Viaggio nel mondo attraverso 5 scritture antiche mai decifrate4 min read

23 Settembre 2016 Cultura Viaggi -

Viaggio nel mondo attraverso 5 scritture antiche mai decifrate4 min read

Reading Time: 4 minutes

Sin dagli albori della civiltà l’uomo ha sentito il bisogno di ricorrere a forme di scrittura (prima solo grafiche, poi sempre più tendenti all’astrazione via, via che si passava da sistemi logografici a sistemi sillabici ed alfabetici) per fini commerciali e di trasmissione di conoscenze, prima ancora che per la produzione culturale. Molti di questi sistemi non sono stati decifrati e rappresentano una sfida per archeologi e linguisti, oltre che un tema appassionante per gli amanti della storia e del mistero. Facciamo un breve viaggio intorno al mondo concentrandoci su cinque scritture mai decifrate.

1. Scritture mai decifrate: la scrittura della Valle dell’Indo

Scritture mai decifrate Valle dell'Indo
@googleusercontent.com

La civiltà della valle dell’Indo vissuta tra il 3300 e il 1500 a.C., popolò, come suggerisce il nome, l’area geografica estesa lungo il fiume Indo, a cavallo tra il Pakistan e l’India nord-occidentale. Le difficoltà legate alla decifrazione di questa scrittura sono dovute principalmente alla brevità dei testi a disposizione, il più lungo dei quali conta appena 26 caratteri, al punto che qualche ricercatore ha proposto che non fosse una scrittura vera e propria, ma un sistema di identificazione ad uso commerciale. Altri hanno invece ipotizzato che si tratti di una scrittura ideografica o logo-sillabica, comprendente circa 200 segni principali e altrettante derivazioni, per un totale di circa 400 simboli (tra cui figure umane ed animali), e che testi più lunghi non siano reperibili perché consumati dal tempo.

2. Scrittura Proto Elamitica

Scritture mai decifrate Proto Elamitica Susa
@wikimedia.org

Il proto-elamitico è un sistema di scrittura diffusosi a Susa, capitale del regno dell’Elam (l’attuale Iran), intorno al 3000 a.C.. Alcuni studiosi ritengono che si sia sviluppata da un’antica scrittura cuneiforme sumerica. Il proto-elamitico consiste di circa 1000 simboli logografici utilizzati da destra a sinistra e ne sono testimonianza diversi testi incisi su tavolette di argilla custodite al Louvre e all’Ashmolean Museum di Oxford. Un tratto di alcune incisioni sembra essere la presenza di simboli numerici seguiti dalla stilizzazione di oggetti cui il numero si riferisce, ma la maggior parte dei testi restano astratti ed incomprensibili, anche se di recente l’archeologo Jacob Dahl ha sostenuto di essere ad un passo dalla decifrazione.

3. Scrittura Lineare A

Scritture mai decifrate Lineare A Creta
@omniglot.com

Con Lineare A si indica il sistema di scrittura sillabica, sviluppata da sinistra verso destra, diffuso nell’isola di Creta  intorno al 2000-1500 a.C., prima dell’avvento del sistema di scrittura dei greci micenei  (Lineare B). Il Lineare A coesisteva con i cosiddetti geroglifici cretesi, anch’essi tuttora indecifrati, ed era la scrittura ufficiale nei palazzi e per i riti religiosi. Tutti e tre i sistemi vennero scoperti nel 1893 da Sir Arthur Evans, ma solo il Lineare B è stato decifrato in modo quasi univoco, nel 1952. Alcuni simboli sono comuni ad entrambi i sistemi A e B, ma ciò non ha comunque permesso di giungere alla comprensione del Lineare A. Si ritiene che quest’ultimo, definito anche minoico, fosse il sistema più antico in uso nell’isola, poi lentamente soppiantato dal Lineare B dopo le invasioni micenee. Nel corso degli anni le più svariate ipotesi sono sorte intorno a possibili legami del Lineare A con altre lingue: dal greco (Georgiev, 1957), al luvio (Owens, 1997), dal fenicio (Best, 2001), all’indo-iranico e all’etrusco, ma la questione resta aperta.

4. Iscrizioni Olmeche

Scritture mai decifrate iscrizione Olmeche Messico
@ancient-origins.net

La popolazione degli Olmechi, una civiltà precolombiana, visse in un’area corrispondente all’odierno Messico tra il 1400 e il 400 a.C. Fu probabilmente la prima civiltà mesoamericana a sviluppare un sistema di scrittura: non c’è ancora certezza, infatti, che i simboli rinvenuti sul cosiddetto blocco di Cascajal (una lastra in roccia rinvenuta in Messico e databile al primo millennio a.C.) costituiscano un esempio di scrittura, la quale sarebbe la più antica mai trovata nelle americhe. I 62 simboli sul blocco assomigliano a elementi naturali (frutta, verdura, insetti), mentre altri restano astratti, ma secondo gli studiosi una decifrazione sarà impossibile se non si troveranno altri reperti.

5. Rongorongo

Scritture mai decifrate Rongorongo Isola di Pasqua
@boloji.com

Il rongorongo è un sistema di scrittura basato su glifi rinvenuto nell’Ottocento su tavolette di legno nell’Isola di Pasqua e che riveste una grande importanza in quanto esempio di scrittura sviluppatasi indipendentemente da qualunque influenza esterna. I glifi, che spesso rappresentano esseri umani, animali e piante, vanno letti da sinistra a destra in senso alternato, ruotando cioè la tavoletta di 180° dopo ogni riga (andamento bustrofedico). La scomparsa dei nativi dell’isola, in seguito a epidemie e invasioni, eliminò le ultime persone in grado di comprendere la scrittura, che divenne indecifrabile e lo è ancora oggi. Le due ipotesi principali sono che il rongorongo fosse una proto-scrittura, oppure una forma di scrittura completa, ma con tratti sia logografici che sillabici. Le 26 tavole di legno in buono stato oggi disponibili non hanno ancora permesso di chiarire il mistero.

CONDIVIDI

Classe '85, divido il tempo tra la moglie e i tre figli e le più svariate passioni. Amo la lettura, la scrittura (ho pubblicato cinque romanzi) ed i videogiochi, non disprezzo fumetti, calcio, cinema e cucina. Eterno bambino, amo la vita e credo che sia troppo breve per non interessarsi a... tutto!
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

TORNA
SU