Micro Machines arriva su mobile: consigli per la battaglia

di

micro machines consigli battaglia

Disponibile sia nel Play Store che nell’App Store, Micro Machines è un gioco online in cui potremo partecipare a corse sfrenate con una miriade di micro-veicoli a disposizione. Il meccanismo delle gare è simile a quello di Table Top Racing, e differisce da quest’ultimo perché molto più pesante (non tutti i device lo sopportano),  ma anche per una competitività maggiore: è incentrato sul multiplayer.

Sono presenti infatti sia una classifica personale, basata sui punteggi ottenuti giocando nei diversi eventi, che una classifica per club. Entrare in un club è un’operazione semplicissima: basta cercarne il nome e selezionarlo (troverete alcuni dei redattori di Le Nius nel club Micromondo).

micro machines consigli battaglia

Appartenere ad un club è molto vantaggioso, perché oltre a beneficiare di succose ricompense è anche possibile ricevere in dono i doppioni dai nostri compagni di club (oltre che dai nostri amici Facebook), che potrebbero essere i pezzi che mancano ad un nostro veicolo.

Infatti per poter impiegare un veicolo è prima necessario possederne tutte le componenti. Queste possono essere ottenute in tre modi: nei pacchetti, acquistandoli da Spider o, come scrivevo, come regalo dagli amici.

All’inizio del gioco è consigliabile sfruttare la casualità dei pacchetti, che forniscono tanti pezzi nuovi in un sol colpo; raggiunta la quarta categoria è meglio iniziare anche ad acquistare i singoli pezzi volta per volta, poiché le componenti delle micro machines dei livelli alti sono più rare.

micro machines consigli battaglia

La valuta del gioco sono monete e gemme, queste seconde molto più preziose ed importanti delle monete. Risparmiate il più possibile le gemme, fondamentali per acquistare pacchetti e accrescere il vostro parco auto; evitate quindi di utilizzarle per rientrare in anticipo in un evento dopo che si è stati distrutti o per ripristinare le chiavi inglesi, che in 10′ (che equivalgono approssimativamente alla durata di 3 eventi) ricompaiono una alla volta.

In Micro Machines ci sono tre diversi eventi: la Gara, la Battaglia e l’Eliminazione. Se dalla Gara ci aspettiamo una corsa per arrivare in prima posizione, in Battaglia potremo soddisfare la nostra indole segreta di sfasciacarrozze e lottare in un’arena con diverse armi. La modalità Eliminazione (qua alcune dritte ad hoc) è un mix delle precedenti, in quanto consiste in una gara a punti: eliminare gli avversari oppure seminarli ci farà guadagnare punti.

Micro Machines consigli Battaglia

Infine, siccome personalmente adoro la modalità Battaglia, ecco qualche utile consiglio:

1) Evitate a tutti i costi di morire in modo “accidentale”: cadere fuori dall’arena o essere distrutto da un elemento della pista ci farà perdere punti, oltre che tempo prezioso per combattere.

2) Se avete potenziato qualche automobilina con tutte le modifiche a disposizione, questo è l’evento migliore in cui impiegarle: esse forniscono un notevole vantaggio contro avversari che ne siano sprovvisti.

3) Il fucile automatico NERF, che compare dopo un po’ di tempo nella pista, è un’arma molto potente e comoda per eseguire numerose uccisioni. Appena ne sentite il suono, guardatevi intorno e cercate di raggiungerlo in fretta. In alternativa, nel caso un avversario se ne fosse già impossessato, non disperate: alcune macchinine possono essere potenziate con Evasore esperto che, usando la Calamita sul giocatore col NERF, permette di rubare questa terribile arma!

4) Non dimenticate che esistono anche dei cuori, utili per recuperare la propria salute persa durante uno scontro: piuttosto che regalare punti facili al nemico, meglio compiere una “ritirata strategica” e ricaricare le energie, evitando di restare in fin di vita.

5) Siate il più veloci possibili a prendere pacchetti, colpire avversari, prendere cuori: quando guidate abbiate sempre in testa cosa dovete fare in quel momento, per evitare giri a vuoto che non vi procurano punti.

6) Quando potete scegliere chi attaccare (per esempio con il NERF, che ha una buona durata), prendete di mira l’avversario che vi precede in classifica o, se siete primi, quello in seconda posizione. E quando vedete che un avversario è appena stato attaccato ma non distrutto, lanciatevi voi a completare l’opera, dal momento che la distruzione delle auto avversarie vi dà più punti.

micro machines consigli battaglia

7) Ogni pista (come ogni micro machine) ha delle sue peculiarità: imparate a conoscerle per sfruttarle al meglio!

8) Piazzate le mine in posizioni strategiche, ma ricordatevi dove le avete messe per evitarle se ripassate da lì.

Sotto la lente di Rayban

Grafica&Sonoro: 4/5
Longevità: 5/5
Giocabilità: 3/5
Originalità: 4/5
Globale: 4/5

Segnala un errore

Anche se il mio nick lo suggerisce, non sono implicato in nessuna vicenda oculistica. Cresciuto col Game Boy e la musica a 8-bit nelle orecchie, frequento un aspro corso di Ingegneria. Tuttavia mi piace trovare il tempo per giocare a qualcosa di nuovo, e raccontarvelo attraverso il filtro della mia lente.

3 Comments

    • Vero, se non fosse per i tempi di attesa molto lunghi: ad esempio puoi vedere nell’immagine come, per ricevere un pezzo da Spider, devo aspettare ben 12h per un’auto di terza categoria. Insomma, sarà sempre più difficile completare auto con cui giocare, il che incide un po’ sulla giocabilità.
      Inoltre, dovrai aspettare non solo per le chiavi inglesi, ma anche per selezionare la modalità di gara, visto che il gioco ti “costringe” a selezionare casuale per un certo lasso di tempo.
      Tutto ciò a meno che tu non sia disposto a spendere gemme extra per accorciare i tempi!

      • Concordo con i tempi di attesa, ma in un altro senso: spesso perché il gioco cominci aspetto qualche minuto, ma anche perché si carichi un evento non attendo poco. Ritengo però finora che il gioco valga le attese (ci gioco da un mese).

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi

Gimme5, qualche domanda a chi la usa

Una raffica di domande a uno studente che usa Gimme5 per i suoi piccoli investimenti: "Chi sei? Quanto usi questa app? Quanto ci hai guadagnato?".
Torna su
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: