“Sebben che siamo donne”, il libro in 10 volti di rivoluzionarie5 min read

8 Marzo 2015 Cultura -

“Sebben che siamo donne”, il libro in 10 volti di rivoluzionarie5 min read

Reading Time: 5 minutes
sebben che siamo donne il libro

10 donne, 10 storie di corpi sacrificati a un lotta per cambiare lo status quo. Paola Staccioli, autrice del libro Sebben che siamo donne. Storie di rivoluzionarie, ha raccontato queste ragazze, guardandole attraverso alcuni titoli di giornale in cui, parlando magari di un commando delle Brigate Rosse, si poteva leggere “c’era anche una donna”.

Quella parolina – anche – è la stessa che ci fa sollevare un sopracciglio quando leggiamo che tra le file del cosiddetto Stato Islamico, ci sono delle ragazze, spose dei jihadisti ma anche – ancora, anche – parte attiva della propaganda.

L’8 marzo non è un giorno fatto di “pizza per sole donne” e mimose. La festa della donna è una giornata in cui ricordare le conquiste fatte dal genere femminile. E, come ha ben sottolineato Patricia Arquette durante la Notte degli Oscar e come fa la cronaca ogni giorno, mettendoci sotto il naso casi di femminicidio quasi quotidiani, sembra che il ruggito delle leonesse sia più debole.

Le donne raccontate in questo libro hanno preso le armi non a cuor leggero, “lo hanno fatto ritenendola una necessità storica. L’unico modo per poter cambiare realmente le cose. In modo radicale, rivoluzionario”, spiega Staccioli. Un istinto che, al di là dell’orientamento politico e degli atti gravi compiuti dalle protagoniste, è ancora oggi necessario che rimanga vivo e vigile, in quanto simbolo di una volontà che vuole cambiare lo stato ingiusto delle cose.  Leggere questo libro aiuta a mettere a fuoco il contesto che ha portato queste donne a decisioni terribili e irrevocabili.

Ecco 10 nomi, storie e volti di donne rivoluzionarie dal libro.

Elena Angeloni – PAM a pagina 2

Il libro: Sebben che siamo donne. Storie di rivoluzionarie di Paola Staccioli, 254 pagine, 16 euro, DeriveApprodi, Roma 2015A



5

Stefania Leo

CONDIVIDI

Stefania nasce nel '82, mentre in Portogallo si dava alle stampe l’allora sconosciuto Il libro dell’inquietudine di Pessoa. Il suo destino sembra essere legato all’editoria: lavora per 10 anni in 4 diverse fucine editoriali. Sin dai tempi dell'università, scrive di libri su vari portali. Ora lavora come web editor freelance, scrive di libri, finanza e lifestyle e, quando è tempo, fa l’olio più buono del mondo.
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Iscriviti alla niusletter e resta aggiornato

TORNA
SU