Le donne di Maleficent: come dire addio al principe azzurro e riprendersi le ali

di

Maleficent come dire addio al principe azzurro e riprendersi le aliProtagonista di Maleficent è una quasi irriconoscibile Malefica, impersonata da Angelina Jolie, diva dal volto ben più elfico che orripilante. Questo è uno di quei film che fanno da spartiacque, non tanto per gli aspetti cinematografici, ma come sanzione del cambiamento di rotta di un certo modo di sentire.

Con Maleficent la Disney decostruisce per ribaltamento la versione tradizionale del suo popolare cartone animato ispirato alla fiaba del ’59. Come a ribadire che ormai i tempi sono cambiati: non c’è più posto per zuccherose e luminose certezze.

Le fiabe non sono solo evasione fantastica, ma brevi racconti di formazione che parlano della realtà in modo semplice. Maleficent, servendosi del repertorio di simboli del format fiaba-fantasy, si fa film psicologico e attraverso la rappresentazione del tormentato paesaggio interiore di una donna ferita dall’uomo che ama, decreta ufficialmente la fine del mito del principe azzurro.

Nel film Malefica non è affatto “malefica”: a descriverla così è chi è terrorizzato dal suo potere. Ma di che potere si tratta? è una fata dalle potentissime ali, cioè simbolicamente una donna con un immaginario e una intensità nel sentire fuori dal comune, che però sono un’arma a doppio taglio.

La perdita delle ali per una come lei è un furto inaccettabile: non produce semplicemente tristezza o rabbia passeggere, ma la furia di un grido inconsolabile, di cui non riesce a liberarsi proprio a causa della sua eccezionale potenza di fuoco. In lei vive il fascino del doppio: fata e strega sono due facce della stessa medaglia, colei che sa proteggere è anche colei che sa distruggere.

L’aspirante re è affascinato dal potere femminile di Malefica legato alla natura, che teme e invidia, per cui la abbandona per cercare un potere terreno che compensi il suo complesso di inferiorità. Ma rimane legato a lei: conserva le sue ali come un trofeo.MALEFICENT

Dalla dialettica tra il futuro re e la sua strega pare che entrambi siano prigionieri di un legame di dipendenza affettiva, dove è proprio lui che l’ha abbandonata a essere ossessionato da lei. Il re infatti non riuscirà mai veramente a liberarsi di lei e fino all’ultimo cercherà di tenerla avvinta perseguitandola fin con l’ultimo tentacolo. Sarà lei a dirgli: “è finita”, non lui.

Perché sono tramontati i tempi del principe azzurro? Forse proprio perché in realtà non sono mai iniziati. A ben guardare è stata un’invenzione piuttosto “malefica”, perché il principe è sempre stato un simbolo perversamente contraddittorio. Una figura troppo vicina alla perfezione (cosa che espone alla delusione), ma al contempo ben lontano da un ideale valido.

Maleficent calca un po’ la mano e potrebbe essere accusato di misandria, data la figuraccia che fa fare al genere maschile. Gli uomini sono concepiti come imberbi inutili, ladri assetati di potere, o al massimo come aiutanti non alla pari. Ma quello che sembra denunciare è una gran scarsità di uomini a tutto tondo, con reale coraggio.

Tuttavia, a ben guardare anche le donne di Maleficent non sono poi un granché: si dividono in pochissime con grinta (come Malefica) in grado di dare una svegliata alle giovani buone e non sceme ma ancora inesperte (come Aurora), quelle buone e dolci dalla personalità inesistente (come la regina) e quelle sciocche, sempliciotte e inutili (come le fatine). L’unica che si salva è Malefica, che è ipercelebrata e ruba spazio a tutti gli altri personaggi, che in confronto sembrano comparse.

Uno dei rischi del film è forse l’aver sfruttato troppo l’immagine che Angelina Jolie ha deciso di rappresentare nell’immaginario collettivo: cioè quella di una donna combattiva e materna con un lato dark. Forse, se non ci fosse stata la Jolie il film non avrebbe avuto questo sbilanciamento. Il codice delle fiabe prevede ruoli fissi: eroe, eroina, aiutanti positivi e dall’altra parte eroe negativo con relativi aiutanti. Questo crea un’armonia narrativa. Nel film questo equilibrio si perde, perché Malefica è troppo ingombrante.

Ciò non toglie che Maleficent sia una coinvolgente storia drammatica, che ha molto da insegnare a entrambi i sessi: agli uomini sullo speciale potere femminile che li attrae e atterrisce, alle donne su come risvegliarsi da falsi miti e riprendersi le ali.

Tutta la vicenda non è che un lungo processo di liberazione dalla rabbia e dal dolore provocato dalla delusione amorosa e di riappropriazione dello slancio ideale perduto, che viene spostato da un’immagine amorosa fasulla (il principe azzurro) a un amore più concreto e reale, che nel film è rappresentato dalla difesa del mondo della natura e dalla maternità, ma potrebbe anche essere altro.

Le donne hanno bisogno di un uomo per essere felici? Forse, ma di certo ancor di più hanno bisogno di avere ali immense.

Segnala un errore

Nata milanese, naturalizzata scozzese, morta veneziana, risorta in riva al Piave. Con alle spalle 12 traslochi e 2 lauree (lingue e arti visive), l'ex poetessa della classe non ha ancora capito cosa farà da grande, intanto si interessa di quasi tutto, a fasi. Qui è amante di cause perse, tipo comunicare.

10 Comments

  1. il processo di derridiana decostruzione del povero principe azzurro era già iniziato con ”Shrek II”: chi non ricorda il fatuo, vanesio e mediocre ”Azzurro”, una sorta di Beckham (a proposito: chi si ricorda Beckham?) del mondo delle favole? bleah!

  2. Mi permetto di dire che hanno rovinato un cattivo iconico appioppandole un desiderio di maternità vicaria davvero fuori luogo. E poco femminista: come dite una donna non deve per forza essere moglie di “un principe” per essere felice ma neanche madre. Film terribile sotto ogni punto di vista.

    • capisco cosa ti fa scattare. Forse la forzatura verso la maternità (che come sottolinei è vicaria) deriva da un obbligo di aderenza alla trama della storia di partenza, cioè quella della Bella Addormentata nel Bosco, in cui doveva esserci questa Aurora maledetta e poi salvata da qualcuno. Poi forse han trovato più facile, a livello comunicativo, associare al potere femminile la natura e la maternità (ambiti tradizionalmente legati alla donna), anche se, come ho osservato, in realtà l’amore e lo slancio ideale di Malefica potevano anche essere rappresentati da altro. A mio parere il fatto di “rovinare” la figura di un cattivo iconico è un’operazione di decostruzione voluta, magari non riuscita benissimo, anche se l’ambivalenza nei sentimenti forti è realistica. L’influsso della reale Angelina Jolie (stracolma di figli e impegnate in varie imprese benefiche) sul ruolo che interpreta in molti casi non credo abbia giovato al film. Di fatto una donna per essere felice non deve per forza essere moglie, madre o qualcos’altro: deve semplicemente possedere e difendere grandi ali, cosa che implica una bella dose di sofferenza.

  3. Il principe azzurro delle fiabe, che incantava le bimbe di altri tempi, è ormai tramontato, oscurato da eroi presentati con cartoni animati dalla tv., uno di questi ad es. quello di Mila e Shiro, o da film.
    Il sentimento che si trasforma in amore fra i due eroi di una squadra, non nasce dall’avverarsi di un sogno propiziato da una fata buona o cattiva ma, dalla stima per il raggiungimento di un risultato ottenuto con grande sforzo e costanza. E’ così che i due eroi si avvicinano e le piccole donne sognano di imitare.
    Ormai le donne non subiscono più il fascino e le ambizioni del principe azzurro e vogliono essere anch’esse ammirate come eroine. Le giovani d’oggi non ambiscono a diventare regine del focolare, vogliono possedere grandi ali per volare, anche con grande fatica, sempre più in alto.

    • cioè dici che il mito del principe azzurro ha iniziato a oscurarsi già con i cartoni animati tipo Mila e Shiro, dove c’è un rapporto di coppia tra pari e per estensione un gioco di squadra, una complicità? Un rapporto che prima che sull’amore si basa sulla stima reciproca?
      diciamo poi che oggi non c’è l’aspirazione a diventare regina del focolare o per lo meno non soltanto, però anche una regina del focolare può avere grandi ali e può essere una regina, un’eroina.
      le ali non rappresentano necessariamente il successo o non avere senso del limite, ma sono: slancio, entusiasmo, forte immaginario e intensità nel sentire. caratteristiche che non hanno un sesso preciso, ma sono un modo di essere.

  4. Non ho visto il film ma mi piace molto l’immagine delle giovani donne di oggi che ” hanno bisogno di avere ali immense”per realizzare il proprio faticoso (il più delle volte) ma autentico ed originale percorso di vita.

    • più è originale più è faticoso, perchè tutto è fatto perchè tu non possa essere originale.

  5. Ho adorato questo film e questa Malefica. Ha ali immense e anche le corna, la fata dark della Jolie! Absit iniuria verbis, credo siano da rivendicare entrambe, come le maternità anche vicarie ma credo necessarie alle donne come all uomo che nel film per una figlia (e solo per lei ) alla fine muore. Molto bello.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi

pandemia e cultura

E chi lavora nel mondo della cultura?

Musica, teatro, cinema e danza sono stati duramente colpiti dalla pandemia. Con quali conseguenze sulle persone che in questi settori lavorano?
recensione silence

Silence, parola di Scorsese

Silence, di Martin Scorsese, è un film di 160' capace di parlare allo spettatore occidentale della sua spiritualità raccontando un evento storico distante nel tempo e nello spazio.
Torna su
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: