Thohir revolution, finisce l’era del “secondo padre”

di

Erick ThohirDopo James Pallotta, Erick Thohir. Il secondo proprietario straniero della Serie A ha cominciato ufficialmente la propria avventura. E’ il ventesimo presidente dell’Inter, una figura nuova per un calcio italiano ancora molto ancorato alle vecchie famiglie, soprattutto nei grandi club. Una di queste, i Moratti, ha deciso di passare parzialmente la mano, restando nel giardino di casa con un 29,5% attraverso cui l’uscente Massimo farà da “nonno” ai nuovi soci. Ci metterà l’esperienza maturata in diciotto anni di gestione, ma qualcosa cambierà.

Con l’avvento di Erick Thohir si chiude il tempo del “secondo padre” a cui rivolgersi sapendo di avere un appoggio sicuro. Può essere una svolta in un ambiente spesso abituato a chiudere gli spifferi per non far uscire quel che i muri ascoltano. Non sarà la sola e non vi è certezza su quanto si potrà migliorare o peggiorare. Il calcio è scienza troppo umorale, quello italiano lo è all’estremo limite. Thohir ha il vantaggio di un’impostazione da businessman che gli farà vedere meglio l’orizzonte quando dagli spalti pioveranno insulti, se e quando accadrà. A Moratti è successo nei primi anni perché gli investimenti non erano pari ai successi e nonostante col tempo siano arrivati anche i trionfi la frangia più estrema lo ha salutato con freddezza, sottolineandone le cadute assieme alle gioie (vedi ultimo striscione della Curva Nord).

Se un punto cardine nel progetto c’è è quello di dare un’immagine differente del club, più internazionale e meno familiare, in grado di coinvolgere nuovi mercati e di non farsi coprire di ridicolo quando si confrontano i fatturati dei maggiori club europei, discorso che in Italia vale per tutti. Sarà un obiettivo centrale di Thohir, anche se ai tifosi interesserà poco. Il campo parla, i conti no, perché non è sui rossi in bilancio che ci si sfotte davanti al caffé. La squadra dovrà crescere di pari passo con le ambizioni della squadra, se il nuovo presidente non vuole scoprire presto quanto sia difficile calendarizzare un successo a lungo termine. La fredda Milano di questi giorni, al confronto, potrebbe sembrare un eldorado.

Segnala un errore

Realizzatore di sogni parzialmente mancato, giornalista sportivo riuscito. Segno che qualcosa è andato per il verso giusto, dai venti in poi. Sostenitore convinto della necessità di pensare e divulgare, meglio se in un pub, peggio se in discoteca. Scrittore per diletto, con la fortuna di vivere del mio lavoro.

1 Comment

  1. Speriamo che il personaggio che mi sembra di spessore porti una ventata di novità sia nella gestione che nell internazionalizzazione del marchio Inter .
    Diamogli un paio d anni l ideale sarebbe fare la finale Champion 2016 a s siro…..questa e l idea di thohir……..
    Comunque un grande e affettuoso saluto al presidente Moratti che ci ha fatto vivere tante emozioni……

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi

vox 2 box ep 52

Vox 2 Box – Episodio 52 (2×22): Der Kommissioner

L'episodio numero 52 di Vox 2 Box si tuffa nel mondo delle elezioni FIGC con l'ospite Fulvio Paglialunga, scrittore e giornalista, uno dei maggiori esperti delle dinamiche della politica sportiva in Italia.
Torna su
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: