Ultimi sondaggi: Renzi torna a crescere, Grillo continua a calare2 min read

27 Giugno 2014 Politica -

Ultimi sondaggi: Renzi torna a crescere, Grillo continua a calare2 min read

Reading Time: 2 minutes
Ultimi sondaggi: Renzi torna a crescere, Grillo continua a calareUltimi sondaggi: Renzi torna a guadagnare consensi, Berlusconi in lieve ripresa, mentre Grillo continua il trend decrescente. Questo emerge dai grafici sulla fiducia verso i leader pubblicati dall’agenzia Ixé per Agorà.

Dopo il calo della settimana scorsa, Renzi risale nelle preferenze degli elettori guadagnandosi il 55% dei consensi. Gli andamenti del grafico sono stati altalenanti nelle ultime settimane: un continuo su e giù probabilmente dovuto all’alternarsi di obiettivi raggiunti dal Governo, vedi 80 euro in più in busta paga, e ripercussioni portate da scandali, vedi Mose, o iniziative poco ben viste dagli elettori, come le possibili “larghissime” intese con FI e M5S.

I suoi sostenitori si stanno dimostrando molto volubili e, anche se pure nei punti più bassi del grafico non si scende mai sotto il 53%, il giovane premier dovrà mantenere alta l’attenzione garantendo il conseguimento dei suoi obiettivi. In questo senso, l’esito degli incontri con i vertici europei sulla flessibilità del patto di stabilità che si stanno svolgendo in questi giorni, potrebbero influenzare in maniera significativa i sondaggi per la prossima settimana.

Ultimi sondaggi: Renzi torna a crescere, Grillo continua a calare

Al contrario, Grillo sembra non riuscire ad invertire l’andamento che lo ha caratterizzato fino ad ora: dopo la debacle elettorale, il leader 5 stelle ha continuato a perdere consensi di settimana in settimana fino al 20% di oggi. La sua leadership è stata messa in discussione dopo la fallimentare campagna elettorale e dall’emergere di nuove figure di riferimento all’interno del Movimento, come Luigi di Maio, venute fuori proprio dopo il passo indietro fatto spontaneamente dal comico genovese. Il dialogo aperto questa settimana col PD per la definizione della nuova legge elettorale può aver messo in una nuova buona luce dei parlamentari a 5 stelle proprio a scapito del proprio leader. La politica interna al M5S è cambiata e non è detto che la simpatia dell’elettorato per Grillo sia un buon indicatore per rendersi conto dell’effetto post-elettorale sulle preferenze per l’intero Movimento.

Silvio Berlusconi, nel suo piccolo, una settimana dopo l’altra sta continuando il suo lento trend crescente, pur rimanendo al di sotto dei suoi avversari con il suo 18%. I servizi sociali lo stanno tenendo impegnato e lontano dagli impegni politici, ma la sua popolarità continua a risalire, seppur lievemente.

Il ruolo che il suo partito sta giocando nel definire le riforme assieme al Governo si sta ripercuotendo positivamente sulla sua figura dei leader. È comunque difficile immaginare un futuro in cui Berlusconi possa tornare a giocare l’importante ruolo di un tempo, ma rimane lo stesso un soggetto influente all’interno della politica del nostro Paese.

Particolare attenzione viene poi dedicata alle promesse di Renzi relative ai 1.000 giorni che secondo lui sono necessari per cambiare l’Italia: la maggioranza degli italiani (53%) sembra non reputarlo in grado di compiere questa impresa, ma bisogna ammettere che rispetto ai più fiduciosi (44%) e gli indecisi (3%) non c’è uno scarto così significativo.

Immagini| Agorà

CONDIVIDI

Fiorentino di nascita, Web Marketing Specialist per diletto e Nerd di professione. Si nutre di cultura pop e vive la sua vita perennemente in direzione ostinata e contraria. Per Le Nius supporta l'area editoriale, in ambito politica, e l'area social. matteo@lenius.it
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Iscriviti alla niusletter e resta aggiornato

TORNA
SU