Roma 2014-2015: Se fosse un gioco

di
roma 2014-1205
@officialasroma

Se fosse un momento televisivo, sarebbe Andreotti che se impalla a buona domenica: Presidente? Presidente?!?
Se fosse un ricordo adolescenziale, sarebbe un giorno a caso dei primi anni novanta nella scuola media statale di Dragona. La periferia della periferia della periferia di Roma sud.
Se fosse un sintomo di malessere femminile, sarebbe… NIENTE! Ho detto che non ho niente!
Se fosse un social network, sarebbe twitter.
Se fosse un’incognita, sarebbe la X.
Se fosse un componimento poetico, sarebbe un endecasillabo. Sciolto.
Se fosse un libro, sarebbe un buono, per comprarne uno a scelta. Tipo: Nonna m’hanno fatto un buono che vordì?
Se fosse una trasmissione televisiva, sarebbe una partita di bocce alle 3 di notte su RaiSport2.
Se fosse una domanda di una donna, sarebbe a che pensi?
Se fosse un attacco di fame, c’avresti il frigo vuoto.
Se fosse un luogo dell’anima, sarebbe la Friendzone.
Se fosse una ricetta estiva, sarebbe la tipica peperonata di ferragosto.
Se fosse un film, sarebbe una roba catastrofica ma con l’americani che poi vincono (alla fine, in fondo in fondo).
Se fosse un mezzo di trasporto, una barca. Olandese.
Se fosse un piatto, la carbonara con la pancetta.
Se fosse la Lazio, sarebbe terza. Coppa B.
Se fosse un momento politico, sarebbe la vittoria di Bersani nel 2013.
Se fosse un eroe dello sport, sarebbe Gimondi. Il migliore di sempre. Peccato per coso, lì… ah già Eddy Merckx.
Se fosse una collezione, sarebbe l’album panini con un solo mancante.
Se fossero soldi spesi male, sarebbero un corso di scrittura creativa.
Se fossero soldi spesi malissimo, sarebbero un corso di cucina da Eataly.
Se fosse qualcosa di poco credibile, sarebbero i pronostici di Giulio Galasso a teleroma56.
Se fossero una coppia famosa, sarebbero He-Man e Battlecat. Prima della trasformazione, però.
Se fosse un periodo ipotetico dell’incertezza, sarebbe: Ma che vincemo? Boh?
Se fosse un hashtag, lo scriverebbe Renzi.
Se fosse la stagione della Roma, sarebbe
esattamente
La stagione
Della
Roma
2014-2015.

Segnala un errore

Anche noto come Coso. Classe 1981, attualmente in vita. Nasce brutto e povero e non potendosi permettere di cambiare vita chirurgicamente è costretto a vendere il suo corpo al giornalismo, ma nessuno se lo compra. Casca, si rialza, non se rompe. È tipo il pongo. Scrive cose, fa lavatrici.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi

Higuain, io sono già fortunato

Perché può arrivare, restare, partire chiunque. Noi siamo nati a Napoli, e chi pensa sia poco dovrebbe pensarci meglio.
Torna su