Il futuro di Venezia è una visione onirica reale

di

il futuro di veneziaIl futuro di Venezia è la pista d’atterraggio ideale di questo breve volo che ha toccato alcuni nodi aperti di una città tanto ostica quanto poetica: l’ambiente, il turismo e l’abitare.

Il futuro di Venezia: sogni e immaginari

Dagli articoli precedenti, e dai resoconti dei media in generale, si deduce quello che è ormai diventato un luogo comune: Venezia è in declino. E da decenni ormai. Fattori economici, sociali, ambientali, demografici, tutto sembra portare a questa inevitabile conclusione. Solo il turismo regge, sorretto da un’immagine globale poderosa ed inattaccabile.

Ed è proprio nella sua immagine il futuro di Venezia. Venezia non muore, benché in lenta agonia, perché la sua forza risiede nell’immaginario, nell’immateriale. Venezia è l’isola che non c’è che in realtà esiste, è tangibile, raggiungibile. è un sogno a portata di mano.

La speranza per il futuro di Venezia è che questo sogno sia in grado di salvarla, a dispetto di se stessa, dei pochi residenti stizziti e passivi, dei turisti-pantegane, di quel catino fragile ed unico al mondo che è la sua Laguna. Magari all’ultimo minuto, prima dell’acqua alta definitiva, biblica; o prima che una “grande nave” giochi con lei come la Concordia al Giglio.

Il futuro di Venezia: fatti e persone

A parte questa componente onirica, quali segnali concreti – magari isolati, embrionali, umili, addirittura ingenui – possono alimentare speranze per il futuro di Venezia?

Il commissariamento del Comune, avvenuto un paio di mesi fa a seguito delle dimissioni del Sindaco per l’affaire-Mose, può essere traumatico quanto utile. Venezia ha un numero pletorico di dipendenti pubblici, ed una cultura civica talora lassista, e un po’ di spending review non può che farle bene. A patto, attenzione, di tagliare stipendi e posizioni sovrannumerarie, non servizi e politiche sociali.

Il futuro di Venezia passa anche per le elezioni del nuovo Sindaco, in tardo autunno o primavera, in un panorama politico scosso per la prima volta dopo decenni di immobilismo. La città potrebbe sviluppare alcune tracce già formalmente presenti (come il premio come Smart City per la mobilità nel 2012), ed altre ancora informali, spontanee, che fanno di Venezia, quando funziona, un sogno realizzato.

Inevitabilmente il futuro di Venezia passa per una buona gestione delle sue enormi risorse culturali, il che comporta la capacità di canalizzare al meglio le risorse finanziarie che giungono in città, da tutto il mondo, a sostegno delle prime; invece di molti soggetti privati, spesso entusiasti ma impreparati, occorre un unico soggetto (meglio se misto pubblico-privato, meglio ancora se europeo) che raccolga tutti i fondi e li convogli ai beneficiari individuati in ordine di priorità. Vedere l’hotel a 6 stelle per magnati arabi a fianco dell’oratorio seicentesco che perde pezzi è avvilente.

Infine, bisogna riconoscere e valorizzare quelle categorie di persone per cui Venezia è ancora viva, attrattiva, pulsante. È ancora una città da abitare, non solo da consumare: artisti, intellettuali, artigiani. Creativi che riescono ad avere in affitto una bottega di 20 mq e a riempirla con la loro idea di Venezia. Studenti non frettolosi, in grado di dare sostanza ai loro sogni.

Il futuro di Venezia riparte soprattutto da loro. Da chi, al netto delle tante difficoltà presenti (prezzi, acqua alta, trasporti difficili, lontananza dalla terraferma, abitazioni) ha trovato l’isola che c’è.

Immagine | pippozzo85

Segnala un errore

Tags:

Aspirante antropologo, vive da sempre in habitat lagunar-fluviale veneto, per la precisione svolazza tra Laguna di Venezia, Sile e Piave. Decisamente glocal, ama lo stivale tutto (calzini fetidi inclusi), e prova a starci dietro, spesso in bici. Così dopo frivole escursioni nella giurisprudenza e nel non profit, ha deciso che è giunta seriamente l'ora di mettere la testa a posto e scrivere su tutto quello che gli piace.

5 Comments

  1. Ancora: a Venezia si possono mandare in giro i bambini da soli, e gli adolescenti la sera fino a tardi.
    Non molte città italiane lo consentono

  2. Condivido quanto questo articolo mette in luce e propone nei confronti di Venezia. E’ necessario agire e non stare alla finestra a guardare il suo continuo deterioramento. Venezia va salvata da tutti noi!

  3. serve anche che qualcosa cambi dentro ai veneziani veneziani. C’è troppa chiusura, troppo rincorsa al soldo facile, troppa scortesia non solo con i turisti, ma anche con chi a Venezia non è nato, ma è di casa. Essere veneziani non è un dato anagrafico, ma un modo di essere.

  4. Bellissimo articolo:”Venezia è l’isola che non c’è che in realtà esiste”. Eccome esiste! Venezia vive nei suoi Artigiani, nei suoi artisti, nei suoi creativi, anche quelli che operano nel campo del turismo, in tutti coloro che si occupano di cultura. Sono d’accordo con Chiara : a volte bisognerebbe cambiare la testa a certi veneziani più “chiusi” ma, anche quelli fanno parte del paesaggio: basta pensare ai personaggi delle commedie goldoniane come Sior Pantalon, gretti, egoisti, taccagno anche nei sentimenti…

  5. Amo Venezia,ma sempre più ogni volta che ci vado mi allontano dalle zone più battute dai turisti.. I veneziani sono un mondo a sé,li riconosci perché parlano il veneziano,usano il dialetto in modo più puro di chi vive sulla terraferma.. per me soprattutto questa è Venezia,l’attaccamento alle radici e alla propria unicità e il fastidio verso il turismo di massa di chi è orgoglioso e consapevole di essere un indiano in una riserva..

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi

Torna su
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: