Rimedi per l’indigestione3 min read

16 Dicembre 2016 Cucina -

Rimedi per l’indigestione3 min read

Reading Time: 3 minutes
rimedi indigestione

L’atmosfera festosa e mangereccia di questo periodo è già ovunque da settimane. Il pensiero raggiunge velocemente la preoccupazione che queste feste porteranno con se molte cene, abbuffate e momenti in cui si celebra attorno a tavole imbandite che compromettono la dieta alimentare di ognuno di noi. Infatti, in questo periodo dell’anno, complice anche le basse temperature, mangiamo e beviamo più di quanto sia necessario al nostro corpo e ci sentiamo immediatamente appesantiti alla ricerca disperata di rimedi per l’indigestione o altri fastidi di stomaco.

Quella delle feste natalizie è una di tante occasioni in cui, a causa di un’alimentazione scorretta o eccessiva, o per l’assunzione di bevande fredde subito dopo il pasto o addirittura per una improvvisa forte emozione, il processo digestivo rallenta o perfino si blocca.

Il disturbo dell’indigestione determina malessere generale, con senso di pesantezza allo stomaco, bruciore, nausea e mal di testa. Sintomi inequivocabili appena dopo un pasto, una sorta di momentaneo cortocircuito nello stomaco.

Rimedi indigestione: il canarino

Ed ecco che quella tazza di acqua calda con la buccia di limone immersa, che da bambina vedevo sorseggiare dagli adulti al termine del loro pasto, rivela la sua funzione: “il canarino”.

Il canarino si prepara facendo bollire in acqua per due o tre minuti la buccia del limone e facilita il processo digestivo in quanto innesca un processo di sollecitazione dei succhi gastrici e di attivazione intestinale, e si libera così più rapidamente lo stomaco.

Il medesimo principio d’azione della semplice acqua calda e limone vale poi, in generale, per le tisane.

Effetto analogo, in minor misura, è dato dalla borsa dell’acqua calda poggiata sullo stomaco: il processo digestivo è stimolato dalla vasodilatazione, provocata dal calore, che apporta più sangue allo stomaco.

E, dulcis in fundo, la Coca Cola (mezzo bicchiere, non di più!) è un ottimo presidio che interviene attraverso multipli meccanismi d’azione.

Rimedi indigestione e bruciore di stomaco

Il bruciore di stomaco che sopraggiunge è fastidioso, al limite del sopportabile e se accompagnato da rigurgiti peggio che mai. A tamponare l’iperacidità, prodotta dal rigurgito del contenuto acido dello stomaco per l’aumento della secrezione di acido cloridrico, agisce una sostanza altrettanto acida: spremuta di pompelmo o un cucchiaino da tè di limone. Chi l’avrebbe detto!

Per chi non ha resistenze/allergie al latte (intero e fresco): due dita di latte freddo hanno la capacità di catturare quasi totalmente i succhi gastrici, attenuandone l’aggressività sulla mucosa gastrica, riducendone sensibilmente il bruciore.

Un pezzo di crosta di pane secco assorbe l’eccesso di succhi gastrici vaganti. Insomma, alimenti asciutti e non liquidi. E non alimenti zuccherini, che stimolano ulteriormente la secrezione dei succhi gastrici.

Rimedi indigestione e nausea

La nausea, altro sintomo legato alcune volte a una cattiva digestione, può essere pure “disturbo” tipico della gravidanza, o l’effetto di avvelenamento da cibo o risultato di una gastrite. Si avverte disgusto, inappetenza ma anche ipersalivazione. Spesso sufficiente un pezzetto di pane con qualche goccia di aceto di vino per eliminare il senso di nausea e il malessere: presidio che stimola i succhi gastrici, ristabilendo il processo digestivo.

Altrimenti come il pane, burro e alici, assolutamente efficace.

Oppure, la liquirizia purissima sciolta lentamente in bocca (sconsigliata però a chi soffre di pressione alta): favorisce il rapido svuotamento dello stomaco dai succhi gastrici abbattendo la nausea.

Inoltre, mai bere liquidi in presenza di nausea, perché il disturbo peggiora.

CONDIVIDI

Naturopata esperta di bionutrizione, scrivo di buona alimentazione, quella per cui non è necessario privarsi del piacere di mangiare al fine di raggiungere e mantenere il peso-forma e star bene. L'alimentazione può condizionare l'umore, la concentrazione, la resa energetica, fisica e mentale. Mangiare bene significa mangiare meglio ;-) Mi trovate anche sul mio blog.
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

TORNA
SU