3 canzoni per il weekend – Paglianti, Stadio, Decibel

di

paglianti dove osano i piratiSecondo appuntamento con la nuova rubrica settimanale che farà da colonna sonora al vostro weekend. Sono stati giorni di ricorrenze, anniversari e soprattutto di festival. Oggi vi proponiamo la canzone di Andrea Paglianti Dove osano i pirati, omaggio musicale a un’icona dello sport e un paio di chicche di due protagonisti dell’ultimo Sanremo. Ecco le 3 canzoni per il weekend!

1. Andrea Paglianti – Dove osano i pirati

Domenica c’è stato il dodicesimo anniversario della sua morte. Il 14 febbraio 2004 ci lasciava Marco Pantani, uno degli sportivi più amati degli ultimi 20 anni. Un uomo che ha saputo tenere incollati al televisore milioni di italiani; quando gettava la bandana, sapevi che stava per partire con uno dei suoi terrificanti scatti e lasciare sul posto tutti gli avversari

Vado così forte in salita per abbreviare la mia agonia.

Lo ricordiamo con questo meraviglioso omaggio di Andrea Paglianti, cantautore padovano già autore per Mina e Morgan.

Son finite le parole ti accompagna il nostro sguardo
mentre fili come un razzo dritto verso il tuo traguardo,
e le folle del passato siano intorno a te le ali
dell’affetto che è mancato quando eri fra i mortali

Segnala un errore

Torinese, classe 1981. Di giorno sono un operaio della parola per fiere ed eventi, nel tempo libero recito male sui palchi dei peggiori teatri del Piemonte e strimpello malissimo il basso insieme ad altri 3 anzianotti come me. Da buon uomo di cultura, reputo Alberto Tomba uno dei massimi eroi mondiali del XX secolo.

Commenta

Ultimi

thunder road storia

Thunder Road | Una storia di polvere e riscatto

Una canzone che travolge, una storia che sbatte e rincuora. Una strada, la Thunder Road, che è la strada di tutti, la strada polverosa delle scelte, felici e dolorose, che abbiamo fatto. Una strada dove, prima o poi, ci aspetta una ricompensa. Parola di Bruce Springsteen.
perché guardare tredici

Perché vale la pena guardare Tredici?

Perché fa male, ma ci può salvare. Perché ci possiamo riconoscere, anche se non siamo noi. Perché l'attrice è bravissima. Perché abbiamo un gran bisogno di guardare la sofferenza dritta negli occhi.
Torna su