La ricetta della zucca in agrodolce

di

Dopo avervi raccontato la mia cena dello shabbat nel mantovano, oggi vi propongo la ricetta dell’antipasto che quella sera colpì il mio palato e ispirò le mie parole di oggi: la zucca in agrodolce al forno.

La zucca ha un sapore “estremo”. Solitamente o piace o non piace, senza mezze misure. Quindi, per ogni evenienza, fate piccole porzioni, tenendo da parte il bis. Il piatto di oggi è semplice da preparare e può essere sia un antipasto che un contorno.

@Ravanellorosapallido.com
@Ravanellorosapallido.com

Zucca in agrodolce

Ingredienti per 6-8 persone

  • 1/2 Zucca mantovana (media)
  • 4 o 5 Cipolle rosse o dorate medie
  • Olio Extra vergine di Oliva per condire
  • Aceto balsamico o di mele o un mix tra i due in dosi uguali
  • Sale q.b.
  • Pepe q.b.
  • Salvia, qualche foglia, secca o fresca

 

Procedimento per la zucca in agrodolce

  1. Pulite la zucca dai semi interni e dalla buccia, a meno che questa non sia sottile, nel qual caso è buona e può essere mangiata. Tagliatela a fette di 2-3 cm di spessore; lavatela, lasciandola bagnata, così che non si asciughi troppo in cottura.
  2. Preparate un’emulsione di olio, sale, pepe e salvia tritata, con la quale spennellare la zucca che predisponete sul piatto del forno, con sotto carta antiaderente.
  3. Infornate a 180° per mezz’oretta, controllando che non secchi troppo.
  4. Mentre la zucca cuoce, in un tegame saltate con un po’ d’olio le cipolle, pulite e tagliate abbastanza grossolanamente. Quando si sono dorate, aggiungete sale e pepe q.b. e l’aceto e cuocetele sul fuoco medio e coperte con un coperchio. Una volta ben stufate le cipolle e cotta la zucca, servitela adagiando su ogni fetta un cucchiaio di cipolle.

P.S. : un’amica ha sperimentato la ricetta della zucca in agrodolce al forno con alcune varianti interessanti, ossia aggiungendo alla cipolla, verso il termine della cottura, un po’ di uvetta, e infine, al momento di servire, qualche pinolo tostato.

A mio avviso, l’uvetta è un ulteriore elemento dolce di troppo, mentre la croccantezza dei pinoli tostati è piacevole.

Per vedere le altre ricette con la zucca clicca QUI.

Segnala un errore

Di professione curiosa e istigatrice tale; di aspirazione narratrice; di indole sognatrice; impegnata in condivisione e comunicazione. Appena posso, viaggiatrice. Laureata in economia dello sviluppo internazionale, senza necessità di collegamento tra il titolo di studio e ciò che svolgo. Seguo la mia strada e mi piace incontrarne tante altre, diverse. A volte mi faccio domande; per fortuna, non ho tutte le risposte.

2 Comments

  1. Gran risorsa la zucca, specie in questa stagione, sia per le qualità dietetiche che per la tinta allegra…questa preparazione la vedo bene appunto soprattutto come antipasto, Silvia, ma anche come contorno a qualche taglio di bollito particolarmente salato (tipo la lingua o il manzo). Con più cautela però, come contorno. Invece, in ”saor”, come si usa nell’area vasta veneziana, con pinoli e uvetta, diventa un perfetto -ed autonomo- antipasto

  2. Ti dirò Pier, recentemente io l’ho abbinata in un piatto unico composto da couscous (semplicemente condito con l’olio nuovo), merluzzo (in bianco, con battuta di aglio e aromi e una manciata di uvetta) e zucca in agrodolce. Squisito 😉
    Comunque si, la zucca è una gran risorsa, da cucinare in svariati modi, può essere praticamente qualsiasi portata del pasto

Commenta

Ultimi

Torna su