La nostalgia felice. Incontro con Amelie Nothomb2 min read

10 Marzo 2014 Cultura -

La nostalgia felice. Incontro con Amelie Nothomb2 min read

Reading Time: 2 minutes

La nostalgia felice. Incontro con Amelie NothombFiglia di un diplomatico belga, la scrittrice Amelie Nothomb è nata a Kobe, in Giappone. Qui ha vissuto l’infanzia e buona parte della sua giovinezza; ai suoi anni giapponesi sono dedicati i romanzi che l’hanno resa una delle autrici francofone più famose al mondo.

Oggi vive in Europa, ma un canale televisivo francese si è offerto di realizzare un reportage sul suo ritorno in Giappone, dopo sedici anni d’assenza dalla terra natia. Questo tuffo nel passato con telecamere annesse le ha ispirato la sua ultima fatica letteraria, La nostalgia felice.

Mercoledì 26 febbraio la Nothomb – solito look all black, trucco cadaverico e cappello a cilindro – ha presentato il libro a una piccola folla di fan accorsi presso la Mondadori di piazza Duomo a Milano.

Per voce di Valentina Parlato, la sua traduttrice italiana da oltre dieci anni, la scrittrice ha rivelato al pubblico di aver trovato un Giappone profondamente diverso da quello che aveva lasciato. Un Paese che, pur continuando a simulare una facciata di normalità, è rimasto sconvolto in modo forse irreparabile dalla tragedia di Fukushima.

L’autrice si è poi abbandonata al flusso degli aneddoti. Ha raccontato l’esperienza, tra il commovente e il grottesco, di ritrovare dopo decenni la vecchia tata Nishio-San, che i lettori affezionati conoscono dai tempi di Metafisica dei tubi. E ha descritto l’imbarazzo di incontrare nuovamente l’ex fidanzato Riri, dopo che i dettagli della loro relazione sono diventati di dominio pubblico grazie al romanzo Né di Eva né di Adamo.

Ma soprattutto, pur vivendo in Francia da più tre lustri, ha confessato di sentirsi ancora essenzialmente giapponese. Tanto da aver intitolato il libro alla nostalgia felice: un ossimoro dal punto di vista occidentale, ma un concetto radicato nella cultura giapponese, per la quale la malinconia del passato perduto è fonte di gioia.

La nostalgia felice è pubblicato dalla Voland Edizioni.

CONDIVIDI

Classe 1975, è laureato in Lettere. Lavora come editor in campo letterario, televisivo e cinematografico. Vive con la sua famiglia a Segrate, in provincia di Milano.
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Iscriviti alla niusletter e resta aggiornato

TORNA
SU