Un sociologo a Natale

di
sociologo
@Hect

Un sociologo a Natale ha poche chance. Anzi, praticamente due: assumere un atteggiamento radicale e chiudersi a riccio in un ermetismo consapevole oppure chiudere a chiave in un cassetto anni e anni di formazione e vivere il Natale come se niente fosse.

Il sociologo radicale

Analizziamo la prima situazione. Il nostro sociologo ha deciso che quello che ha studiato ha un senso. Di conseguenza il Natale non ce l’ha. Il Natale è un nemico. Il Natale va boicottato con ogni mezzo.

Va denunciata l’ipocrisia di una società che, crogiolandosi nella mondanità delle messe di mezzanotte, finge di non capire cosa significhi che Maria dovette dare alla luce Gesù in una mangiatoia perché non c’era posto per loro negli alberghi.

Il sociologo qui si guadagna l’inimicizia di sei generazioni di parenti e l’accusa di pesantezza di tutti gli amici che conosce (compresi gli iscritti al Partito Comunista dei Lavoratori) sostenendo continuamente che il liberal-cattolicesimo è riuscito a trasformare una storia di marginalità urbana in un misto indigeribile tra pedagogia della compassione e marketing virale.

Inaspettatamente però il sociologo radicale eviterà di sostenere la teoria di Gesù rivoluzionario palestinese (che pure sembra corretta da un punto di vista letterario). Di fatto è una figura la cui esistenza è dubbia e non è il caso di legittimarla.

Eviterà anche di elencare i posti dove nascerebbe Gesù oggi (a Lampedusa, in un CIE, in una banlieue, in un campo rom, di nuovo a Betlemme che va sempre bene perché è in Palestina) perché innanzitutto cadrebbe di nuovo nel tranello di legittimarne la prima presunta nascita e secondo non vuole fare brutte figure nel caso decidesse poi di nascere in via Monte Napoleone o a Wall Street per dare un messaggio ai potenti della terra.

Infine, solo e abbandonato da tutti, il sociologo radicale si troverà a vagare ramingo per le vie illuminate della città, maledicendo se stesso per la propria intransigenza e sfogandosi a manganellate contro tutti i Babbi Natale che gli capitano a tiro.

Il sociologo farfallone

Nel secondo caso il sociologo fa finta di non esserlo. Nega anni e anni di formazione e recita la parte di un essere innocente e inconsapevole, regredendo ad un’infanzia remota. L’8 dicembre, puntuale, fa l’albero e scrive una lettera a Babbo Natale chiedendo in dono un completo di Marx and Spencer o un barbecue Weber.

sociologo
@kurainisei

Si comporta come se tutto fosse autentico e non frutto di cerimonie e rituali prefissati. Si commuove quando il Tg riporta la notizia del pranzo di Natale con i poveri a cui hanno partecipato 157 cittadini tra cui 154 candidati Sindaco.

Assiste eccitato all’apertura dei regali da parte del nipotino, che stremato piagnucola perché al 720esimo pacco scartato non ha ancora trovato il plastico del Solar Sailer, senza il quale non può inseguire Magor nelle terre remote di Gorm.

Intanto accetta senza battere ciglio le continue lamentele di tutti i parenti sull’eccessiva portata del pranzo natalizio (pure il dolce!?) mentre in tv danno un documentario sul Natale al Kilimangiaro dove 7.500 bambini si devono sfamare con un agnello e due meloni.

Passa sopra con nonchalance anche alla proposta dello zio che, sotto l’effetto di 14 bicchieri di uno spumante imbevibile che ha ricevuto col pandoro da un datore di lavoro di quando fece l’impiegato in una ditta di elettrodomestici da giugno a settembre del 1982 (a giugno e luglio l’ufficio chiuse per Mondiali e ad agosto per ferie ma lo zio continua a ricevere pacchi perché i colleghi hanno attribuito al suo arrivo la vittoria dell’Italia), convince tutti ad andare a vedere il Cinepanettone.

“è un’idea originale e di grande portata culturale” è la risposta alla domanda “e il nostro sociologo, cosa ne pensa?”. Già, perché per quanto nessuno sappia realmente di cosa si occupa c’è l’idea diffusa che il sociologo debba avere un’opinione su tutto. Salvo poi non essere libero di esprimerla, pena la solitudine eterna espiata in caso risponda con radicalità (cioè con sincerità).

È così che il nostro sociologo farfallone è costretto a trascorrere 13 ore nel traffico per 47 minuti di film i cui autori, già sa, risponderanno alle accuse di pochezza dicendo “è quello che vuole la società”.

Ma lui, entusiasta, a cena dirà che in fondo hanno ragione, che è quello che vogliamo e che il film era fichissimo. Se è il prezzo che bisogna pagare per vedere una volta all’anno Le dodici fatiche di Asterix, allora non c’è coerenza sociologica che tenga.

Segnala un errore

Tags:

Sociologo freelance, lavora come progettista, ricercatore e formatore in ambito sociale. Per Le Nius è responsabile editoriale, autore e formatore. Crede nell'amore e ha una vera passione per i treni. fabio@lenius.it

1 Comment

  1. E’ vero, il Natale può essere un nemico se vissuto ‘a nostra misura’….. E’ vero che per molti il Natale è soltanto acquisti, vacanze, Messa di mezzanotte ai primi posti, doni, cene, ecc.
    Gesù che nasce in una mangiatoia (o che ora rianasce ancora a Lampedusa, tra i rom, nelle carceri, ovunque….) deve essere una ‘sberla’ al nostro stile di vita, anche se molto spesso neppure questa umile nascita ci aiuta a rinunciare alle nostre comodità.
    Gesù non è venuto a far alleanza con le cose ma con le persone…..tutte le persone.
    Il Natale non è soltanto una scelta di povertà, è qualcosa di più
    per chi vuol iniziare un cammino di conversione….nessuno è forzato a farlo.
    Non vedo quindi quale fastidio possa dare un ‘bambino che nasce in una mangiatoia’ senza grandi speranze di vita ricca, ma solo la certezza di una fine ‘fisica’ tragica.
    Certo per chi non crede Lui è lì silenzioso in attesa,
    per chi crede e non l’accoglie per quello che è, sicuramente è un’ipocrisia.

    Ma le testimonianze di un Natale diverso fortunatamente sono tante,
    i testimoni che nel modo operano per il bene e muoiono per il bene
    fanno poco rumore.
    Il Bambino che cambia le persone per il bene degli altri da fastidio a molti e sinceramente non so bene perchè: indifferenza, superificilità, fastidio……

    Io ricordo don Tonino Bello, vederlo e sentirlo parlare dal vivo
    faceva tremare il cuore e le gambe…. per Natale
    faceva auguri scomodi….ed anche per me difficili da accettare,
    ma questo deve essere il vero senso del Natale.

    Ecco un breve stralcio di don Tonino :

    Carissimi, non obbedirei al mio dovere di vescovo se vi dicessi “Buon Natale” senza darvi disturbo. Io, invece, vi voglio infastidire.
    Non sopporto infatti l’idea di dover rivolgere auguri innocui,
    formali, imposti dalla routine di calendario.
    Mi lusinga addirittura l’ipotesi che qualcuno li respinga al mittente come indesiderati.

    Tanti auguri scomodi, allora, miei cari fratelli!

    Gesù che nasce per amore vi dia la nausea di una vita egoista, assurda, senza spinte verticali e vi conceda di inventarvi una vita carica di donazione, di preghiera, di silenzio, di coraggio. Il Bambino che dorme sulla paglia vi tolga il sonno e faccia sentire il guanciale del vostro letto duro come un macigno, finché non avrete dato ospitalità a uno sfrattato, a un marocchino, a un povero di passaggio.

    Dio che diventa uomo vi faccia sentire dei vermi ogni volta che la vostra carriera diventa idolo della vostra vita, il sorpasso, il progetto dei vostri giorni, la schiena del prossimo, strumento delle vostre scalate.
    ……….

    Ma il tema è troppo complesso per essere affrontato in una news

    In ogni caso Buon Natale a tutti

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi

quanti sono i caregiver in italia

Caregiver in Italia | Chi sono, quanti sono, cosa fanno

Un ritratto dei caregiver, coloro che si prendono cura in modo informale e non retribuito di anziani, malati, disabili. Una fatica che ricade spesso sulle donne e incide pesantemente su tutte le sfere della vita.
Torna su