Primarie Pd 2013: risultato scritto, poi guerra Renzi vs Letta?

di
@il fatto quotidiano
@il fatto quotidiano

Ci siamo quasi, è tempo di primarie Pd 2013, tanto attese quanto prevedibili. Diciamolo subito: Gianni Cuperlo e Pippo Civati non hanno alcuna possibilità di battere Matteo Renzi, il grande favorito da tempo. Solo per citare qualche numero, dopo aver vinto fuori casa, ovvero nei circoli, Renzi è dato dai sondaggi (l’ultimo di Quorum per Europa) al 70%, seguono Cuperlo al 17% e Civati al 12,6%. Vediamo il profilo dei tre sfidanti e le possibili conseguenze della vittoria di Matteo Renzi.

Matteo Renzi: il vincitore delle primarie pd 2013

I dati sembrano parlare chiaro, Matteo Renzi attira i voti dei giovani e giovanissimi mentre non spopola tra gli over 65. Praticamente favorito alla corsa per la guida del Pd dal giorno dopo la “non vittoria” elettorale della coalizione guidata da Bersani, Renzi piace a tanti dentro e soprattutto fuori il Pd e si avvantaggia della valanga di errori commessi ripetutamente dalla dirigenza del Pd. Opportunista di natura, abile comunicatore, un giorno va a braccetto con D’Alema quello dopo gli imputa tutte le sconfitte del Pd, un giorno rottama la vecchia dirigenza il giorno dopo (vedi la Leopolda 2013) accoglie sotto la sua ala una compagine nutrita di ex bersaniani e d’alemiani capeggiati da Nicola Latorre e Dario Franceschini. Vincitore annunciato, dovrà dimostrare di saper essere brillante anche nel fare qualcosa oltre le comparsate televisive su Chi.

Gianni Cuperlo: lo sconfitto delle primarie pd 2013

Agnello sacrificale sull’altare dei giochi di potere del Pd, Gianni Cuperlo rappresenta Massimo D’Alema e una certa continuità con la dirigenza attuale. 52 anni, appartenente alla Fgci come il baffetto e suo stretto collaboratore, è mediaticamente invisibile e già questo lo pone in grande svantaggio rispetto a Renzi, se poi consideriamo che il suo endorsement arriva da Massimo D’Alema stesso la sconfitta pare inevitabile. I sondaggi lo danno male al Nord e nelle regioni cosiddette rosse, meglio al sud e nelle isole dove i circoli ancora dettano la linea.

Pippo Civati: l’outsider delle primarie pd 2013

Il rappresentante di chi ancora spera il Pd sia un partito di sinistra. Bravo comunicatore –il suo blog è seguitissimo– si è distinto per aver tentato di fare da mediatore tra gli eletti a 5 stelle e Bersani, poi per la sua contrarietà alle larghe intese e a tutti quei provvedimenti che ne sono seguiti. Furente per il tradimento di Romano Prodi da parte dei 101, Pippo Civati si sente spesso chiedere “cosa ci fa nel Pd” visto che negli ultimi mesi non ha condiviso una e dico una scelta del suo partito. Lui dice che la battaglia va fatta dentro il partito, ad altri sembra semplicemente la faccia buona del Pd. Non si è candidato per vincere ma per alimentare un dibattito interno, i risultati non sembrano neanche male: oltre il 10%. La domanda è: cosa farà con Renzi al comando e quale ruolo coprirà dentro un Partito Democratico ribaltato.

Enrico Letta vs Matteo Renzi

Dati i risultati delle primarie dell’8 dicembre, il punto più interessante è capire cosa succederà dopo: Matteo Renzi non si accontenterà ovviamente di essere segretario del Pd, carica di cui probabilmente avrebbe fatto volentieri a meno, ma lavorerà al vero obiettivo, diventare il candidato premier del centrosinistra contro un centrodestra allo sbaraglio (ma non nei sondaggi) e Berlusconi dipendente, soprattutto in campagna elettorale.

In poche parole sarà guerra di posizione, sarà Enrico Letta contro Matteo Renzi. Letta sembra essere già corso ai ripari, e il nuovo centrodestra in parte lo protegge dall’accusa di governare con Berlusconi, però sembra più sicuro della fedeltà di Giovanardi e Formigoni che di quello che sarà il nuovo Pd. Renzi da parte sua alterna giudizi decisamente negativi sulle scelte del governo -vedi caso Cancellieri- a frasi del tipo “non voglio far cadere il governo”. Una delle ultime frecciatine è arrivata però in questa settimana dove il candidato vincente si è espresso così:

Il governo ha usato molto della nostra lealtà, pazienza e responsabilità, oggi è il momento di dire con forza che deve usare le nostre idee e il nostro coraggio

Una frase che sembra più una sentenza e non lascia spazio a molti dubbi: preso il comando del Pd, il nuovo segretario punterà dritto verso le elezioni. Riuscirà Enrico Letta a fermarlo?

Segnala un errore

Si occupa della community di Le Nius, in pratica delle relazioni con le persone qui dentro e sui social media. Di mestiere editor e SEO. Da sempre ha un debole per i troiani e una forte antipatia per gli achei (semicit.). davide@lenius.it

6 Comments

  1. Da una parte mi dispiace, ma dall’altra il pd sotto Renzi, lo è già sotto letta, sarà come il pdl in mano a B. L’ultima mezza speranza poteva essere Civati si, ma in Italia non siamo così intelligenti…
    A milano ne prenderà però di voti!

    Ciao

  2. Non sono affatto d’accordo sulla scontatezza del risultato.. Inutile darsi per sconfitti in partenza, votate e fate votare Civati, poi si vedrà..

    • Ci mancherebbe altro, ma i numeri dicono un’altra cosa. Poi può darsi che sbaglino eh, però resti un super ottimista. 🙂

        • Secondo tutti i sondaggi, sì. Tra una settimana vedremo, credo che per Civati già combattere per un secondo posto sia una vittoria. Stasera non aveva nulla da perdere e se l’è giocata bene.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi

migranti 2019

Quanti migranti stanno arrivando nel 2019?

Numeri, rotte, politiche e conseguenze sulla vita delle persone e delle comunità: l'articolo in cui monitoriamo l'evoluzione del fenomeno migratorio in Italia e in Europa nel 2019.
decreto sicurezza bis

Cosa dice il Decreto sicurezza bis

Sanzioni alle Ong, porti chiusi, rimpatri ma anche stretta sulle manifestazioni pubbliche e sportive: cosa prevede il Decreto sicurezza bis?
politiche migratorie in italia

Politiche migratorie in Italia: scelte ed effetti

L'Italia ha chiuso da diversi anni le porte agli ingressi di stranieri per motivi di lavoro, ed è per questo che aumentano le richieste di asilo. Ora sta chiudendo anche quella porta.
Torna su
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: