Pane con lievito madre, mandorle e pepe rosa3 min read

11 Settembre 2014 Cucina -

Pane con lievito madre, mandorle e pepe rosa3 min read

Reading Time: 3 minutes
pane con lievito madre mandorleIo il pane non lo so fare, lo condisco assai bene, ma l’impasto lo fa il mio fidanzato, quindi questa ricetta a quattro mani è preziosissima. Non perchè sia particolarmente complicata ma perchè per farmi dettare da Ippo la sua parte sul pane con il lievito madre ho dovuto competere con tutti i programmi del palinsesto di ieri sera… impresa epica.

Lievitazione del pane con lievito madre

La preparazione dell’impasto del pane con il lievito madre secco è un pochino particolare ma permette una lievitazione migliore. In totale la lievitazione richiederà 7 ore e l’impasto andrà manipolato 3 volte. Consiglio di farlo nel week end per ovvi motivi di tempo.
Per questa ricetta abbiamo poi scelto la forma della treccia e il condimento sarà solo sulla crosta, poichè abbastanza speziato e potrebbe risultare poco gradevole se incorporato nell’impasto.

Pane con lievito madre, mandorle e pepe rosa

  • 500 g farina forte per il pane
  • 300 g di acqua tiepida
  • 30 g di lievito madre secco
  • 12 / 15 g di sale integrale
  • 10 g di zucchero o un cucchiaino di miele
  • 1 manciata di mandorle sgusciate
  • 1 cucchiaino di pepe rosa
  • 1 pizzico di timo o rosmarino
  • latte per spennellare la superficie del pane

 

Procedimento
1. Ippo il pane lo fa di notte e punta 3 sveglie… adesso che tutti ci siamo fatti una risata alle sue spalle, calcolate le famose 7 ore più i 30/40 minuti di cottura.

2. In una ciotola molto capiente (calcolate che l’impasto crescerà di circa il doppio o più) setacciate 115 g di farina e aggiungete 20 g del lievito madre. Aggiungete gradualmente l’acqua tiepida e mescolate fino ad ottenere una sorta di pastella. Non lavoratela troppo, dovete solamente assicurarvi che sia omogenea e senza grumi. Coprite la ciotola con la pellicola e lasciate riposare il tutto nel forno chiuso e spento per 3 ore.

3. Dopo 3 ore aggiungete i restanti: farina, lievito, acqua tiepida, zucchero e sale. Re-impastate il tutto tirando bene la pasta, rimettetela nella ciotola, di nuovo copritela con la pellicola (potete ungere la pellicola per evitare che l’impasto resti attaccato) e lasciate riposare per altre 3 ore, sempre nel forno chiuso e spento.

4. Finita la seconda lievitazione lavorate l’impasto per dargli la forma che preferite e passate alla guarnizione. Schiacciate i grani di pepe con un cucchiaio e tritate grossolanamente le mandorle. In una ciotola mescolate il tutto con un pizzico di timo o rosmarino e qualche grano di sale grosso. Spennellate la superficie del pane con del latte e distribuite il mix di spezie. Lasciate riposare per un’ora sempre nel forno chiuso e spento.

5. Passata quest’ultima ora togliete il pane, controllate che sia nuovamente lievitato, accendete il forno a 220° e posizionate un recipiente contenente acqua sul fondo del forno. A temperatura raggiunta infornate. Passati 5 minuti abbassate la temperatura a 200°/180° e proseguite la cottura per un minimo di 20 minuti fino a 40 in base al forno che possedete.

6. In generale aspettate finché la crosta sarà ben dorata. Una volta sfornato potete fare una rapida e semplice prova: picchiettate sulla crosta. Dovreste sentire un suono sordo, o vuoto, che dir si voglia.

In quel caso sarete scuri che il pane sarà ben cotto con una giusta alveolatura.

pane con lievito madre mandorle

Ben fatto e buon appetito!

CONDIVIDI

Scenografa, attrezzista e costumista laureata all' Accademia a Brera, al momento responsabile di segreteria scientifica storia lunga, non chiedete, è prolissa. Approdata al veganesimo per solidarietà verso la mamma intollerante alle proteine animali, ha imparato quanto più possibile. Cacciata con disonore dai ranghi del VVF (Vegani Veramente Forsennati) poiché beccata a papparsi un Kebab. Non è riuscita a limitarsi ma conserva le ricette migliori degli anni vegan.
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

TORNA
SU