarichi amministrativi o di Governo non fate promesse che non potrete mantenere o non che c’entrano niente con le elezioni europee solo per portare a casa il risultato, siamo stanchi di giochetti fatti sulla pelle di chi sta peggio.

1. Candidature

Se siete mafiosi, corruttori, corrotti, affaristi, arrivisti, narcisisti, fanatici, idioti non candidatevi. Agli altri potremmo anche perdonare la violazione di tutti i precedenti 9 punti.

Immagini|andreacanil.blogspot.it; mediumitalic.com

Segnala un errore

Quest'anno ho fatto il blogger, il copywriter, il cameriere, l'indoratore, il web designer, il dottorando in storia, il carpentiere, il bibliotecario. L'anno prossimo vorrei fare l'astronauta, il rapinatore, il cardiochirurgo, l'apicoltore, il ballerino e il giocatore di poker prof.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi

migranti 2019

Quanti migranti stanno arrivando nel 2019?

Numeri, rotte, politiche e conseguenze sulla vita delle persone e delle comunità: l'articolo in cui monitoriamo l'evoluzione del fenomeno migratorio in Italia e in Europa nel 2019.
decreto sicurezza bis

Cosa dice il Decreto sicurezza bis

Sanzioni alle Ong, porti chiusi, rimpatri ma anche stretta sulle manifestazioni pubbliche e sportive: cosa prevede il Decreto sicurezza bis?
politiche migratorie in italia

Politiche migratorie in Italia: scelte ed effetti

L'Italia ha chiuso da diversi anni le porte agli ingressi di stranieri per motivi di lavoro, ed è per questo che aumentano le richieste di asilo. Ora sta chiudendo anche quella porta.
Torna su