Ravioli dolci di Carnevale al forno, versione sana

di

ravioli-dolci-di-carnevaleCarnevale significa grasso, unto, ciccia e mascheramenti perché è quella festa che anticipa i 40 giorni di Quaresima, giorni discreti e di penitenza che preparano alla Pasqua. Della serie “o adesso o mai più”. E giù di fritti e zuccheri, quindi tirate fuori lo zucchero a velo del pandoro, tanto vi è avanzato sicuramente, sostituite i fiocchi con coriandoli e stelle filanti e sarete pronti per preparare la ricetta dei ravioli dolci di Carnevale al forno che vi propongo oggi.

Il fritto, se fatto a regola d’arte, è buonissimo. Però ho pensato ad una alternativa ai bomboloni, ai tortelli milanesi o le frittelle venete: i ravioli dolci. Tradizionalmente, i ravioli dolci carnevaleschi sono farciti di ricotta e poi vengono fritti (aridaje), ma oggi cuociamo i ravioli dolci al forno e li farciamo con marmellata. In modo da farne una versione vegana.

L’impasto sì rifà alla cucina naturale perché senza zucchero e dolcificato con il solo malto di risoMi sono ispirata ad una ricetta di un pasticcere naturale e macrobiotico e ne ho cambiato leggermente le dosi, lui si chiama Pasquale Boscarello. Si tratta di una ricetta che utilizzo di tanto in tanto, adattandola al tipo di dolce che desidero ottenere… Il risultato finale sarà leggero e fragrante e può essere utilizzato anche per dei biscotti a forma di maschera di Carnevale, da decorare con cioccolato fondente e altre cosine buone, a seconda della vostra fantasia.

Ravioli dolci di Carnevale al forno

(4 mascherine e 6/7 ravioli dolci)

  • 200g farina di farro integrale
  • 60g malto di riso
  • 50ml olio di girasole
  • acqua necessaria per impastare (50/60 ml)
  • 10g cremor tartaro vanigliato
  • Un pizzico di sale
  • Un pizzico abbondante di scorza di limone (la furbata: grattugiala e conservala in freezer in barattoli di vetro, così l’avrai sempre pronta).
  • A piacere puoi aggiungere cacao, zenzero in polvere o cannella.

Per farcire i ravioli dolci

  • marmellata di albicocche. A gusto puoi sostituire la marmellata con un cubetto di cioccolato fondente, crema spalmabile al cacao o una crema ottenuta frullando tofu al naturale con zucchero, vaniglia e cannella.

Per la decorazione dei ravioli dolci di Carnevale al forno

  • cioccolato fondente
  • zucchero a velo
  • cocco grattugiato
  • zuccherini colorati
  • granella di nocciole (o nocciole intere che andrai a frullare)

Su un pezzo di carta forno disegna una maschera di carnevale e ritagliata. La userai come forma per i tuoi biscotti.

Ora metti le mani in pasta! Per gli impasti tipo frolle io procedo sempre allo stesso modo: mischia gli ingredienti secchi, aggiungi l’olio e sfrega l’impasto tra le mani fino ad ottenere un composto tipo sabbia umida.

A parte sciogli il malto in una parte di acqua tiepida e versa tutto nel composto di farina. Aggiungi l’acqua necessaria mancante ed impasta per bene fino ad ottenere un composto liscio, più morbido rispetto a quello di una frolla tradizionale.

Infarina il piano e con l’aiuto di carta forno e del mattarello stendi la pasta spessa 2 o 3 mm. Ritaglia le mascherine e dei quadrati per fare i ravioli dolci. Al centro dei quadrati metti un cucchiaino di marmellata e copri con altra pasta, pressa bene i bordi con le dita e poi con i rebbi di una forchetta. Regolarizza i lati tagliando la pasta in eccesso.

Disponi sulla carta forno e metti in frigorifero mezz’ora. In questo modo risulteranno più fragranti.

Scalda il forno a 180°C e inforna fino a doratura, saranno necessari 10/15 minuti.

Segnala un errore

Amo la cucina e l’arte, l’architettura e la natura al punto da confonderle. Per me la cucina è il luogo migliore per amare chi ho vicino ed è sempre occasione di sperimentarmi, imparare, sognare e talvolta rilassarmi. La mia cucina è vegana e quando mi ricordo la condivido su “Io porto l’hummus“.

Commenta

Ultimi

Cosa facciamo Le Nius informazione

Cose che cambiano a Le Nius

Il post in cui condividiamo le nuove linee che sono alla base di ciò che proponiamo su Le Nius: ci occupiamo soprattutto di temi sociali e vogliamo farlo con la partecipazione dei nostri lettori e lettrici.
Torna su