8 regole per perdere a Scacchi

di

regole-perdere-scacchi

2. All’inizio della partita muovete solamente pedoni

Così si trasgredisce un importante principio di apertura: muovere soltanto un pedone nelle prime fasi del gioco, due se l’avversario vi dà l’opportunità di effettuare un affiancamento tra i vostri pedoni, ma mai tre.

Proprio come nei corsi di scrittura: un aggettivo va bene, due vicino allo stesso nome sono troppi. Tre… Pleonastici.

Durante le prime mosse un giocatore deve innanzitutto preoccuparsi di mettere i propri pezzi dove siano attivi, cioè possano contribuire bene al piano, controllando o occupando case centrali. Se muove troppo i pedoni, perderà risorse –tempi in gergo scacchistico– preziose.

Eppure ai principianti piace molto formare schiere di pedoni al centro, nemmeno si assistesse ad una battaglia napoleonica. Se siete maestri, ricordate ai vostri allievi che gli Scacchi simboleggiano davvero una battaglia, ma anche che oggi non si combatte più come ai tempi di Napoleone, o come nell’antica India, dove il gioco ebbe origine, bensì con le bombe (sulla cui intelligenza preferisco sorvolare): la corsa in avanti dei pedoni alla Braveheart porta alla disfatta sicura.

Segnala un errore

Appassionato giocatore ed istruttore qualificato di Scacchi, ma non abbastanza da farne l’unica ragione di vita. Appassionato ed esperto di finanza personale ed investimenti, ma non abbastanza da restare bancario per tutta la vita. Appassionato di lettura e scrittura, abbastanza da farne un contenitore per tutti gli altri interessi.

Commenta

Ultimi

handbike italia

Handbike | Uno sport vero, uno sport per tutti

Nato come sport per disabili, l'handbike è in crescita e si sta aprendo anche ai normodotati. Andrea Leoni, ideatore del Giro d'Italia Handbike, ci racconta storie, successi e difficoltà di uno sport capace di coniugare agonismo, competizione e valenza sociale.
en garde bambini scherma

En garde! Perché scegliere la scherma

La scherma, uno sport di lealtà e coraggio. Lo scopriamo con l'intervista a Sandro e Matteo Resegotti della Scuola Mangiatti, a cura degli alunni dell'Istituto Vittora Colonna.
Torna su