Treviso: da roccaforte leghista a laboratorio di convivenza

di

trevisoTreviso intollerante. Razzista. Carina ma chiusa. E via dicendo. Tutto perché un astuto (ex) Sindaco ha espresso con parole in libertà quello che pochi dichiaravano ma molti volevano sentirsi dire. Essere protetti. Sicuri.

Intanto la città viveva un’immigrazione massiccia – oggi gli stranieri sono quasi il 13% della popolazione – ma armoniosa e riuscita. Merito della grinta leghista? A me è sembrato, nei 25 anni in cui ci ho vissuto, che sia stato dei trevigiani seri ma bonari, della coesione fattiva e non urlata, degli stranieri laboriosi e sobri.

Insomma, dall’esterno Treviso sembrava un inferno per gli immigrati. Non lo era, così come non è il paradiso adesso, ma la convivenza è vissuta in modo equilibrato. In altri luoghi un po’ più abili con il marketing politico si sarebbe parlato orgogliosamente di “modello Treviso”. Invece niente modello, solo vita quotidiana.

Nonostante il ventennio leghista (o forse proprio a causa di quello) la società trevigiana era già andata avanti, molto più della politica. Ora il contesto politico è cambiato, e tenta di recuperare il ritardo. Non c’è più Papà Gentilini, sostituito da un sindaco Pd, un avvocato passato per scout e scuole cattoliche.

Intanto a 20 anni di distanza gli immigrati cominciano ad avere figli, magari nati qui. Presto o tardi saranno cittadini italiani. Le norme attuali, che prevedono una residenza continuativa di almeno 10 anni prima di poter fare domanda, sono destinate ad essere superate dalla società.

Il neo Sindaco ha cercato di diminuire il gap tra società e politica emanando un’ordinanza che assegna la cittadinanza civica (cioè simbolica, onoraria, priva di effetti giuridici) ai ragazzi stranieri nati e residenti a Treviso, di età compresa tra i 6 e i 19 anni. Nonostante gli apprezzamenti nientemeno che del Guardian, subito le opposizioni si sono indignate con il primo cittadino “bolscevico”.

Ripeto: la misura è “priva di effetti giuridici”. È un simbolo, forse un augurio. Tutto qua. Molto rumore per nulla. Ma veramente c’è chi immagina orde di stranieri che, “armati di cittadinanza”, concorrono alle case popolari e agli asili nido e si aggregano in temibili partiti italofobi?

La verità è che la società sta cominciando a riconoscere, anche politicamente (seppur non giuridicamente), ciò che da tempo sta avvenendo. Anche nella bella e quieta Treviso.

Andateci, a Treviso. Merita davvero. Vedrete ragazzi di tutte le etnie scherzare in dialetto rincorrendosi sotto gli ospitali portici medioevali. Altro che razzismo.

Foto | arcimilano.it

Segnala un errore

Aspirante antropologo, vive da sempre in habitat lagunar-fluviale veneto, per la precisione svolazza tra Laguna di Venezia, Sile e Piave. Decisamente glocal, ama lo stivale tutto (calzini fetidi inclusi), e prova a starci dietro, spesso in bici. Così dopo frivole escursioni nella giurisprudenza e nel non profit, ha deciso che è giunta seriamente l'ora di mettere la testa a posto e scrivere su tutto quello che gli piace.

3 Comments

  1. Altro indizio di quanto la società e l’economia siano più avanti di quello che la politica vorrebbe far credere: un’azienda di Treviso realizza distributori automatici inclusivi di tramezzini ‘halal” (=”lecito”), cioè che seguono i dettami della religione islamica -molti, non tutti, immigrati sono proprio di quel credo – ma anche di dolci confezionati appositamente per i vegani.
    Le minoranze, ignorate -o peggio- dalla vulgata politica, entrano con sommessa concretezza nella realtà e la costituiscono.

    http://tribunatreviso.gelocal.it/cronaca/2013/12/12/news/a-treviso-il-primo-distributore-di-tramezzini-halal-1.8287772

  2. Quella di Treviso è una bella conquista: ‘una coesione fattiva e non urlata tra i numerosi immigrati laboriosi e sobri e i trevigiani seri e bonari’. Con l’andare del tempo questa collaborazione ha permesso a Treviso di raggiungere un equilibrio invidiabile, che ha determinato la nascita di una società armoniosa. Ci auguriamo che questo equilibrio nelle società si diffonda anche in altre regioni per raggiungere una condizione di vita migliore, più umana.
    L’ordinanza che assegna la cittadinanza civica onoraria
    ‘non giuridica’ ai ragazzi stranieri (nati e residenti a Treviso tra i 6 e i 19 anni) non può creare problemi in una società ben integrata e va valutata nel suo giusto valore.

  3. Pier, mi piace quello che scrivi ma anche come lo scrivi…potrebbe essere uno stile tacitiano (da Tacito)che ben si adegua alle esigenze giornalistiche.
    Treviso ha ormai tanti figli di immigrati nati qui…ma pochi sanno che in Primavera 2014 (o giù di lì) un manipolo di trevigiani e milanesi faranno una ricerca-reportage sulla vita trevigiana degli immigrati,per quanto possibile vista dalla parte loro, non da parte degli italiani, di cui si è detto di tutto e di più… sarebbe originale,no?.
    Ho recentemente scoperto una sacca di convivenza “imperfetta”: c’è una chiesa cittadna in cui tradizionalmente ogni domenica ad orario fisso un sacerdote africano celebra la Messa per un nutrito gruppo di fedeli, ovviamente cattolici,originari da vari stati del entroafica.La celebrazione si tiene sempre nella cripta della chiesa, mai nella navata superiore. Perchè?…”Perchè dopomessa loro fanno i loro tamburi”…così mi ha risposto un giovanissimo porrocchiano,con naturalezza. Questa radicata abitudine,è rivelatrice di qualcosa ? Mi pare di si…tanto che verrebbe voglia di cambiarla di tanto in tanto.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi

Il pimpa gaza

Il Pimpa tra Gaza, Aleppo e Homs

Un'estate di spettacoli in zone da guerra, questa del Pimpa, che da una Gaza bombardata, dopo essere stato ad Aleppo e ad Homs, risponde alle nostre domande.
storia di rinaldo montesanto

Eldorado Argentina | La storia di Rinaldo

Rinaldo Montesanto, marchigiano, 25 anni, operaio, partito da Genova con la barca Cabo de Buena Esperanza e arrivato a Buenos Aires il 20 marzo del 1950. Uno dei milioni di italiani emigrati in Argentina.
italiani in argentina

Eldorado Argentina: storie di italiani dell’altro mondo

Tra fine Ottocento e inizio Novecento milioni di italiani sono emigrati all'estero, molti in Argentina. Prima che le loro storie finiscano per essere dimenticate, sono andato dall’altra parte dell’oceano e ne ho raccolte alcune.
nomi più diffusi in italia

Quali sono i nomi più diffusi in Italia?

Le classifiche dei nomi più diffusi in Italia nel 2017 e negli ultimi 19 anni. I nomi che tirano e quelli che fanno flop. Un modo divertente di conoscere i cambiamenti sociali.
migranti 2019

Quanti migranti stanno arrivando nel 2019?

Numeri, rotte, politiche e conseguenze sulla vita delle persone e delle comunità: l'articolo in cui monitoriamo l'evoluzione del fenomeno migratorio in Italia e in Europa nel 2019.
Torna su
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: