Regali di Natale per il tifoso romanista

di
roma-regali di natale
@goatling

Ogni  tifoso romanista, piuttosto che un bel regalo di Natale, quest’anno sogna di ricevere un meraviglioso regalo per la Befana da parte della propria squadra: il 6 gennaio è in calendario la partitissima Juventus-Roma. Non aggiungo altro.

Tuttavia, in attesa di questa sfida, vi propongo alcuni consigli di lettura per un piacevole e originale dono natalizio.

Kansas City 1927

Scritto da Diego Bianchi e Simone Zoro, edito da Isbn edizioni, questo libro raccoglie cronaca e recensioni  delle partite che la Roma ha giocato nella stagione 2011-2012. Al libro è allegato un cd con i due autori e alcuni attori romani che leggono i capitoli migliori.

Narrato con ironia e puramente in stile romanesco, raccoglie gli scritti di un anno passato a esorcizzare l’amarezza del fallito tentativo della gestione Luis Enrique.

regali di natale-kansas city

Il titolo Kansas city 1927 attinge  alla cinematografia sordiana (dal celebre “Un americano a Roma”) e all’anno di fondazione della società.
Il libro, con un registro linguistico alla portata di tutti per stessa intenzione degli autori (“parla e scrivi come magni”) e grazie a riferimenti di cinema, cultura e politica – trattati sempre in maniera ironica – ottiene un risultato esilarante.

L’ultima partita. Vittoria e sconfitta di Agostino Di Bartolomei

Autori Giovanni Bianconi e Andrea Salerno, edito da Fandango, questo libro narra le vicende di un grande uomo e giocatore: Agostino Di Bartolomei. “Dibba”, o semplicemente “Ago” come lo chiamavamo noi tifosi, era il capitano della grande Roma di Nils  Liedholm che vinse lo scudetto nel 1983 ed era una persona educata, schiva e riservata.

regali di natale-roma

“L’ultima partita” ripercorre le tappe della sua vita sportiva fino ad arrivare al giorno del suicidio, avvenuto nel decimo anniversario della più grande sconfitta del calcio capitolino: la finale di Coppa Dei Campioni persa in casa con il Liverpool ai calci di rigore.
Dopo quella partita e dopo alcune esperienze in altre squadre Di Bartolomei iniziò ad allontanarsi dall’ambiente sportivo, ad isolarsi e a racchiudere in sé quel dolore, ancor oggi difficile da capire, che lo portò al gesto estremo.

Nella prefazione del libro è racchiusa una toccante lettera che il  figlio Luca, a distanza di sedici anni dalla morte di Agostino, scrive al suo papà: “Mi manchi AGO. Ecco volevo solo dirtelo ancora una volta”.

Scopri qui tutti i regali di natale consigliati dalla redazione di Le Nius.

Segnala un errore

Agente sportivo, ho trascorso l’infanzia sui gradoni dello stadio Olimpico di Roma. Ora mi diletto, con scarsi risultati , a raccontare le vicende sportive della Magica Roma.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi

Higuain, io sono già fortunato

Perché può arrivare, restare, partire chiunque. Noi siamo nati a Napoli, e chi pensa sia poco dovrebbe pensarci meglio.
Torna su