The Tribe: amore e odio urlati senza voce

di

the tribe il trailerSergey, ragazzo sordomuto, arriva in un istituto. In quel luogo altri ragazzi e ragazze come lui, in quel luogo soprusi e violenza come nel mondo dei cosiddetti “normali”. Sergey sconta i violenti rituali di iniziazione a cui è costretto da una gang che si occupa pure di far prostituire alcune delle ragazze del gruppo. Si innamora di una di loro, Anna, e da quel momento sottostare alle regole del branco per lui non sarà più possibile.

Notevolissimo esordio per l’ucraino Myroslav Slaboshpytskiy, che realizza un film in cui lo spettatore è costretto a “sentire” come i suoi protagonisti. Con geniale intuizione, infatti, ad accompagnare le due ore e dieci minuti di visione ci sono solo suoni e rumori, nessun sottotitolo a tradurre il linguaggio dei segni con cui i ragazzi si esprimono e nessuna voice over a fare da (pleonastico) commento al film.

È così che le immagini, i volti, i gesti e i corpi di Sergey e compagni “esplodono” a livello sensoriale e rimangono profondamente impressi perché, come recita la frase di lancio del film,

“l’amore e l’odio non hanno bisogno di traduzione”.

SENSORIALE @@@1/2

The Tribe il trailer

Genere: Drammatico
Durata: 130′
Regia: Miroslav Slaboshpitsky
Cast: Grigoriy Fesenko, Yana Novikova, Rosa Babiy, Alexander Dsiadevich, Yaroslav Biletskiy, Ivan Tishko, Alexander Osadchiy, Alexander Sidelnikov, Alexander Panivan
Produzione: Garmata Film Production, Ukrainian State Film Agency
Distribuzione: Officine Ubu

the tribe il trailer

Segnala un errore

Sceneggiatore e produttore di cortometraggi, videoclip, video educativi, spettacoli teatrali. È speaker radiofonico presso Radiofano dove si occupa di rubriche cinematografiche. Collabora con RSM-Radio San Marino e con MondoRadio. È il fondatore di Lobecafilm che si occupa di realizzazioni audiovisive. Il cortometraggio Sotto il mio giardino da lui co-sceneggiato ha ottenuto il Golden Globe Italiano nel 2009.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi

pandemia e cultura

E chi lavora nel mondo della cultura?

Musica, teatro, cinema e danza sono stati duramente colpiti dalla pandemia. Con quali conseguenze sulle persone che in questi settori lavorano?
recensione silence

Silence, parola di Scorsese

Silence, di Martin Scorsese, è un film di 160' capace di parlare allo spettatore occidentale della sua spiritualità raccontando un evento storico distante nel tempo e nello spazio.
Torna su