Volontariato Expo 2015: la grande beffa

di

volontariato expo 2015Volontariato Expo 2015, un binomio scottante e quanto mai inopportuno. Per motivi di lavoro ho partecipato alla tavola rotonda Expo 2015: temi, relazioni e occasioni, in cui è stato lanciato in anteprima il Programma Volontari per Expo, promosso da Expo 2015 S.p.A. in collaborazione con il Coordinamento Nazionale dei Centri di Servizio per il Volontariato e Ciessevi Milano. Da allora, era il 16 maggio, vorrei scrivere qualcosa a riguardo, ma esito. Almeno fino ad oggi.

Diciamo che prima ne sarebbe uscito un pezzo annebbiato dalla collera e poco lucido, e trattandosi di temi legati al mio lavoro non mi sembrava una buona idea. Avevo avuto la netta sensazione che, nella Sala Conferenze di Palazzo Reale di Milano, in quel momento si stesse consumando l’ennesima triste opera del teatrino dell’assurdo italiota, con numerose autorità, rappresentanti istituzionali ed esperti del mondo del volontariato e del terzo settore. Oggi la mia sensazione non è molto cambiata, però dovrei riuscire a esprimerla con meno invettive. Ma andiamo subito al soggetto della triste sceneggiatura teatrale.

Volontariato Expo 2015: chi (non) ci guadagna?

L’Expo, o meglio l’Abbuffata Expo, la grande occasione per risollevarsi dalla crisi, viene da poco investita da enormi scandali riassumibili in quelle parole che ormai compongono il dizionario degli affari pubblici italiani: corruzione, infiltrazioni mafiose, tangenti, appalti truccati.

Parole pesanti, che l’assuefazione al mal costume del nostro Paese ha drammaticamente alleggerito: “Hai sentito degli scandali a Expo 2015?”, “Be’, si, cosa ti aspettavi? Siamo in Italia”. Dicevamo: gli scandali investono l’Expo, saltano teste, vengono nominati super ispettori anti-corruzione, la credibilità dell’evento è ai minimi storici, e a Palazzo Reale di Milano si lancia la campagna di volontariato Expo 2015, Volunteer Expo, rivolta a migliaia e migliaia di giovani “fortunati”, invitati a candidarsi per “diventare volontari ed entrare nel vero social network dell’anno”.

In testa mi si fissa una sola parola che possa descrivere la mia sensazione: imbarazzante. Ma più passano i minuti, più si avvicendano sul pulpito i nomi altisonanti dei relatori, fino ad arrivare all’intervento del sindaco Giuliano Pisapia, e più la sensazione diventa sgradevole.

Volontariato Expo 2015 un binomio inopportuno, dicevamo. La parola volontariato non si armonizza per niente con la bufera che ha sollevato in aria giri e giri di mazzette. Expo 2015 era stato presentato come grande generatore di occupazione giovanile ma i numeri parlano chiaro, le posizioni retribuite offerte negli annunci sono molte meno rispetto alle previsioni, mentre si cercano oltre 10 mila volontari per attività di accoglienza e supporto ai visitatori dell’esposizione universale, che da qualche altra parte chiamerebbero hostess e steward.

Come ha scritto la blogger Ines Tabusso sul Fatto Quotidiano,

“questi giovani sono pazienti e ai lavoretti precari e sottopagati hanno fatto il callo e, in più di un caso, hanno anche dimostrato di essere capaci di lavorare gratuitamente per dare aiuto a chi ne ha bisogno. Ma Expo 2015, nonostante il terremoto delle presunte tangenti e l’alluvione di arresti e avvisi di garanzia, o forse proprio per questo, non pare proprio in condizioni di bisogno e il volontariato uno se lo immaginerebbe meglio impiegato in altro luogo”.

Del resto, il danno diventa beffa quando con un po’ di malizia si pensa all’esercito di giovani volontari come all’ennesimo inconsapevole ingranaggio di una macchina che, in un modo o nell’altro, produrrà guadagni anche per tasche criminali. Da imbarazzo, la sensazione diventa mestizia.

Segnala un errore

Sociologo, è co-fondatore di ProfessionalDreamers, casa editrice che promuove ricerca sulle relazioni tra spazio e società. Lavora nel non profit e collabora con la casa di produzione indipendente Jump Cut. Non si capacita che Rimbaud abbia smesso di scrivere a diciannove anni.

3 Comments

  1. lo sai che è stato già chiuso il primo periodo di servizio per essere Volontario in Expo, perchè sono arrivate sufficienti candidature! cosa dici: sono tutti degli ingenui quelli che si sono candidati, o invece per qualcuno (molti per ora) questa è una opportunità interessante! anche se non la condividi!
    e poi: all’evento di cui parli, che ho seguito via streeming, ho sentito dire chiaramente che “il sito espositivo funziona anche senza i volontari”. quindi non possono essere loro a ricoprire il ruolo di hostess e steward, sennò l’impianto cadrebbe. infatti il loro contributo è stato chiamato “il valore aggiunto”: cosa dovrebbero fare se no questo i volontari?
    per finire: tutti possono mentire e raccontare balle, quindi Expo e le altre autorità possono aver detto cose false, ma almeno cose false non ditele voi da questo bolg che mi sembra armato delle migliori intenzioni! confondere volontariato e lavoro è una vera sciocchezza, è una visione miope e anche un po’ retrograda.
    spero vigliate documentarvi meglio, la prossima volta, e non scrivere solo con la pancia (anche se a distanza di quasi due mesi)
    mirka

  2. Cara Mirka, come avrà potuto notare si tratta di un articolo posto nella sezione Editoriali, quindi è un articolo prettamente d’opinione. Non penso di aver detto cose false, ma appunto solo mie opinioni (i pochi dati che ci sono, sono più che documentati) e penso anche che non sia corretto esprimersi al suo modo, tirando in mezzo il blog: “tutti possono mentire e raccontare balle, quindi Expo e le altre autorità possono aver detto cose false, ma almeno cose false non ditele voi da questo bolg”. Poi, per quanto riguarda la presunta confusione lavoro/volontariato, le assicuro che non è davvero questo il focus dell’articolo. Propongo un punto di vista che semplicemente mette in dubbio l’opportunità di utilizzare forze volontarie alla luce di come è stato presentato l’impianto economico di questo grande evento e dei successivi scandali. Questo è il focus. Ancora, non mi sognerei mai di dire che i volontari di Expo 2015 sono degli “ingenui” (parola che ha usato solo lei) e spero davvero che trarranno beneficio da questa esperienza; ma ripeto, non è questo il punto. Concludo dicendole (è solo un’altra opinione!) che mi pare più di pancia il suo commento, ma va bene così. Arrivederci.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi

storia di jomebelle

Linee di confine | Storia di Jomebelle

Jomebelle ha 19 anni, è figlia di filippini, vive a Bologna e studia design industriale. Cerca di unire ciò che le piace dell'Italia e delle Filippine.
donne e matematica

Le ragazze vanno peggio in matematica?

I risultati dicono di sì, eppure nei primi anni di vita queste differenze non esistono. Cosa succede crescendo? Cosa dicono i dati? Come si può intervenire?
Torna su
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: