Fumetti estate 2014: i disegnatori consigliano…4 min read

6 Agosto 2014 Cultura -

Fumetti estate 2014: i disegnatori consigliano…4 min read

Reading Time: 3 minutes
Fumetti estate 2014 i disegnatori consigliano...
@Libriamo Tutti

[quote align=”center” color=”#999999″]Che sia estate non ci piove. O meglio. Ci piove eccome.
Forse è vero che non esistono più le mezze stagioni, e allora che attenderci da questo agosto appena iniziato? Sicuramente dei buoni fumetti da portare in villeggiatura, per rilassarsi e magari sognare un po’. Che sia mare, montagna o sull’amaca del proprio giardino (Paolino Paperino’s style) poco importa.[/quote]

Le Nius ha chiesto ai migliori disegnatori e sceneggiatori italiani di consigliarci i fumetti da leggere questa estate. Ne sono usciti degli interessantissimi suggerimenti!

E voi? Che fumetto sceglierete? Buona estate e buone letture!

Fumetti estate 2014: i disegnatori consigliano…

DANIELE GUD BONOMO. “Per questa estate consiglierei Last Man di Bastien Vivès (Bao Publishing 2014 ) perché è per me tutto ciò che ci si deve aspettare da una lettura estiva: fresco e corroborante!”

ALESSIO SPATARO. “Come prima di Alfred (Bao Publishing 2014) perché ha soltanto una vignetta incongruente, tutto il resto è perfetto!
A questo punto lanciamo una sfida ai lettori… invitandoli a scovare la vignetta a cui fa riferimento Spataro!”

CLAUDIO CALìA. “Il mondo così com’è di Tiziano Scarpa e Massimo Giacon (Rizzoli Lizard 2014). Tiziano Scarpa mette la sua scrittura letteralmente a servizio del fumetto, coadiuvato dalle capacità di narrazione e messa in scena di Massimo Giacon. Un metafumetto in cui uno scrittore, interrogandosi sulle potenzialità del linguaggio, lo piega a uso e consumo della storia, dando vita a oggetti, animali, alberi e… nuvolette, con una confidenza che spesso manca ai più scafati sceneggiatori del settore. Al servizio un autore che, storicamente diviso tra fumetto e design, fa del “far parlare le cose” uno stile di vita. Un fumettista che, rimanendo ancorati a una visione estremamente provinciale dei nostri autori, non riusciamo ad ammettere che se fosse nato negli Stati Uniti verrebbe tranquillamente paragonato a Daniel Clowes (da un punto di vista strettamente grafico pure più bravo).”

ROBERTO GAGNOR. “Il mio fumetto per l’estate è SAGA di Vaughan e Staples (Bao Publishing 2013), perché in fin dei conti è la storia di una famiglia qualunque. Avventure spaziali, guerre e nobili con la testa a forma di TV sono solo un contorno, la vera storia è quella di una famiglia, di un amore, della fatica e della gioia di volersi bene. Nonostante i cacciatori di taglie interstellari.

Poi chiaramente Topolino: sono di parte, lo so, ma il nuovo PK di Artibani e Pastrovicchio merita davvero tanto.

Da tenere d’occhio anche Sex Criminals di Matt Fraction (ad oggi non risulta ancora esserci un editore italiano ndr). In poche parole leggerò tanto e leggerò di tutto. L’estate serve a quello: a guardare, leggere, assorbire. Nutrirsi di cose belle è la vacanza ideale e il miglior viatico per provare a scrivere qualcosa di nuovo e magari bello in autunno!”

TUONO PETTINATO. “Un fumetto che consiglio sempre è Il Piccolo Christian di Blutch (Rizzoli Lizard, 2010). Blutch è il fumettista che più vorrei riuscire a copiare! è un mostro nel saper unire toni comici e drammatici, un segno morbido e accogliente con atmosfere cupe e inquietanti. Qui ricostruisce l’infanzia del protagonista (che è poi sempre lui in ogni libro, se non erro), tra fantasie d’avventura, difficili interazioni con gli adulti e coi coetanei, e l’impacciata scoperta del misterioso mondo delle bambine.

Due fumetti recenti, anche questi for kids (e non solo): La Cìtila di Lorenza Natarella (Topipittori 2013). La pregiatissima collana Gli Anni In Tasca Graphic da qualche anno presenta autobiografie d’infanzia dei fumettari. Il volume scritto e disegnato da Lorenza racconta un’infanzia di provincia con un gusto irresistibile per le divagazioni e un vivacissimo umorismo sbarazzino, resa con un tratto fresco e dinamico. Da Magnifico Lavativo quale sono, mi ci sono immedesimato moltissimo.

Pesi Massimi – storie di sport, razzismi, sfide di Federico Appel (Sinnos, 2014). La trama, come da sottotitolo, passa in rassegna i vari esempi storici di atleti che hanno contribuito con le loro azioni a combattere i pregiudizi razziali. Attraverso la conversazione semplice e spontanea tra un bimbo un po’ ingenuo e un Muhammad Alì che gli appare per fargli da guida, il fumetto riesce ad affrontare temi profondi e importanti con garbo, leggerezza e umorismo. E il disegno a tratteggio di Federico è davvero splendido, aggraziato ed espressivo. Peraltro Federico è anche un espertissimo di Yambo, e quando ci vediamo finiamo sempre per parlare di cose astruse ottocentesche, tanto per dirvi che tipo è!”.

CONDIVIDI

Federico Vergari. 3 giugno 1981. Giornalista pubblicista. Un saggio sul rapporto tra politica e fumetto pubblicato nel 2008 con Tunué. Scrive un po’ di tutto sul suo blog ilcanedaguardia.blogspot.com. Per lenius.it si occupa esclusivamente della nona arte. II fumetto.
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Iscriviti alla niusletter e resta aggiornato

TORNA
SU