I libri più attesi del 2015: alcuni titoli

di
I-libri-più-attesi-del-2015
@I libri più attesi del 2015

Mentre oltre oceano ci si prepara ad accogliere il nuovo libro di Jonathan Franzen e l’ultima fatica di Dave Eggers, c’è ancora qualcuno che magari deve iniziare a leggere Il Cerchio. Perché l’editoria – e i lettori – italiana è in perenne ritardo: difficoltà economiche e di filiera rallentano l’arrivo delle novità estere nel nostro mercato, ma questo 2015 porterà in Italia alcuni libri da non farsi sfuggire. Secondo me questi sono i libri più attesi del 2015.

C’è una grande aspettativa per il nuovo libro di Michel Houellebecq, già uscito in Francia per i tipi di Flammarion e atteso da noi per il 15 gennaio: in Sottomissione, Houellebecq immagina un futuro in cui la Francia è dominata da un partito islamico. Il libro è stato messo sul mercato in patria lo scorso 7 gennaio, in concomitanza con la strage nella redazione del giornale satirico Charlie Hebdo, una coincidenza che ha del profetico.

Umberto Eco ha appena aperto le danze con il suo nuovo romanzo Numero zero (Bompiani, dal 9 gennaio), una specie di thriller storico che intreccia i ricatti della stampa e i fatti più controversi della storia italiana nei primi anni Novanta, arrivando a raccontare con il suo stile inconfondibile anche Tangentopoli.

Einaudi, Bompiani e anche Frassinelli hanno tirato fuori dagli archivi le opere acquistate, stampate e poi dimenticate del Premio Nobel per la letteratura 2014 Patrick Modiano. In questo nuovo anno la casa editrice dello struzzo porterà sugli scaffali Pour que tu ne te perdes pas dans le quartier.

Adelphi propone per febbraio il nuovo libro di Emanuel Carrère, Il regno, in cui parlerà degli albori del cristianesimo attraverso le vite dell’evangelista Luca e di san Paolo.

Dal Sudamerica arrivano grazie ai tipi di Sur due nuovi attesissimi titoli di Julio Cortázar: coloratissime copertine dunque per Componibile 62 e Così violentemente dolce.

L’ultimo libro di Joyce Carol Oates è uscito negli Stati Uniti nel 2013 con il titolo The accursed. Il 2015 sarà l’anno in cui potremo leggerlo anche in italiano, con il titolo I maledetti. All’uscita in America Stephen King ha scritto sul New York Times, semplicemente: “Dovete leggerlo”. Il romanzo fa parte del ciclo gotico della scrittrice, con fantasmi e vampiri che circolano nei sogni degli abitanti di Princeton tra il 1905 e il 1906.

I libri più attesi del 2015: i nuovi talenti italiani

L’attesa più trepidante se l’aggiudica un autore Longanesi, Lorenzo Marone con La tentazione di essere felici. Classe 1974 (quindi non proprio un giovincello e nemmeno al primo libro), Marone ha mixato nel suo romanzo elementi classici e tratti innovativi per raccontare la storia di Cesare Annunziata, 77 anni, deciso a godersi sul serio la vita che gli rimane.

Segnaliamo, sempre per Einaudi, l’imminente uscita di Gli anni al contrario di Nadia Terranova, la storia di un uomo e una donna che si amano, durante gli anni Settanta, ma sono incapaci di sopravvivere all’utopia di un mondo da salvare e, soprattutto, non riescono a salvarsi.

Per Feltrinelli uscirà invece La vita prodigiosa di Isidoro Sifflotin di Enrico Ianniello che, data la sua esperienza di attore (cresciuto alla scuola di Toni Servillo e presto protagonista del nuovo film di Nanni Moretti), porta nelle pagine del romanzo molto cinematografico e televisivo. Questo è il nostro libro atteso all’estero. Dopo il maestro Eco, s’intende.

Immagine | Leland Francisco

Segnala un errore

Stefania nasce nel '82, mentre in Portogallo si dava alle stampe l’allora sconosciuto Il libro dell’inquietudine di Pessoa. Il suo destino sembra essere legato all’editoria: lavora per 10 anni in 4 diverse fucine editoriali. Sin dai tempi dell'università, scrive di libri su vari portali. Ora lavora come web editor freelance, scrive di libri, finanza e lifestyle e, quando è tempo, fa l’olio più buono del mondo.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi

ghayath almadhoun

Ode alla tristezza di Ghayath Almadhoun

Pubblichiamo un testo tradotto da Pina Piccolo del poeta siriano-palestinese-svedese Ghayath Almadhoun. Un punto di vista necessario sull'Europa.
Cosa facciamo Le Nius informazione

Cose che cambiano a Le Nius

Il post in cui condividiamo le nuove linee che sono alla base di ciò che proponiamo su Le Nius: ci occupiamo soprattutto di temi sociali e vogliamo farlo con la partecipazione dei nostri lettori e lettrici.
Torna su