Masters of sex: leggere le serie tv

di

Masters of sex libro serie tv

Con l’arrivo su Sky delle nuove serie tv ancora inedite in Italia (tra le quali vi consiglio di non perdere True Detective), qualche settimana fa Wired faceva un’interessante classifica, elencando le serie di cui si poteva gustare la storia anche attraverso un libro. Tra queste c’è Masters of Sex. Sperling & Kupfer porta in Italia il libro di Thomas Maier, Masters of Sex per l’appunto, in cui scopriamo alcuni retroscena interessanti e differenze sostanziali tra la fiction e la realtà. Ad esempio, lo sapevate che William Masters era calvo?

CHI ERANO. Forse la storia non è nota a chi non segue la serie, per questo la riassumiamo qui in poche righe. Il ginecologo William Masters portò avanti un ambizioso progetto per tutta la sua vita: descrivere la fisiologia del corpo umano durante il rapporto sessuale. Riuscì a raggiungere il suo scopo grazie alla collaborazione di Virginia Johnson, segretaria e poi assistente con cui ebbe una relazione extraconiugale fino al 1971, anno in cui la sposò. Insieme cambiarono per sempre l’approccio del popolo americano (e non solo) nei confronti del sesso.

PERCHé FURONO RIVOLUZIONARI. Beh, qualcuno doveva cominciare, direte voi. Sì, verissimo, ma provate a spiegare agli americani di fine anni ’50 che una donna può provare numerosi orgasmi, che il godimento attraverso il clitoride non è un sintomo di immaturità sessuale (secondo la teoria freudiana invece sì) e che, attenzione, anche le donne si masturbano. Il loro lavoro “La risposta sessuale umana” continua a fare scuola ancora oggi. La vera bellezza di Masters of Sex, come racconta Maier nel suo libro, è l’aver scardinato un tabù enorme con il linguaggio prima e con i dati poi, riuscendo ad entrare nella camera da letto degli americani, insegnando loro a godere e a salvare più di qualche matrimonio. E poi ogni teoria del dottor Masters era provata personalmente da lui e dalla sua assistente: più sicuri di così…

PERCHé CONTINUANO A ESSERE RIVOLUZIONARI. Innanzitutto i luoghi comuni e l’oscurantismo sono sempre dietro l’angolo, quindi la serie e il libro ci aiutano a dare una spolveratina alla memoria su sesso, benessere e quant’altro. Secondo: il sesso ormai è qualcosa di immediatamente accessibile, pronto, poco mediato (ZeroCalcare insegna). Ma affinché tanta cognizione potesse essere nelle nostre mani, ha attraversato molti divieti e difficoltà, come quelle di un ginecologo che per fare ricerca ha dovuto chiedere l’aiuto di un gruppo di volenterose prostitute.

PERCHé CI PIACE WILLIAM MASTERS. Bill è chiuso ermeticamente dentro se stesso. Per chi ha seguito la saga Twilight, a volte guardarlo mentre osserva tutto serio una coppia copulante e ricordarlo nei panni di Aro, potrebbe distrarvi e farvi sorridere. Ma quando Michael Sheen fa emergere i conflitti insoluti della vita di Masters, beh… preparatevi con dei fazzoletti: vi serviranno. In ultimo: non si può fare a meno di chiedersi come mai un uomo così freddo e poco caloroso fosse così morbosamente interessato a capire come funziona il corpo umano durante l’atto d’amore supremo. Leggendo il libro, lo scoprirete.

PERCHé CI PIACE VIRGINIA JOHNSON. Gini piace sia agli uomini che alle donne. Anche se l’inserto fotografico del libro ci rivela una donna un po’ più bruttarella di Lizzy Caplan, a quanto si legge nel libro la Johnson era una vera bomba sexy. Perché era libera e disinibita. E forte. Ed è per questo che piace alle donne, nonostante sia stata succube degli uomini. Ha influenzato notevolmente la ricerca di Masters, ma ha dovuto subire le sue avance, rinunciando a costruire una propria vita sentimentale, morendo sola e senza quasi un soldo.

NON ERA AMORE, ERA SOLO LAVORO. O FORSE NO… William Masters e Virginia Johnson si sposarono nel 1971, quasi 15 anni dopo l’inizio della loro relazione. Maier ci svela un segreto: Masters non l’amava. E Virginia? Beh, l’autore riferisce che la Johnson ha ammesso di essere stata “manipolata” da Masters (sessualmente parlando almeno), ma nell’ultimo scorcio della sua vita sembra che la tenerezza l’avesse vinta, facendola confessare di aver amato almeno un po’ quel dottore pelato fissato con i papillon.

Segnala un errore

Stefania nasce nel '82, mentre in Portogallo si dava alle stampe l’allora sconosciuto Il libro dell’inquietudine di Pessoa. Il suo destino sembra essere legato all’editoria: lavora per 10 anni in 4 diverse fucine editoriali. Sin dai tempi dell'università, scrive di libri su vari portali. Ora lavora come web editor freelance, scrive di libri, finanza e lifestyle e, quando è tempo, fa l’olio più buono del mondo.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi

ghayath almadhoun

Ode alla tristezza di Ghayath Almadhoun

Pubblichiamo un testo tradotto da Pina Piccolo del poeta siriano-palestinese-svedese Ghayath Almadhoun. Un punto di vista necessario sull'Europa.
Cosa facciamo Le Nius informazione

Cose che cambiano a Le Nius

Il post in cui condividiamo le nuove linee che sono alla base di ciò che proponiamo su Le Nius: ci occupiamo soprattutto di temi sociali e vogliamo farlo con la partecipazione dei nostri lettori e lettrici.
Torna su