Bologna-Palermo: Iachini resta, Rossi chissà

di
bologna-palermo
@90min.com

Il Palermo e il Bologna si presentano alla ripresa del campionato con un disperato bisogno di punti e le due panchine di Delio Rossi e Beppe Iachini traballano non poco. Quella del Bologna per le 6 sconfitte collezionate finora su 7 partite. Quella del Palermo per i deludenti risultati – complice il difficile calendario – che potrebbero portare a breve, nonostante le dichiarazioni distensive di Zamparini, ad un ribaltone che, dalle nostre parti, manca fortunatamente da un po’. 

Il Bologna parte scatenato. Destro, Brienza e Mounier dialogano bene tra loro e creano diversi pericoli, il primo dei quali sventato al 15′ da SorrentinoIl Palermo invece sbaglia molto, fatica a ripartire e a mantenere il possesso palla. È questo lo scenario che, a sorpresa al 23′, viene capovolto dall’inaspettato vantaggio degli ospiti: azione dalla sinistra di Lazaar e bella giocata di Hiljemark per Vázquez che mette in rete con grande freddezza.

L’oriundo italiano festeggia la rete mostrando una dedica alla mamma, che (come si vede nell’immagine di Sky qui sotto) sorprende anche il compagno svedese Hiljemark. Evidentemente, in Argentina come in Italia, di mamma ce n’è una sola. 

Il gol sveglia il Palermo e la partita si fa più equilibrata, con il Bologna a mantenere il possesso palla e il Palermo ad avere le occasioni migliori.

Il secondo tempo è povero di emozioni e le due squadre non offrono grande spettacolo. Sono più le disattenzioni che le azioni manovrate a creare i maggiori pericoli per Mirante e Sorrentino (sempre pronto e, senza dubbio, il migliore del Palermo). Da segnalare l’inguardabile colpo di testa di Destro che, lasciato solo in area, mette fuori al ’64 e, venti minuti dopo, dalla parte opposta, la gran corsa di Rispoli con assist al bacio di Vasquez che non bastano per convincere Gilardino a “sbummichiarla” in rete. Tocco debole e gran salvataggio di capitan Gastaldello.

A fine partita squadra e staff rosanero abbracciano mister Iachini, consapevoli di aver probabilmente scongiurato (per quanto ancora, si vedrà) il pericolo esonero. Una giornata più che positiva, tra l’altro, grazie anche alle sconfitte del Carpi, dell’Empoli e al pareggio del Verona con l’Udinese. Delio Rossi e il suo Bologna invece sono sempre più inguaiati. Per restare in serie A, servirà un deciso cambio di rotta!

Segnala un errore

A Palermo sin dal '600, sono un clan familiare sparso in giro per lo Stivale. Si riuniscono periodicamente presso il desco della nonna Ninetta. Il maggiore è emigrato a Milano per laurearsi in Comunicazione. Tra le sue passioni il teatro e i babbaluci al picchiopacchio della nonna. Ha fondato Plan Be. L'altro cugino quest'anno ha fatto il blogger, il copy, il cameriere, l'indoratore, il dottorando, il carpentiere, il bibliotecario. L'anno prossimo vorrebbe fare l'astronauta, il cardiochirurgo, l'apicultore e il ballerino.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi

Higuain, io sono già fortunato

Perché può arrivare, restare, partire chiunque. Noi siamo nati a Napoli, e chi pensa sia poco dovrebbe pensarci meglio.
Torna su