Quante persone migranti stanno arrivando nel 2021?10 min read

13 Aprile 2021 Dati migrazioni -
Fabio Colombo

di -
Sociologo

Quante persone migranti stanno arrivando nel 2021?10 min read

Reading Time: 9 minutes

Migranti 2021: i numeri in Italia al 31 gennaio

arrivi in italia 2021 gennaio

Nel mese di gennaio 2021 sono sbarcate in Italia 1.040 persone, un calo del 22% rispetto a gennaio 2020, quando arrivarono 1.340 persone.

Tra i paesi di provenienza del primo mese del 2021 spicca l’Eritrea (217 persone, il 21% degli arrivi di gennaio) seguita da Tunisia, Afghanistan, Sudan, Guinea, Mali, Egitto, Etiopia.

Da diversi anni l’Eritrea non si affacciava tra i principali paesi di provenienza dei migranti, ma va detto che il dato di un mese appare ancora poco significativo per indicare se si tratta di un episodio isolato o della ripresa di un trend.

Quanto al genere e all’età delle persone sbarcate, il 76% delle persone arrivate sulle coste italiane nel 2021 è di sesso maschile, le donne sono il 6%, i minori il 18% – in buona parte minori non accompagnati.

Migranti 2021: i numeri in Europa al 31 gennaio

Se consideriamo gli arrivi in tutta l’area del Mediterraneo, a gennaio 2021 sono arrivati via Mediterraneo in Europa 4.548 migranti, a gennaio 2020 furono 8.200.

arrivi in europa 2021 gennaio

La Spagna si conferma anche a gennaio 2021 il paese europeo con il maggior numero di arrivi, 3.226 persone contro le 2.400 di gennaio 2020. Gli arrivi nel paese hanno avuto un’escalation a partire da settembre 2020, con il picco di quasi 10 mila arrivi a novembre, poi ridotti a 4-5 mila al mese, comunque ai livelli del 2018, anno record. Particolarmente sotto pressione le isole Canarie.

La Grecia registra 282 arrivi a gennaio 2021, di cui 186 via mare e 96 via terra attraverso il delta del fiume Evros tra Turchia e Grecia. Rispetto a gennaio 2020, quando arrivarono oltre quattromila persone, si registra un netto calo. I primi tre mesi del 2020 erano stati quelli in cui la Turchia aveva allentato i controlli alle frontiere per mettere pressione sull’Unione Europea, situazione poi rientrata da aprile 2020.

CONDIVIDI
Fabio Colombo

Sociologo freelance, lavora come progettista, ricercatore e formatore in ambito sociale. Per Le Nius è responsabile editoriale, autore e formatore. Crede nell'amore e ha una vera passione per i treni. fabio@lenius.it
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Iscriviti alla niusletter e resta aggiornato

TORNA
SU