Lasagne di pane carasau al radicchio e besciamella

di

ricette con pane carasauCon il pane carasau si possono preparare molte ricette salate. Le sfoglie di pane carasau si possono usare un po’ come le sfoglie di pasta fresca basta inumidirle leggermente. Più grandi e ruvide sono le sfoglie di pane sardo meglio è per le vostre preparazione. Tra le ricette con pane carasau più semplici da fare c’è questa lasagna al radicchio e besciamella, ideale anche per chi segue una dieta vegana.

Le lasagne di pane carasau possono essere farcite con tutto quello che vi piace di più. Sono ottime se ripiene di verdure erbette, per esempio, o di radicchio e formaggio e non c’è limite alla fantasia. Potete usarle proprio come delle lasagne oppure arrotolarle per formare delle rose. L’unica accortezza che dovrete avere per preparare le ricette con pane carasau è che non dovrete aggiungere troppi liquidi. Nel caso specifico, si tratta di non esagerare con la besciamella, altrimenti durante la cottura non riuscirà ad asciugare e rischierete di fare una pappa di pane e verdure. Ne servirà solo il necessario per inumidire e condire un po’ il tutto.

Il pane consigliato per questa lasagna è il pane carasau ma anche il pane carasau guttiau è ottimo. Anzi io in realtà lo preferisco perché più saporito e ruvido. 

ricette con pane carasau

Ricette con pane carasau: lasagne al radicchio

Serve 4 persone

  • 4 o 5 fogli di pane carasau (va bene anche il pane carasau guttiau)
  • 1 ½ radicchio tondo (per leggere sul radicchio cliccate qui)
  • ½ spicchio d’aglio
  • 1 cucchiaio di porro tritato
  • 2 cucchiai d’olio extravergine di oliva
  • 2 cucchiai di lievito alimentare in scaglie
  • sale q.b.

Finta besciamella vegana:

  • tofu 150g silken tofu (chiamato kinugoshi tofu. È un tofu molto morbido, ha la consistenza di una budino)
  • 2 cucchiai di latte di soia al naturale e non addizionato
  • noce moscata q.b.
  • sale q.b.

Procedimento

  1. Tagliare il radicchio e lavalo. Farlo stufare in una padella con l’olio e il porro tritato. Aggiungere il sale, il pepe e far appassire la verdura. Se necessario, aggiungere un goccio d’acqua e portare a cottura. Far raffreddare.
  2. Bagnare con acqua i fogli di pane carasau e tienerli da parte qualche minuto per farli ammorbidire. Se riuscite ad appoggiarli in posizione verticale l’eccesso di acqua scivolerà via più facilmente e il pane diventerà morbido senza impregnarsi troppo e rompersi.
  3. Preparare una besciamella vegana oppure in stile tradizionale. Per la besciamella vegana: preparare la salsa frullando il tofu (silken) con il latte di soia, regolare di sale e profumare con la noce moscata.
  4. Ungere il fondo e i bordi una teglia e bagnarla con poca salsa di tofu o besciamella classica. Ora iniziare ad alternare i fogli di pane carasau, la verdura cotta e la finta besciamella, come in una lasagna classica. Si può aggiungere del formaggio vaccino, se non si è vegani, come del gorgonzola, oppure della salsiccia precedentemente passata in padella e sbriciolata. Posizionare i fogli di pane carasau in modo da farli sbordare, creeranno un bell’effetto, una volta che la lasagna sarà ben cotta e tostata al forno. Terminare le lasagne con pane carasau con uno strato di besciamella e radicchio, cospargere di lievito alimentare in scaglie (è un sostituto del formaggio stagionato per i vegani!) e un filo d’olio.
  5. Cuocere a forno caldo a 180°, nella parte centrale, per circa 20 minuti, e fino a che i bordi saranno dorati e croccanti.

Segnala un errore

Antropologa e progettista, a Le Nius è coordinatrice, formatrice e social media manager. Studia il ruolo dei patrimoni culturali per lo sviluppo sostenibile, si interessa di antropologia dei media, è consulente per il terzo settore. info@lenius.it

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi

Cosa facciamo Le Nius informazione

Cose che cambiano a Le Nius

Il post in cui condividiamo le nuove linee che sono alla base di ciò che proponiamo su Le Nius: ci occupiamo soprattutto di temi sociali e vogliamo farlo con la partecipazione dei nostri lettori e lettrici.
Torna su